Utente
Buongiorno, richiedo un consulto in quanto mi trovo in una situazione poco definita.
A fine agosto accuso disturbi di compressione,formicolio e calore agli arti, visione offuscata ad un occhio e dolore. Un amico neurologo mi effettua una visita che risulta positiva e mi consiglia di prenotare rmn. In una settimana il braccio-mano dx peggiorano e non ho quasi forza e fatico a scrivere. Vengo ricoverata in neurologia dove diverse visite neurologiche sono molto positive, la tac è negativa, rmn encefalo-midollo senza mdc negativa, pev e pes ai limiti della norma (non ho però i dati), pem dubbi sulla gamba dx, analisi del sangue con valori che "non piaccioni ai medici" relativi a gammaglobuline e albumina. Vengo dimessa senza diagnosi e sono ancora in attesa di chiarimenti.
I disurbi passano da soli dopo circa 4 settimane dall'insorgenza; rimane solo fastidio agli occhi e visione sfocata al dx, che sta migliorando dopo 1 settimana di gocce di cortisone; ho prenotato campo visivo il 5/11.
Il mio amico neurologo sostiene di continuare ad indagare anche con futura rmn, stessa cosa il mio medico di famiglia. Entrambi sostengono plausibile la possibilità di sclerosi o malattia demielinizzante.
Io ero abbastanza tranquilla dopo una rmn negativa ma, a parole, anche i medici dell'ospedale dicono che se ero all'inizio dell'infiammazione, senza mdc lesioni troppo piccole non si vedono.
Vorrei avere un consiglio su come muovermi per eventuali accertamenti, se è il caso di continuare a controllare o se con rmn negativa posso archiviare il disturbo neurologico e cercare diversamente se i disturbi dovessero ricomparire.
Grazie mille

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

con visita neurologica "positiva" e "molto positiva" cosa intende? Dal contesto del discorso sembrerebbe che siano state riscontrate delle alterazioni, non Le hanno detto nula in tal senso?
Riguardo al Suo quesito, considerate le alterazioni dell'esame neurologico, è ovviamente consigliabile effettuare dei controlli come Le hanno detto i medici che l'hanno seguita.

Cordiali saluti ed auguri
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, grazie per la veloce risposta.

Per visita positiva intendo (le riporto ciò che è scritto sulla cartella clinica):
pronazione e slivellamento arto superiore dx di circa 10cm in Barrè anche durante le manovre di distrazione; slivellamento arto inferiore sx al Mingazzini; dissimetria ai quattro arti nelle prove di coordinazione, peggiorata dalla chiusura degli occhi; RCP in estensione bilateralmente, dita in flessione al Chaddock; lateropulsione al Romberg; limitazione dei movimenti oculari estrinseci nelle posizioni estreme nello sguardo di lateralità; prensione ipovalida bilateralmente con lieve prevalenza a destra del deficit stenico; assenti riflessi addominali.

L'ospedale mi ha dimessa senza diagnosi e/o consigli; mi avevano detto che ne avremmo parlato dopo l'esame dei Pem (9/10) ma anche a quell'esame dove avevano difficoltà nel registrare normali riflessi della gamba dx, mi hanno inizialmente detto di aspettare 5 minuti che mi avrebbero consegnato l'esito dell'esame, poi l'infermiera mi ha detto che i medici ci avrebbero "ragionato su" e ricontattata; ad oggi non ho sentito nessuno.
Mi sento solo spaesata, non so se e come fare a distanza di un pò di tempo ulteriori controlli o se prenderla come "qualcosa di strano che mi è accaduto" e che è passato da solo.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ovviamente il problema è da approfondire, su questo non ci sono dubbi. Infatti non può lasciare tutto in sospeso soprattutto dopo un esame neurologico come quello che ha descritto. Personalmente un'altra RM encefalica a distanza di qualche mese la rifarei, poi in base all'esito si prenderanno in considerazione altri eventuali esami diagnostici, se ritenuti utili, per es. rachicentesi per esame del liquor se ci fosse il sospetto di malattia demielinizzante.

Buona domenica

Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
grazie ancora dei consigli.
Ne parlerò col medico di famiglia e il neurologo e fisserò una nuova rmn tra qualche mese. Vorrei anche chiedere la copia di tutti gli esami fatti in ospedale in modo da poter eventualmente confrontarli in altri momenti.
E' quindi possibile che un'eventuale malattia demielinizzante non si sia vista alla prima rmn perche eseguita magari molto presto e senza mdc? Io al momento dell'esito negativo della risonanza ero molto tranquilla, ma medici e neurologo hanno in fretta sostenuto che è da considerarsi negativa solo al momento e che è possibile che la prossima sia positiva.
Mi sento un pò spaesata perchè l'ospedale non si pronuncia e da sola non so bene come muovermi.
Ho 27 anni, due figli e il timore è tanto.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

l'ipotesi che ancora non si siano evidenziate eventuali lesioni demielinizzanti è possibile ma generalmente queste sono molto precoci e precedono la comparsa della sintomatologia (Le sto dicendo l'opposto di quello che Le hanno detto) in quanto in caso di malattia demielinizzante il danno assonale precede i sintomi ed è ben visibile alla RM. Comunque anche l'evenienza che Le hanno prospettato potrebbe essere possibile.
Mi pare di capire che Lei al momento stia bene, se è così sarebbe interessante vedere se l'esame neurologico si sia modificato.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Si Dottore, io adesso sto bene; tutti i fastidi sono passati da soli nel giro di 4 settimane circa; l'unica cosa che mi è rimasta e che noto che sta migliorando molto lentamente sebbene abbia preso un collirio con cortisone per una settimana/5 volte al giorno è la visione sfocata all'occhio destro.
Proverò ad aspettare ancora qualche giorno sperando che dall'ospedale mi diano notizie; il mio medico di famiglia suggeriva l'idea che potrebbe essere l'ospedale a fissarmi già il prossimo controllo tra qualche tempo. Se ciò non avviene provo a muovermi da sola contattando un neurologo o facendomi indirzzare sugli esami da fare dal mio medico di famiglia.
La ringrazio per i consigli,
buona serata

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

mi fa piacere che la sintomatologia sia regredita ma Le confermo l'opportunità della visita neurologica per il riscontro di eventuali modificazioni delle alterazioni inizialmente riscontrate.

Buona serata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Scusi se rispondo solo ora,
grazie ancora. Cercherò allora un bravo neurologo nella mia provincia per rifare nuovamente visita ed esami.

Cordiali saluti

[#9] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
Ho appena eseguito il campo visivo e l'occhio sx risulta normale, nel destro invece c'è una grande macchia scura che è centrale-alta verso destra. L'oculista ha confermato la neurite.
Cosa faccio ora? Cerco un neurologo privatamente dato che l'ospedale non mi ha più richiamata?

[#10]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sì, dovrebbe effettuare una visita neurologica presso un neurologo esperto in materia o rivolgendosi all'ospedale di riferimento.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, sono nuovamente a disturbarla.
Dopo l'esame del campo visivo mi sono rivolta all'ospedale di riferimento, dove mi hanno sottoposta a metà novembre ad un tipo diverso di potenziali visivi "a emicampi" se ben ricordo, ma sono ancora in attesa dell'esito.
Nel frattempo ho chiesto e ricevuto copia della cartella clinica.
Prima di Natale ho fatto una rmn encefalo di mia volontà, visto che mi era rimasta la prescrizione del medico non utilizzata perchè nel frattempo ero stata ricoverata.
Sono emerse "aree di alterato segnale". Preciso però che soffrendo di claustrofobia mi sono spesso mossa, tremavo, si è interrotto l'esame e non sono riuscita a finirlo.
Direi comunque che andare a fare un consulto neurologico sia ormai d'obbligo.
Le chiedo una cosa, mi hanno dato le immagini della mia risonanza, sono sufficienti o solitamente il neurologo le preferisce in radiografia?
Pura curiosità: le ho fatte visionare intanto al mio amico neurologo ma dice che senza referto non capisce se ci sono aree di alterato segnale; il medico di famiglia dice che dovrebbe essere il contrario, che il neurologo dovrebbe basarsi sulle immagini piuttosto che sul referto. Cosa ne pensa lei?
Inizio a essere un pò in confusione con questa situazione che si protrae ormai da mesi.
Intanto sto aspettando un nominativo di un neurologo esperto nella mia zona per prendere appuntamento.

[#12]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in effetti il neurologo dovrebbe sapere interpretare una RM senza la lettura preliminare del referto, poi quest'ultimo dovrebbe servire da conferma o meno alle proprie conclusioni. Comunque ci sono dei neurologi che si basano esclusivamente su ciò che recita il referto. Le "aree di alterato segnale", nel referto, non hanno altre delucidazioni? Se l'esame è stato interrotto mi pare che non abbia pouto effettuare il mezzo di contrasto.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
non ho il referto sotto mano, ma non c'era scritto tanto, 4/5 righe. Aree di alterato segnale, morofolgia regolare e da valutare in base all'età e clinica della paziente.
Il mezzo di contrasto non lo posso fare per un'allergia che ho sin da piccola e che sfoga con angioedema della glottite

[#14]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

capisco, allora faccia la visita neurologica per avere un parere diretto e fare visionare la RM.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro