Utente cancellato
Salve. Mi è stata riscontrata una sofferenza della sostanza bianca. Più che altro mi rendo conto che spesso ho delle sensazioni strane ( mi sento il braccio e la gamba destra pesanti, sensazioni di bruciore alla gamba, vista un po' sproporzionata).
Sono abbastanza preoccupata. Potrebbe essere tutto causato da quello?
Come si escludono cause sclerotiche??

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Credo sia utile sia più preciso. Immagino si tratti di un esame RM. Le consiglierei riportare in "virgolettato" il referto dell'esame medesimo.

Inoltre, cosa sono le "...cause sclerotiche..."?
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
351141

dal 2014
Certo ha ragione, cercherò di essere più preciso.
Referto: presenza di varie focalita' gliotiche nella sostanza bianca di sinistra ( circomvoluzione frontale media), nella sostanza bianca di destra ( zona sottocorticale parietale). Inoltre si può riscontrare la presenza di una lacuna aspecifica ( natura liquida) in parietooccipitale destro.
Dopo mdc non si riscontrano danni di barriera ( anche a carico della corda midollare).

Cause sclerotiche intendo SM. Vagando su internet sia i miei sintomi, sia il referto sembra avere cause comuni.

La ringrazio.

[#3] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Le focalità gliotiche sono aree di riparazione di tessuto nervoso lesionato/sofferente (una sorta di cicatrici cerebrali e/o midollari).
La genesi non è univoca:
-vascolare,
-infiammatoria,
-ipossica, sofferenza peri-natale,
-ecc,
Quelle che lei ha a livello encefalico sono "non danni di barriera" ovvero il mdc non produce potenziamento del segnale a livello delle medesime pertanto di vecchia data.

Non vi è "evidenza di SM in atto". Tuttavia per onestà intellettuale l'ipotesi non è completamente scartabile mettendo a confronto i suoi disturbi con il referto RM (eventuale forma benigna silente??).

Cosa ne pensa il suo neurologo che avrà avuto la possibilità di visitarla di persona?

Il consiglio: monitorizzazione clinica neurologica e strumentale RM nel tempo concomitantemente alla ricerca delle cause.

Ne parli con il suo medico e/o con il suo neurologo.

Vi sono opzioni differenti.

Cordialmente.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
351141

dal 2014
Il neurologo mi ha detto di rifarla a settembre però dice che i sintomi sono atipici. Nell'attesa sono molto molto spaventata perché ho sempre disturbi/ sensazioni diverse che prima non avevo. Ho visto due neurologi: il primo l'ha scartata seduta stante, il secondo mi ha consigliato una seconda RM. In ogni caso entrambe le visite sono negative. C'è un modo, per caso, che renda meno probabile questa ipotesi ( per esempio il posto in cui si trovano i focolai e' possibilmente indicativo di qualcosa del genere??)
Grazie gentilissimo dottor Poli.

[#5] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Concordo con una ripetizione RM encefalo e midollo spinale con mdc a distanza di tempo.
Settembre, tuttavia, mi sembra dietro l'angolo ed i suoi disturbi sembrerebbero essere sintomi soggettivi e non segni oggettivi (altrimenti il primo neurologo non si sarebbe espresso in senso assolutamente negativo verso la ipotesi che lei paventa).
IN ASSENZA DI NOVITA' CLINICAMENTE OBIETTIVABILI un tempo corretto mi sembrerebbero essere alcuni mesi.

Circa la sua domanda: le localizzazioni gliotiche nell'SM in maniera caratteristica hanno localizzazione profonda c.d. peri-ventricolare.
Nel suo caso il reperto parla di circonvoluzioni e regioni cortico-sottocorticali pertanto più superficiale, come sovente si osserva in pazienti affetti da emicrania con aura.

Valuti, comunque, che queste considerazioni vanno prese e soppesate secondo una "media che si distribuisce sulla curva di Gauss" pertanto esistono agli estremi di questa le eccezioni.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#6] dopo  
351141

dal 2014
Gentilissimo dottor Poli grazie per le informazioni. Settembre e' esattamente sei mesi dopo la prima RM che ho effettuato in cui sono uscite queste alterazioni ( e' un tempo congruo 6 mesi??). La visita che ho fatto un mese fa era negativa però ho tanti/vari sintomi e sensazioni strane: bruciori, addormentamento gamba/braccio, vista ''alterata'' ecc ecc poi sempre stesso lato.
Ho effettuato anche i pEv ( negativi).
L'unica cosa che mi spaventa e' che prima che effettuassi la
RM avevo strani sintomi e il medico di base mi ha dato del cortisone. I sintomi sono rimasti lo stesso però ho paura che per questo quei focolai siano poi risultati gliotici. E' una cosa possibile? Quando tempo impiegano dei focolai attivi a diventare focolai ''gliotici''??
Scusi le troppe domande.
Grazie dottore.

[#7] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
6 mesi è un tempo assolutamente congruo.

Alla domanda circa il cortisone la risposta è NO, un focolaio di flogosi e poi di necrosi di tessuto cerebrale ha una sua parabola, lo steroide può ridurre la flogosi ma il risultato finale è sempre il medesima ovvero la riparazione gliotica ovvero cicatriziale. Lo steroide è un sintomatico non un farmaco curativo. Tant'è che nelle poussè di SM con peggioramenti/deficit motori severi si usa a dosaggi elevati per brevi periodi 5-7 gg. Ma il trattamento di fondo, la cura, è a base di Interferone o di Copaxone.

Resti in contatto, informi in caso di improbabili novità cliniche e mi faccia sapere, se crede, dopo la nuova RM.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#8] dopo  
351141

dal 2014
Quindi dopo 6 mesi, se nella RM non dovessero esserci novità, si potrebbe in un certo senso escludere la patologia??
Inoltre il dottore mi aveva consigliato senza mdc, lei crede sia meglio con mdc?
Quindi il cortisone non c'entra con il fatto che quei focolai siano poi risultati gliotici, ho capito bene? Hanno un loro decorso ma più o meno si può quantificare, ad es visionando le immagini, da quanto tempo oppure se siano veramente di vecchia data o comunque abbastanza recenti??
Grazie di tutto gentilissimo dottor Poli.

[#9] dopo  
351141

dal 2014
Gentile dottore allora potrei sapere se è meglio il contrasto o no? Inoltre può quindi dirmi se dalla sola immagine si può capire se per es il focolaio gliotico e' li' da anni o per es da un periodo più recente??

Grazie.

[#10] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Se la ipotesi di lavoro è una SM la RM con mdc offre più informazioni.
Non è possibile datare un focolaio gliotico sulla base del solo aspetto.
Si può dire che il focolaio non è attivo se non potenzia il segnale dopo mdc.
Così come si può affermare come il focolaio sia attivo se il mdc potenzia il segnale.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#11] dopo  
351141

dal 2014
L'ho chiesto perché il dottore disse che si poteva fare anche senza perché avevamo a disposizione la vecchia e dal confronto si poteva vedere se la situazione fosse cambiata o meno. Lei dice che il confronto e' la stessa cosa dell'uso dell'mdc? In più dottore sono 2 settimane che ho dolore al seno ( che è comunque un posto pieno di terminazioni nervose) potrebbe essere un dolore indipendente oppure dipendere da questa situazione di focolai?

Grazie.

[#12] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Cosa può aver a che fare un dolore mammario con areole di gliosi encefalica?
Perdoni ma questo è il primo Blog in Italia di consulti medici a distanza: non è un social network.
Siamo al settimo contatto.
Credo di averle fornito tutte le opinioni che potevo in un ambito come questo.
Qualora non sia convinta chieda al suo medico poi, però, si attenga scrupolosamente a quanto prescrittole dal collega.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#13] dopo  
351141

dal 2014
La ringrazio veramente per la professionalità.

Cordiali Saluti.

[#14] dopo  
351141

dal 2014
Salve dottore. 5 giorni fa ho effettuato la nuova Rm. Essa è sovrapponibile alla precedente. Ora in questi casi cosa si fa? Non ho ancora avuto la possibilità di vedere il neurologo però mi fido molto del radiologo.
Grazie.