Esito rmn

SALVE MIO PAPA' 69 ANNI GIA' IN CURA CON PSICOFARMACI DA OLTRE 20 ANNI ULTIMAMENTE NON SI RIPRENDE PIU' COME PRIMA ED ABBIAMO DECISO DI FARE UNA RMN CON QUESTO ESITO:

INDAGINE ESEGUITA CON APPARECCHIO DA 1,5 TESLA E CONDOTTO CON TECNICA SE,FLAIR,DWI CON SEQUENZE T1 E T2 PESATE CONDOTTE NEI PIANI SAGITTALE, CORONALE E ASSIALE.


SISTEMA VENTRICOLARE IN SEDE DI NORMALE MORFOLOGIA E DI VOLUME MODICAMENTE AUMENTATO CON ASIMMETRIA DEI LATERALI.
IPERINTENSITA' DI SEGNALE DELLA SOSTANZA BIANCA PERIVENTRICOLARE IN FLAIR DA DEFICIT DI FLUSSO/RIASSORBIMENTO TRANS EPENDIMALE.
ARACNOIDOCELE INTRASELLARE
PROTRUDENTI LE CISTERNE INFRA E SOVRATENTORIALI.
AMPLIATI GLI SPAZISUBARACNOIDEI DELLA DELLA BASE E DELLA VOLTA.
NON APPREZZABILI ALTERAZIONI DI SEGNALE IN SEDE PARENCHIMALE.

VORREI CAPIRE TUTTO QUESTO COSA SIGNIFICA E SE ESISTONO CURE.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Utente,

le alterazioni riscontrate alla RM encefalica sono diverse ma, non mi pare, eccessivamente importanti, certo Le dico questo con tutti i limiti del consulto a distanza e senza visionare le immagini dell'esame.
Le consiglio di fare effettuare a Suo padre una visita neurologica per avere una valutazione diretta del problema.
Cosa intende con <<non si riprende più come prima>>?
Quali psicofarmaci ha utilizzato?

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
SEROQUEL, TEGRETOL E DEPAKIN CRONO, e' seguito da uno PSCHIATRA nel senso che al medico visto che la terapia non risponde bene come tanti anni fa' soffrendo di Disturbo Bipolare, si pensava fosse in atto una demenza vascolare;

tra l'altro dopo l'ultimo ricovero novembre 2012 ed seguita una Tac, la dottoressa della clinica mi disse che avendo una atrofia cerebrale i ricettori dei neuroni essendo (morti) le medicine assunte non vengono in parte assorbite e quindi con un rallentamento della ripresa;

spesso capito che ha momenti che sembra nella piena normalita' ed alterna stati umorali improvvisi di irrequitezza alterazione e anche nella parte cognitiva: esempio

durante un esame in ospedale dovendo entrare in toilette ed avendo in mano una bottiglietta d'acqua non sapeva dopo pogiarla per entrare in bagno dovendosi lavare le mani; quando invece bastava pensare che poteva pogiarla sul lavandino della toilette...

Grazie
Saluti
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Utente,

alla RM non sono state riscontrate alterazioni vascolari che possano fare pensare ad una demenza vascolare. L'atrofia cerebrale, confermata anche alla RM <<AMPLIATI GLI SPAZISUBARACNOIDEI DELLA DELLA BASE E DELLA VOLTA>> potrebbe essere responsabile della sintomatologia cognitiva riferita, sempre possibili però anche manifestazioni del disturbo psichico di base.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Gent.mo Dottore intanto la ringrazio per la sua consulenza e disponibilita' , le chiedo un ulteriore consulto; atrofia cerebrale e demenza vascolare sono due cose distinte immagino, ma sostanzialmente quale e' la differenza e quale si ritiene piu' grave visto che mi sembra di capire che mio papa' ha una atrofia cerebrale.aracnoide

se e' come pensa lei riguardo gli spazisubaracnoidei ampliati e quindi responsabili della sintomatologia cognitiva, come le riferivo visto che negli ultimi due anni con tutta la terapia psichiatrica assunta, mio padre e' rallentato nei movimenti, nella sensazione di perdere il controllo del tempo stando spesso in bagno ore..si suppone che gli ampliamenti degli spazisubaracnoidei si sono accentuati, e che bisognerebbe confrontare esami probabilmente.

La ringrazio
Saluti

[#5]
dopo
Utente
Utente
Gent.mo Dottore volevo anche riportare il referto della Tac eseguita io 30/10/2012

Diffusa ipodensita' della sostanza bianca periventricolare, con aoreole di maggiore ipodensita' a destra come da deficit ripetuti.
Discreta dilatazione degli spazi subaracnoidei encefalici al vertice,con assottigliamento delle circonvoluzioni dei solchi silviani,bilateralmente.
Ampliamento del sistema ventricolare sovra e sottotentoriale, del tipo atrofico.
Strutture della linea mediana in asse.
Non spandimenti ematici intra ed extrassiali.

Grazie Saluti
[#6]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Utente,

la demenza vascolare è dovuta a ripetuti episodi ischemici cerebrali che riducono la perfusione del sangue a livello delle strutture encefaliche causando una sofferenza neuronale. L'atrofia invece è una sofferenza neuronale primitiva generalmente non dovuta a deficit vascolari. Spesso la sintomatologia delle due condizioni tende a sovrapporsi, cioè ad essere simile e dal punto di vista pratico non cambia molto.

Cordialità

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test