Eeg siesta

Partecipa al sondaggio
Salve.. Sono una ragazza di 26 anni.. Soffro di epilessia post-traumatica da quasi 9 anni.. Nell'ultimo periodo le crisi sono molto meno frequenti tant'è che quando sono stata a luglio a fare eeg e visita non mi sono stupita poi tantissimo del risultato, cioè in atto nessuna anomalia. Tuttavia per precauzione la neurologa mi ha detto di fare anche un eeg in siesta.. L'ho fatto questa mattina e il risultato secondo lei è parecchio strano.. Mi è apparsa un po' sconcertata.. Forse per non spaventarmi mi ha detto solo che ho un focolaio al lobo temporale sinistro e che questo non c'entra con il trauma da me subito.. Anche perché è consapevole che soffro anche di un disturbo di personalità borderline con un quadro parecchio invalidante.. Mi ha invitata a fare una risonanza, che ovviamente ho già prenotato, per capire di più.
L'eeg in siesta recita così:
Attività di fondo alfa, bilaterale e simmetrica, normoreagente all'apertura degli occhi. HPN e SLI senza effetti di rilievo. Sia in veglia, che durante il I e II stato del sonno nREM (normorappresentate le figure ipniche fisiologiche), si rileva la presenza di treni di attività theta polimorfa e di sporadiche punte e punte lente mediovoltate, sulla regione temporale sinistra. Attività elettrica celebrale di veglia e di sonno alterata per presenza di anomalie sia lente che parossistiche a sede temporale sinistra.
Potete aiutarmi a capire di cosa si tratti?
Grazie
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 75.6k 2.3k 21
Gentile Utente,

all'EEG è stata riscontrata un'anomalia elettrica a livello del lobo temporale sinistro, è corretta l'indicazione alla RM encefalica che Le ha dato la collega.
Avrebbe da copiare qualche referto di EEG effettuato in passato? Non quello normale però.
Le crisi come si manifestano? Sono sempre della stessa tipologia?

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
Utente
Utente
Buongiorno.. Grazie mille per la risposta.
I miei problemi sono iniziati dopo un incidente per il quale sono stata operata con un intervento neurochirurgico con craniotomia frontotemporale destra. Successivamente sono comparsi episodi convulsivi. Si tratta di crisi epilettiche parziali secondariamente generalizzate. Crisi tonico-cloniche con rilascio degli sfinteri. Non ho mai notato differenze effettive nella modalità delle crisi se non nella cadenza, inizialmente mensile per poi divenire settimanale per poi ultimamente

allentarsi e mitigarsi a frequentissimi episodi di conversione.
Un eeg del 2012: "Attività elettrica cerebrale moderatamente anomala per la presenza di punte in posteriore bilateralmente"
Una Rm dello stesso anno "in sede fronto-basale destra si apprezza area di sofferenza parenchimale ad estendensione cortico-sottocorticale, compatibile con gli esiti di pregresso focolaio lacero-contusivo. Altra area di sofferenza parenchimale a analogo significato si nota in sede occipitale sinistra. Asimmetria dei ventricoli laterali. Calcificazioni della grande falce."
Non sono riuscita al momento a trovare referti precedenti.
Ringrazio anticipatamente per le vostre risposte.
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 75.6k 2.3k 21
Stia tranquilla, i referti allegati sono sufficienti per inquadrare il problema, almeno quello non recente. Questi referti risultano congrui con la sintomatologia descritta.
Ritengo che sia in terapia e che sia seguita da un epilettologo.
Adesso è necessario attendere l'esito della prossima RM per vedere se siano subentrati fatti nuovi.

Cordialmente
[#4]
Utente
Utente
D'accordo..
Grazie mille per la sua disponibilità
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 75.6k 2.3k 21
Di nulla, ci mancherebbe!

Buona serata
Disturbi di personalità

I disturbi di personalità si verificano in caso di alterazioni di pensiero e di comportamento nei tratti della persona: classificazione e caratteristiche dei vari disturbi.

Leggi tutto