x

x

Aids????

Buonasera,
Ho diciannove anni, ho fatto per due anni uso regolare di cannabis con una media di assunzione pari a 3gr giornalieri. Questo antefatto mi sarà utile per formulare un ipotesi alternativa al mio timore di aver contratto l'aids.
Devo premettere che, in un periodo di tempo compreso tra il 22giugno ed il 29luglio ho fatto la prostituta, incontrando un totale di 4 uomini, per un totale di dieci incontri circa. Alcuni rapporti non protetti, in un occasione il preservativo si è rotto con tutto quello che può comportare, tuttavia non sono rimasta incinta. Il 29 di luglio è cessata sia la mia assunzione di cannabis, sia la prostituzione.
Procediamo:
La settimana dell'11 agosto, accuso tutti i giorni episodi di diarrea, perdo peso. Potrei, escludendo la possibilità dell'aids, e di conseguenza i suoi sintomi, ricondurre il fatto a un fattore psicologico: proprio in quella settimana il mio fidanzato non era presente per motivi lavorativi, cosa che mi ha stressato alquanto.
Al termine di questa settimana invece, stitichezza, di cui soffro tutt'ora, seppur in maniera ridotta.
Sono una ragazza molto magra, nella metà/fine agosto, la pancia prende a gonfiarsi (forse aereofagia?) tanto da indurmi a pensare ad una gravidanza (in realtà non ero incinta).
Dopodichè prendo il raffreddore.. Sono un accanita fumatrice e come sempre mi accade, il raffreddore sia ccompagna a tosse, e la tosse persiste per qualche settimana, in questo caso, da agosto, la tosse poi rivelatasi bronchite, sussiste tutt'ora.
Durante un episodio acuto di tosse avverto una lancinante fitta al fianco destro, dopodiché per i giorni successivi ad ogni colpo di tosse, avverto "l'eco" del dolore originario, il dolore al fianco destro cessa, e dopo qualche giorno accade la stessa cosa al fianco sinistro. Siamo ad inizio settembre.
Procedo parlando di cosa mi accade in questi giorni,
Il dodici ottobre faccio uso di hashish dopo due mesi di "astinenza" è sera, mi viene un forte attacco di tachicardia, il cuore mi fa male, ad ogni sencondo penso di morire, ad ogni modo, passa, senza esser fatale. Prendo un pò di freddo, la mattina mi sveglio e mi accorgo di essermi presa il raffreddore, la bronchite che si stava attenuando riprende più vigorosa.
Qualche giorno dopo il mio fidanzato mi parla della sua balanopostite, faccio qualche ricerca, e chissà come mi trovo sull'aids. Raffreddori, bronchiti, stitichezza, diarrea, noto un analogia di situazioni, da quel momento la certezza di aver contratto il virus.
Ora sono un paio di giorni che avverto dolorini alle mani ed ai piedi, all'avambraccio sinistro alle caviglie.
La mia "situazione evacuatoria" si sta normalizzando, tuttavia le mie feci sono chiare, e appare del muco. La pancia continua a contenere aria.
I miei linfonodi non sono ingrossati, non ho candidosi varie nel cavo orale, per ora.

Dunque, consigliate che io mi debba sottoporre ad un test specifico per hiv?
[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 7k 193 52
Gent.le utente,
assolutamente si: test per l'HIV.
Spero che con il suo fidanzato abbia usato il profilattco a protezione di entrambi.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta immediata,
Vorrei però sapere, su che basi mi dice assolutamente si?
Per i rapporti non protetti? O per i sintomi riportati?
[#3]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 7k 193 52
Fondamentelmente sulla base dell'anamnesi ovvero i rapporti non protetti. La sintomatologia può apparire del tutto aspecifica e correlabile a molte situazioni diverse.