Sospensione pastiglie / cervicale

a causa di disturbi per dolori al torace ho eseguito una serie di accertamenti:
3 gastroscopie con esito ernia iatale da scivolamento e esofagite cronica non erosiva curata con ipp. Ecocardiogrammi ultimo 23 nov. 2011 esito tutto ok solo segnalata radice aorta 39 mm invariata dal 2007 a oggi. Coronarografia ott. 2010 esito coronarie indenni da stenosi. ecg sotto sforzo esito no ischemie inducibili da sforzo e no artmie.
risonanza magnetica cervicale esito protuzioni discali a c5-c6-c7.
alla fine è subentrata anche ansia e mi hanno dato cymbalta 60 mg che ho assunto per un anno fino a sabato scorso quando di comune accordo con medico deciso di sospendere. Alla sospensione mi succede di avere una sensazione di stordiento dietro la nuca alla base del collo e sento come scarche di corrente al centro del torace e alle dita delle mani soprattutto la dx. mi hanno detto che potrebbe essere a causa della sospensione di avere pazienza e vedere se nel giro di una decina di giorni si risolve il tutto oppure se devo ricominciare a prendere cymbalta. Visto che l'ansia è padrona quando mi succede qualcosa a livello fisico cheido: è verò che la causa è quella oppure può anche essere dovuta alle protusioni discali? premetto che faccio anche ginnastica posturale.

ringrazio e attendo fiducioso.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 69k 2,1k 23
Gentile Utente,

i sintomi da Lei menzionati potrebbero essere dovuti a sospensione del farmaco, sia come ritorno dell'ansia in quanto non ancora "guarito", sia come sospensione pura della molecola. Se in un paio di settimane tale sintomatologia non dovesse regerdire Le consiglio di parlarne col medico che La segue per un'eventuale ripresa della terapia stessa.
Non penso che ci sia un'origine cervicale del problema, comunque si dovrebbero visionare direttamente le immagini.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
gent.mo dott. ringrazio infinitamente per la celere risposta.
credo che la cosa migliore da fare sia tener duro per il tempo da lei menzionato anche perchè sono fermamente motivato a non prendere più il cymbalta e se questo vuol dire dare al corpo la possibilità di adeguarsi soffrendo per un pò allora va bene così, vivere senza problemi sarebbe come vincere un terno al lotto. Per le immagini purtroppo non riesco a fargliele avere solo posso dirle che il referto dice protusioni alla c5 e c6 senza fuoriuscita del nucleo, mi hanno detto in modo semplice che è anticamera dell'ernia e che la ginnastica posturale è utile per evitare peggioramenti. per la c6 c7 dice inizio di protusione e a detta loro non particolarmente grave. Inoltre mi sono dimenticato di dire che ho una malocclusione mandibolare di terzo grado morso inverso che a detta di alcuni specialisti può provocare alla lunga anche questi problemi.

grazie ancora
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 69k 2,1k 23
Gentile Utente,

se il problema è causato dalla semplice sospensione del farmaco in un paio di settimane dovrebbe attenuarsi, se invece rappresenta un "ritorno" dell'ansia in quanto ancora non guarita prenda in considerazione una ripresa del cymbalta in quanto difficilmente i sintomi regrediranno.
Per le protrusioni cervicali non volevo dire che avrei voluto visionarle io ma che dovrebbe farsi consigliare da chi li ha viste direttamente. Comunque non mi pare che ci siano compressioni sulle radici nervose altrimenti sarebbero state menzionate nella relazione.
Per la malocclusione si faccia controllare da uno gnatologo, non da un odontoiatra "normale".

Cordialmente

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test