Utente
Buongiorno agli egregi medici di Medicitalia,

posto qui la mia richiesta di consulto sperando sia quella giusta.

Qualche giorno fa ho accusato dei guizzi alla coscia sinistra che sono durati più o meno un giorno con qualche ora di interruzione;

sono poi scomparsi! Ho notato e percepito il fastidio, poichè rispetto ad altri periodi, tali guizzi, sono stati caratterizzati da una durata più sostenuta , rispetto a quelle volte in cui li ho sentiti o li sento solo per pochi secondi!

Essi, erano visibili sulla coscia e non dolorosi, nè accompagnati da formicolii!

Da qualche giorno, percepisco uno strano e fastidioso prurito più o meno diffuso, molto simile a punture o pizzichii,senza la presenza di alcuna macchia sul corpo! Anche detto prurito non è sempre della medesima intensità!
Sono allergico al polline di cipresso;
mi è stato diagnosticato un reflusso NERD, trattato in contingenza con Ranitidina e levosulpiride o clebobride;
Assumo più o meno "alla bisogna" una benzodiazepina (bromazepam) per ansia, nella quale quasi tutti i medici interpellati per definire una "diagnosi differenziale", hanno fatto confluire la mia sintomatologia!

Non ho interpellato il neurologo ed il curante interpellato per i "guizzi", ha liquidato la faccenda come fascicolazioni benigne, mentre per il prurito non è stato ancora interpellato poichè insorto successivamente!

Può essere di pertinenza neurologica il problema da me lamentato?

Grazie anticipatamente!

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'ipotesi delle fascicolazioni benigne è possibile, così come l'ipotesi ansiosa, avvalorata dai precedenti consulti che ho visionato. Infatti in un recente passato Le è stato diagnosticato un disturbo d'ansa con prescrizione di paroxetina, la sta assumendo?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottor Ferraloro,

innanzitutto grazie per aver risposto;

si effettivamente ho una prescrizione per quanto concerne paroxetina, che però, non ho ancora assunto!

Le motivazioni?
Solo per colpa mia, in quanto, molto probabilmente stupidamente, mi sono fatto prendere dall'ansia (è proprio il caso di dirlo!) degli effetti collaterali e secondo una caratteristica che ahimè , mi si confà, ho teso a "rinviare" nella forse assurda quanto vacua speranza di farcela come dire .......se non proprio da solo, con qualche piccolo "aiutino"....!

E devo dire purtroppo che con questa decisione, i miei sintomi non sono migliorati,anzi ......a me sembra se ne siano addirittura aggiunti altri ( vedi fascicolazioni, prurito, fitte puntorie, pizzichii, tensione addominale, A N S I A E N O R M E )!

Lei dottore, pensa che la sintomatologia riferitaLe, si possa ascrivere all'ansia non curata congruamente?!

Anche per la benzodiazepina , ad esempio, ci sono giorni che non ne prendo affatto, giorni (la maggioranza) che l'assumo solo una volta e molto più raramente due volte!

Questa sensazione di prurito diffuso che provo al momento è comunque compreso nelle fascicolazioni benigne o è altra cosa?!

Cordialmente La saluto con molta stima!

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il prurito non fa parte delle fascicolazioni benigne, l'unica cosa che può associare i due problemi è l'ansia che potrebbe fare da comune denominatore.
Le consiglio di iniziare la terapia prescritta, altrimenti rischia di cronicizzare l'ansia.
Da solo, a quanto pare, non è possibile, non abbia timore ad assumere il farmaco.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Si, effettivamente, dovrei iniziare il trattamento!

Purtroppo da solo, nonostante ci stia provando, sembra molto difficile!

Tornando al farmaco, prescrittomi dalla specialista, (che necessariamente dovrò rivedere, poichè mi aveva impostato degli incontri ravvicinati all'inizio dell'assunzione della paroxetina, credo per verficarne la tolleranza da parte mia onde poi innalzarne il dosaggio) lei a parte il giusto consiglio di cominciare ad assumerlo, vede (seppur con i limiti del consulto on line) la necessità di una valutazione neurologica come approccio alla sintomatologia da me lamentata?!

Molto cordialmente!

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sintomatologia sembrerebbe di tipo ansioso ma una valutazione neurologica andrebbe fatta, per maggiore sicurezza ma senza alcuna preoccupazione.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro