Utente cancellato
Gentile Dottore
il mio problema è rappresentato dai polpacci che mi risultano sempre contratti, o almeno ho la sensazione che siano tale.
Tutto è iniziato circa un anno fa con una contrattura al gemello sinistro sulla quale per 8 mesi ho continuato anche a giocare a calcio, poi dopo l'ennesimo infortunio muscolare al gemello sinistro, che mi ha costretto a zoppicare per due giorni, mi sono ritrovato tutte e due i gemelli contratti, parlo di circa due mesi fa. Per questo motivo sono andato da un medico dello sport che ha fatto una diagnosi di contrattura bilaterale del gemello, dovuta alla mancanza di scarico, per la quale ho fatto delle sedute di Fisiokinesiterapia e dopo aver trovato gli elettroliti ai limiti nel sangue sto prendendo anche degli integratori. Vorrei sottolineare che ho eseguito anche degli esercizi propriocettivi della quale ho acquisito sempre più destrezza (alcuni li faccio anche con gli occhi chiusi). Il sintomo di contrattura (parlo di sintomo perchè il medico dice che adesso dopo le sedute fatte i muscoli non sono più rigidi) è molto marcato a riposo e si manifesta dopo qualche ora dal risveglio, fino a quando non capita qualche sforzo che ne attutisce la sua manifestazione (ad esempio camminata). Scrivo in quest'area specialistica perchè ho paura che il problema possa essere di natura neurologica, e sinceramente non so che pensare e dove andare, consideri che il medico fa parte di una struttura molto rinomata nel mondo dello sport e lui esclude che sia tale; l'unica cosa certa è che ho sti due gemelli contratti, non noto cali di forza ne di tono muscolare e sento questi ultimi dolenti al tatto.
Mi dia lei un consiglio, perchè comincio ad essere parecchio preoccupato.

[#1] dopo  
Prof. Vincenzo Rossi

40% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
La contrattura dei polpacci solo raramente,per fortuna,è espressione di malattie muscolari di pertinenza neurologica quali ad esempio le miotonie.Solo se il sintomo persiste nonostante le ottime terapie fisiche che sta effettuando,le consiglio di consultare un neurologo esperto in tale settore (in genere un neurofisiopatologo) eseguendo preliminarmente,se non l'ha già fatto,un prelievo per lo studio degli enzimi muscolari (in particolare CK).
Prof. VINCENZO ROSSI

[#2] dopo  
173897

dal 2012
Grazie per il consiglio e per la rassicurazioni.
In questo lasso di tempo le dico che lo stato delle contratture è diminuito di parecchio, l'unica cosa che persiste è una certa dolenzia muscolare, che comunque non crea grossi problemi, probabilmente dovuta alla cronicità della situazione.
Comunque il medico mi aveva prescritto il controllo degli elettroliti (Na, K e Mg), il PCR il fattore reumatoide ed altri parametri infiammatori come la VES.
Sono in attesa di questi risultati che mi deve dare il centro trasfusionale AVIS dove dono regolarmente il sangue ogni tre mesi.
Cordiali Saluti

[#3] dopo  
173897

dal 2012
Gentile Dottore
ho ritirato gli esami indicati ed i parametri sono tutti a posto, solo il PCR supera il valore limite di 0.5, è pari a 0.86.
Nel frattempo le contratture vanno e vengono, nel senso che dopo uno sforzo prolungato, come una corsa si presentano per un paio di giorni, molto di più con una corsa lenta e costante, che con corsa contraddistinta da continui cambi di ritmo; l'unica cosa che permane è un leggero stato di tensione muscolare che causa una leggera dolenzia.
Le aggiungo che non sto facendo più fisiochinesiterapia, da un mese, perchè ho visto che mi ha portato benefici fino ad un certo punto.
Un'altra cosa che posso dire è che durante lo sforzo i miei fastidi sono quasi assenti, anzi più aumento la velocità, più passa il tempo di allenamento e meno sensazioni fastidiose avverto.
A questo punto non so più che pensare, intanto aleggia in me lo spettro di patologie neuromuscolari.
Cordiali Saluti

[#4] dopo  
Prof. Vincenzo Rossi

40% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Gentile Utente,tra le indagini elencate non vedo gli enzimi muscolari(CK-Aldolasi-LDH-Transaminasi).Se non li ha fatti,provveda:si tratta di un semplice prelievo.Successivamente,visto che è così preoccupato,si faccia vedere da uno specialista neurologo esperto in miologia (in genere sono i neurofisiologi, presenti negli ospedali più importanti).Credo sia inutile tormentarsi :meglio andare a fondo e riacquistare la tranquillità!).
Cordiali saluti
Prof. VINCENZO ROSSI

[#5] dopo  
173897

dal 2012
I transaminasi sono ok, 18 contro un massimo di 49. Comunque penso che io non abbia problemi neurologici, anche perchè le contrattura vanno e vengono ed influisce anche il tipo di scarpe, inoltre mentre corro, specie se all'aperto ho pochi fastidi. Per i motivi sopra elencati penso di fare un visita posturologica. L'avrò il prossimo martedì, in caso le faccio sapere, nel frattempo mentre scrivo, vengo da due giorni di corsa, ho solo i polpacci che tirano e niente contratture. Sono molto più rilassato.
Cordiali Saluti

[#6] dopo  
173897

dal 2012
Buon Giorno dottore
Ho fatto la visita posturologia e come dice la stessa dottoressa che mi ha visitato, è probabile che il problema è proprio nella postura, questi gli esiti:

Piano sagittale Piano scapolare anteriore
Normale lordosi lombare
Iperlordosi cervicale
Normale cifosi dorsale
Piano frontale Spalla alta nella norma
Bacino alto sinistra
Piano orizzontale Scapulum destro
Ileo destro
Rotazione testa Abbastanza limitata a sx
Poco limitata a dx
Dim. forza polsi Destra
Piedi Destro piatto
Sinistro piatto
Asimmetrico Disarmonico
Occhi Insuff. convergenza destra
Test lontano-vicino destra
Occhio dominante sx
Test di Romberg indifferente
Marcia sul posto indifferente
Test di lang negativo

Per riassumere, caro dottore, ho la postura leggermente spostata in avanti, inoltre ho il bacino leggermente ruotato a sx e questo causa il ginocchio sx ricurvo ed in effetti se lo osservo, la rotula sx è circa 2 cm dietro alla dx, da qui si spiegherebbe il dolore al cavo popliteo. La postura in avanti potrebbe spiegare le dolenzie al tricipite surale.

A questo punto mi è stata consigliata una visita fisiatrica per mettere a punto un'eventuale rieducazione posturale ed un'altra oculistica, per vedere come risolvere la "pigrizia" del muscolo dell'occhio dx.

Nella visita ho effettuato alcuni test di matrice neurologica, come lei può bene vedere, pensa che possano essere soddisfacenti a fugare le mie ansie riguardo a potologie neuromuscolari?

La ringrazio e la saluto cordialmente.

[#7] dopo  
Prof. Vincenzo Rossi

40% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Impossibile risponderle senza una visita.Il Fisiatra è un medico specialista che conosce la Neurologia e saprà consigliarla.
Cordialmente
Prof. VINCENZO ROSSI