Utente
Salve e Buona giornata,
Ho 23 anni e da Aprile 2013 sto attraversando un periodo abbastanza pesante e difficile. Per farla breve, tra i vari sintomi e malori che ho accusato, mi è stata diagnosticata un disurbo d'ansia.
Dato il mio carattere forte, inizialmente ho fatto fatica ad accettare tale diagnosi, ma dopo un pò, ho cercato di convincermi che la diagnosi fosse quella giusta e tutt'ora sono sotto psicoterapia e visto che ho sempre rifiutato una terapia farmaologica, ho scelto una a base naturale, Seleneplus e vagorelax (da circa 2 mesi).

Visto il bruttissimo periodo che ho passato, ora con molta gioia vi dico di stare meglio, molto meglio. Mentre prima vivevo nella paura di avere qualcosa, e avevo limitato la mia vita alla mia sola abitazione ( a letto soprattutto), ora invece, esco, gioo a calcetto, studio ecc ecc. Ho ripreso la mia vita sociale in poche parole, senza quella ossessiva paura ipocondriaca per ogni singolo sintomo fisico.

C'è un però.
E quasi un mese che sono subentrati altri sintomi che inizialmente ho trascurato ( pensando erano sintomi dell'ansia), ma ora accorgendomi di stare bene, psicologicamente bene, e di non aver paura di tali sintomi, che mi pongo alcune domande. Sono sintomi dell'ansia, visto che io ho sperato fortunatamente tale periodo?

I sintomi sono:
-Capogiri e vertigini molto frequenti ( gli ultimi giorni 24h su 24h, quasi che oramai ho imparato a conviverci ), tra l'altro anche con occhi chiusi e a riposo ( e come se la mia testa fosse in perenne movimento oscillatorio), con conseguente leggera perdita di equilibrio mentre cammino.

-Vampate di calore e astenia ( anche se non frequente), testa pesante e muscoli facciali rigidi ( come se avesi la faccia sporca e quindi sento il bisogno di sciacquarla)

- Tremolio alle mani ( gli ultimi giorni me ne sono accorto) e stanchezza agli arti superiori ( anche solo per tenere le mani tese e scrivere questo consulto).

- sensazione di tremori e pulsazioni interne ( come se friggesse qualcosa al mio interno), che si manifestano quando sono fermo o appoggiato da qualche parte, o quando semplicemente appoggio l'orecchio su una parte del corpo.

Capisco la difficoltà di stabilire una diagnosi da lontano, ma in base a quello che ho descritto quali idee vi siete fatti?

Vi ringrazio anticipatamente :)

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

in base al contenuto del post, l'ipotesi della sintomatologia di origine ansiosa è certamente possibile, anche le vertigini possono avere questa origine (pseudovertigini).
Però è chiaro che da questa postazione non è possibile dare certezze, per cui se tale sintomatologia dovesse persistere faccia una visita neurologica per avere una conferma o meno a questa ipotesi.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro