Utente
Cari Dottori,
Nell’ultimo weekend di agosto ho avuto una forte diarrea, con numerose scariche (una decina o forse più). La diarrea non era accompagnata da particolari dolori addominali. Alle cinque di mattina ho deciso di prendere un Imodium. Già da venerdì, prima della diarrea, stavo poco bene, avevo avuto un riacutizzarsi della mia faringite cronica, accompagnata da una forte congestione al naso. La domenica la diarrea, forse per effetto dell'imodium, si è arrestata, ho pensato pertanto di aver avuto un qualche virus (considerata la concomitanza con il raffreddore e la faringite) e non ho più dato peso alla cosa. Nei tre giorni seguenti ho evacuato pochissimo. Finché il mercoledì ho cominciato ad avvertire, alla palpazione profonda un bruciore, un dolore urente tra ombelico e pube. Il dolore/bruciore ha avuto un'evoluzione inaspettata si è irradiato su tutto l'addome e il cinto pelvico in modo insopportabile. Non riuscivo a stare seduto né a letto, soprattutto non riuscivo a tenere i vestiti e gli slip poiché peggioravano il bruciore interno all'addome. Non solo, anche il semplice sfiorare il mio addome e le mie pelvi mi provocava dolori e bruciori molto forti. Nel giro di due giorni sono stato più volte in pronto soccorso e alla fine sono stato ricoverato. Il problema è che tutti gli esami relativi all'apparato digerente e urinario, comprese le analisi del sangue, erano buoni, cioè da questi esami purtroppo non è emerso nulla! Tuttavia il dolore-bruciore concentrato nell'addome si è esteso anche verso l'inguine e all'interno delle cosce. Nei giorni d'ospedale il dolore/bruciore si è attenuato, ma mi sono comparse nuove strane sensazioni alle gambe, alle braccia e lungo la colonna vertebrale, se mi tocco in questi punti avverto a volte come uno sgradevole solletico interno che può diventare dolore o bruciore se comprimo. Anche se mi toccano provo fastidio sotto la pelle, oppure se tocco io provo sensazioni strane sgradevoli come spasmi. Se stringo i pugni o punto i piedi sento a volte uno spasmo nella zona lombare e nella zona tra ombelico e vescica. Un altro sintomo comparso è quello di svegliarmi nel cuore della notte e sentirmi bruciare . Sto provando anche un senso di debolezza agli arti, ma forse è effetto della mia ansia.
Dalla chirurgia mi hanno dimesso e mi hanno detto di indagare col medico curante il versante neurologico! Il medico mi ha fatto fissare una visita dal neurologo, dove andrò venerdì, mi ha detto che potrebbe anche trattarsi di un’infezione delle radici dei nervi. Ho letto sulla Sindrome di Guillain e mi sono spaventato….questi terribili dolori/bruciori all’addome/pelvi che mi hanno costretto ad andare in pronto soccorso sono comparsi proprio a tre giorni da un'infezione intestinale!
Questa sintomatologia può essere sospetta?
È vero che se causata da infez. intestinale la sindr. è più pericolosa?
Infine considerata la tempistica: 26 agosto primi dolori, 5 settembre visita, credete che la malattia possa esser ancora curata?

[#1]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Pertanto è stato dimesso dall'ospedale senza diagnosi e con una raccomandazione verbale da riportare al medico di medicina generale ??
Niente lettera di dimissione?
Se la via da seguire secondo i colleghi dell'ospedale era quella neurologica, giacchè già ricoverato, perchè non è stata chiesta una consulenza neurologica ed a seguito di questa, se indicati, eventuali esami strumentali?

Bene vedrà il collega neurologo venerdì, tra 2 gg.

Nel frattempo, seguendo la sua consecutio temporum, è stato in PS e qui cosa è accaduto: nuovo ricovero? dimissione? quale diagnosi?

"...mi han detto che potrebbe anche trattarsi di un’infezione delle radici dei nervi. Ho letto sulla Sindrome di Guillain e mi sono spaventato...";
per quanto ne sappia la sindrome di G-B esordisce agli arti inferiori con parestesie, ipoestesia e debolezza ingravescente degli arti inferiori.

Non rammento personalmente di aver mai visti pazienti con un esordio del tipo "... ho cominciato ad avvertire, alla palpazione profonda un bruciore, un dolore urente tra ombelico e pube. Il dolore/bruciore ha avuto un'evoluzione inaspettata si è irradiato su tutto l'addome e il cinto pelvico in modo insopportabile...";
al fine per curiosità personale "alla palpazione profonda" praticata da chi?

Se crede resti connesso ed aggiorni il Blog MI+ circa la visita neurologica di dopodomani.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente
Consecutio temporum:

Primo Ospedale della città 2 volte pronto soccorso: radiografia addome, tac addome, visita urologica tutto negativo, dimissione senza ricovero,

Secondo Ospedale della città 1 volta al pronto soccorso: sotto osservazione qualche ora, radiografia addome etc, analisi sangue tutto negativo

Terzo Ospedale ricovero e dimissione dopo 4 giorni, nonostante questo bruciore c'era ancora e avevo cominciato ad avvertire gli altri strani sintomi che le ho descritto.


All'ospedale mi hanno detto di indagare il lato neurologico perché quando mi palpavano l'addome e/o mi facevano le ecografie provavo dolore nelle zone innervate, inoltre avevo quelle sensazioni sgradevoli al tatto che le ho descritto, però poi sul referto hanno scritto che avevo avuto una colica biliare (falso perché io le conosco bene avendo un calcolo sotto controllo da tanto tempo),
fatto sta che da ieri i sintomi sono peggiorati, oltre al dolore bruciante che provo quando mi tocco o sfioro in varie parti del corpo, mi sono comparse alla braccia e alle gambe delle contrazioni involontarie, inoltre stanotte ho avuto a un certo punto forte impossibilità di respirare sentivo una fortissima costrizione al torace come se fosse di cemento, oggi chiamerà lo specialista sperando di anticipare ad oggi la visita.

Io ho letto in vari articoli su internet che la Guillain Barré può esordire anche con un dolore e non con paralisi e nelle zone prossimali, e ciò ritarda la diagnosi.

Che cos'altro potrebbe essere dai sintomi descritti?grazie

[#3] dopo  
Utente
Aggiunta:
le analisi mi sono state fatte due volte giovedì e venerdì scorso come le dicevo non c'era nulla di alterato ma ho notato che da un giorno all'altro c'è stato un abbassamento dei globuli bianchi da 7700 a 6300, non so se questo può indicare qualcosa. Grazie.

[#4]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Stando così le cose non si comprende perchè sia stato dimesso dagli ospedali o non ricoverato nei PS cui è recato (forse competenza dell'Autorità Giudiziaria).

Ma questo è il momento di "pensare alla salute": pertanto se il quadro clinico è in progressivo rapido peggioramento fino ad avere disturbi respiratori, beh questo mi sembra un buon motivo per anticipare la visita neurologica o in alternativa recarsi presso un PS alla ricerca di una consulenza/parere/valutazione neurologica ed eventuali esami strumentali e/o di laboratorio qualora indicati.

Voglio credere come nella sua città non vi siano solo medici che diagnoticano una cosa (as es: la coloca biliare) per poi sussurrare al paziente che forse la questione è di competenza neurologica.

E se fosse un variante di Guillain Barrè che le procura disturbi respiratori sarebbe cosa da valutare prima di ora.

In bocca al lupo,
cordialmente.


Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#5] dopo  
Utente
Caro Dottore,
la ringrazio e l'aggiorno.

1. Il problema respiratorio dell'altra notte non si è più ripetuto, però da un paio di giorni ho fascicolazioni alle gambe e un senso di sonnolenza e debolezza generale, formicolii ne ho avuti solo un paio di volte, uno alle mani uno alle gambe e al tatto i miei polpacci mi sembrano più flaccidi del solito.
2. Ho effettuato una visita neurologica, il neurologo mi ha detto che all'esame obiettivo non si vedono segni di Guillain Barré e considerato che il mio problema è esordito da quasi dieci giorni qualcosa si sarebbe dovuto vedere, mi ha detto che il problema che ho avuto e che mi sta dando ancora strascichi deve essere indagato e mi ha prescritto un RMN. Nel frattempo mi ha prescritto lyrica (1 compressa) e xanax perché mi ha visto molto in ansia, comprensibile visto che quel fortissimo dolore/bruciore che mi ha portato in pronto soccorso non ha trovato ancora diagnosi.
3. Comunque sia ho deciso di sentire anche un altro parere e lunedì avrò una visita con un altro neurologo, continuo ad aver paura di essere affetto da questa sindrome.
4. Relativamente al trattamento avuto ai pronto soccorsi e in quell'ospedale per ora non aggiungo nulla, se non fossi stato io il paziente avrei giudicato l'ultima scena comica anzi grottesca.
Venerdì scorso l'equipe medica mi disse che il dolore sembrava di origine neurologica o ortopedica e che magari si potevano fare rx colonna, risonanze etc. lunedì sono venuti e mi hanno fatto un'ennesima ecografia e il medico mi dice: "vedi ti fa male qui, ti fa male qui, ti fa male qui... che devo fare? ti facciamo un'autopsia? stai perdendo solo tempo, siamo in chirurgia e non possiamo risolvere di questi problemi, se vuoi ti operiamo il calcolo alla cistifellea" sottolineo che questo calcolo so di averlo da anni. A quel punto mi sono inalberato e ho detto che non era certo colpa mia, arrivo con un dolore addominale e mi mandano in chirurgia che colpa ne ho se questo dolore è di altra origine e evolve in modo inaspettato? Non mi hanno voluto trasferire ma mi hanno detto che mi avrebbe scritto quali esami avrei potuto fare..... quando mi hanno dato il referto non stava scritto nulla di tutto ciò ma solo "colica in colelititasi" e come "cura" il tudcabil.
Io prego il Signore che non sia niente di quello che io temo e che anche lunedì l'altro neurologo alla valutazione mi tranquillizzi. Ma se dovesse essere qualcosa di serio le assicuro che denuncerò la cosa.

la ringrazio e saluti.

[#6]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Bene,
in bocca al lupo,
e si tranquillizzi.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#7] dopo  
Utente
Caro Dott.
io sono relativamente tranquillo,
domani avrò l'altra visita,
tutta via alcuni problemi persistono,
debolezza qua e là, formicolii di tanto in tanto e soprattutto
fastidio/dolore in zona lombo-sacrale
mi sento rigido e ha tratti quando sto in piedi mi sembra di tremolare come se non riuscissi a mantenere l'equilibrio, inoltre nonostante stia bevendo molta acqua e stia seguendo una dieta liquida ho problemi di ritenzione urinaria e soprattutto non riesco ad evacuare da un paio di giorni (io che lo facevo anche 2-3 volte al giorno), è come se sentissi che l'intestino è "morto" ì, bloccato, indurito, niente movimenti, niente di niente.
Potrebbe essere anche questa la spia di un problema neurologico in atto?
Oppure potrebbe essere l'effetto dei due farmaci che mi sono stati prescritti (una compressa di lyrica da 75 e 16 gocce di xanax)?
Come potrei fare per risolvere il problema?
Non vorrei di nuovo andare in pronto soccorso (quando mi hanno ricoverato mi hanno praticato una c....... con eucerin e non è stato bello).
L'aggiornerò sulla visita di domani, se continuerà a rispondermi la ringrazio in anticipo e le auguro una buona domenica.

[#8]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Alla luce di quanto mi dice la domanda è d'obbligo: ma dei medici che fino ad ora la hanno visitato di persona nessuno ha avuto il buon senso di farle eseguire una RM del Midollo Spinale (possibilmente con mdc) in toto?
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#9] dopo  
Utente
Caro Dottore,
come le dicevo in un precedente post, il neurologo che ho visto venerdì mi ha prescritto un RM dorsale, è la stessa cosa?
Vedremo domani cosa mi dirà l'altro neurologo.
La ringrazio.

[#10]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Meglio una RM cervico-dorsale per studio rachide e midollo spinale.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#11] dopo  
Utente
Caro Dottore,
la ringrazio e l'aggiorno.
A proposito della visita neurologica di qualche giorno fa ho dimenticato di scriverle che il medico nel referto ad un certo punto scrive:

l'esame neurologico non mostra segni chiaramente patologici se non per la dubbia assenza bilateralmente di riflessi addominali,
si tratta del medico che mi ha prescritto la RMN dorsale,

il neurologo che mi ha visto oggi non ha riscontrato segni patologici e ha scritto:

l'obiettività neurologica è negativa, dubbia riduzione del riflesso anale....
e consiglia RMN dorso lombare per studio del cono midollare....



quindi? che cosa pensa?

oggi il senso di debolezza generale è diminuito, i sintomi che ancora provo sono: un leggero fastidio/impaccio in zona lombare che mi corrisponde sul davanti alla zona tra ombelico e vescica ma solo se mi comprimo o se mi piego o se faccio movimenti bruschi, un rallentamento intestinale (sono andato stamattina in bagno ma non come il mio solito), però ho urinato normalmente (due volte da stamattina), mentre avverto un certo "depotenziamento" nell'erezione, non so se sono segni patologici o frutto dell'ansia... o crede sia il caso di vedere un terzo neurologo? Oggi andrò dal mio medico per farmi prescrivere la risonanza magnetica, lei crede che potrà farla estendere al tratto cervico-dorsale come consigliava lei o dovrà attenersi alla prescrizione degli specialisti?

grazie ancora.

[#12]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Il suo medico di medicinaa generale ha assoluta discrezione nel preschiverle la estensione dell'esame RM all'intero rachide vertebro-midollare.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#13] dopo  
Utente
Già fatto ieri, risonanza con e senza contrasto cervicale toracica e lombosacrale, quindi di tutti i segmenti,
ho già chiamato in vari centri... le liste di attesa sono chilometriche,
solo in uno se ne parla tra ottobre e novembre, ma dovrò richiamare verso il 15! Sono demoralizzato.
Ieri mi sentivo abbastanza bene.
Solo stanotte mi sono svegliato
e avevo le braccia fortemente intorpidite e un leggero senso di bruciore interno al corpo, però appena mi sono alzato è passato.
La cosa che mi sta stressando di più è la stipsi da più di due giorni, mi viene voglia di non mangiare più nulla,
lei crede che il problema possa essere dato dall'associazione di 2 lyrica da 75 e 16 gocce di xanax?
perché è da venerdì, cioè da quando ho cominciato a prenderle che la cosa è abbastanza peggiorata!
il mio medico mi ha prescritto fibrolax.

grazie.

[#14]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Le liste di attesa del SSN.
E privatamente presso struttura di "primo livello" ovverosia adeguata?

Circa il quesito "...lei crede che il problema possa essere dato dall'associazione di 2 lyrica da 75 e 16 gocce di xanax?..." ritengo che non vi sia correlazione, forse effetti indesiderati nel primo periodo di assunzione destinati a risolversi nel giro di poco tempo (alcuni giorni, una-due settimane).
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#15] dopo  
Utente
Caro Dottore,
ho già chiamato alcune strutture convenzionate alle quali lei si riferisce, in una delle strutture eseguono solo la cervicale e la lombosacrale (e senza contrasto!) perché trattasi di RMN aperta (cosi mi hanno detto), nella struttura che esegue tutto mi hanno detto di richiamare nei prossimi giorni con la speranza di essere inserito nel periodo ottobre-novembre. In un'altra struttura addirittura potrei entrare in convenzione solo in gennaio, oppure se voglio farla fuori convenzione mi hanno chiesto circa 500 euro (senza considerare il contrasto, con contrasto il prezzo aumenterebbe). In un'altra struttura che non è convenzionata mi hanno chiesto addirittura 250 euro per segmento, quindi 750 euro.... che si sommerebbero al costo dei neurologi che ho consultato finora e a circa 250 euro di analisi del sangue/urine/coprologiche effettuate (dovrei avere alcuni risultati già domani), Perciò purtroppo non mi resta che aspettare e vedere se almeno riesco a farmela fare in convenzione ad ottobre.
Tra ieri e oggi mi sento discretamente, solo stamattina mi sono svegliato con le gambe addormentate ma appena mi sono alzato è passato tutto (devo comunque dire che spesso mi capitava anche prima di svegliarmi e avere le gambe o le braccia addormentate). Il problema che mi sta assillando di più, come le dicevo,o è il rallentato transito intestinale, mi rendo conto che nella mia domanda non mi sono spiegato bene, non intendevo chiederle se la stipsi potrebbe essere dovuta all'"associazione" e sovrapposizione di lyrica e xanax, ma se questi due medicinali (indipendentemente dal fatto che sono assunti insieme) possono provocare come effetto secondario la stipsi, perché sul foglietto interno di entrambi sta scritto che è un effetto "comune" e ho pensato che prendendoli entrambi questo effetto si possa essere accentuato. Dico questo perché altrimenti la mia ansia mi porterà a credere che anche il rallentamento intestinale di questi giorni possa essere la spia di qualche "danno" neurologico, come quel dolore urente iniziale che ha dato il via a tutto.

un saluto e la ringrazio.

[#16]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Avendolo già letto la risposta la ha già individuata per suo conto ovverosia "potrebbe", "è comune".
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#17] dopo  
Utente
Caro Dottore,
oggi ho ritirato le analisi del sangue che mi erano state prescritte dal medico, gliele trascrivo per avere un parere anche relativamente alla sintomatologia che ho registrato nei giorni precedenti, tra parentesi metterò il range di normalità (visto che cambia da un laboratorio all'altro):

Emocromo:

WBC 5.7 (4.5-10.5)

RBC 4.82 (4.00 - 6.00)
HGB 14.7 (12.00-18.00)
MCV 91 (80-100)
MCH 30.5 (28.00-32.00)
MCHC 33.6L (34.00 - 38.00) - segnalato
RDW 11.3L (11.6 - 16.5) - segnalato

PLT 235 (150-450)
MPV 11.0 (7.8 - 12.0)
@PCT 0.259 (0.200 - 0.500)
@ PDW 19.8H (8.0-18.00) segnalato

NE 50.5R (45.0 - 75.0)
LY 38.5R (25.0 - 45.0)
MO 4.7R (2.0 - 11.5)
EO 6.2R (6.0) segnalato

NE# 2.85R (2.00 - 7.50)
LY# 2.18R (1.00 - 5.20)
MO# 0.27R (0.10 - 1.20)
EO# 0.35R (0.00-0.50)
BA# 0.01 (0.00 - 0.20)

Allarmi DiffPlot WBC

DIFFPLOT
Messaggi interpretativi
NRBC
Macropiastrine


Altri valori:

Proteina C reattiva 2,8 (0.0 - 10.0)
Amilasi pancreatica 32 (0-53)
Lipasi 73 (0-60) segnalato
Colesterolo HDL 33
Ves 1 ora: 8 (2-25), 2 ora: 16, Indice di Katz: 8
Trigliceridi 297 (60-165)
Glicemia 0.95 (0.60-1.10)
Azotemia 0.29 (0.10 - 0.50)
Transaminasi GOT 30 (0-40)
Transaminasi GPT 63 (0-41) segnalato
Colesterolo totale 211 segnalato

Elettroforesi sieroproteica:

Albumina 62 (52-68)
Alfa1 2,5 (1,5-4,5)
Alfa 2 6.6 (6.5 -13,5)
Beta 14,8 (8,0-15,0)
Gamma 14,1 (10,5-20)

Albumina 5,15 (3,28-5,64)
Alfa1 0,21 (0,09-0,37)
Alfa 2 0.55 (0,41-1,12)
Beta 1,23 (0,50-1,25)
Gamma 1,17 (0,66-1,66)

Rapporto A./g 1m63 (0.80-1.90)
Proteine tot 8,3 g/dl (6,3-8,3)

Esame feci sangue occulto: negativo
Esame urine: tutto negativo


Come malattie croniche soffro di: ipotiroidismo, moderata steatosi epatica e calcolo alla cistifellea.


Ciò che non mi è chiaro nell'emocromo è questo: i valori fuori range sono pochi e si discostano di pochissimo dai valori normali, ma che cosa significa allora l'allarme Diffplot wbc e il messaggio interpretativo: NRBC Macropiastrine? è la prima volta che mi capita di vedere messaggi di questo tipo nelle mie analisi.

Il mio medico quando gliele ho mostrate oggi mi ha detto che l'emocromo andava bene, ma io quando sono ritornato a casa ho riletto le analisi e mi sono accorto dell'allarme e del messaggio e mi sono preoccupato, perché la presenza di NRBC mi sbaglio o potrebbe indicare problemi al midollo osseo?

Relativamente alla lipasi (che quando mi hanno fatto le analisi in pronto soccorso era nella norma cioè a 40) il mio medico dice che visto i trigliceridi alti, le transaminasi gpt alte e il colesterolo, dipende da un'alimentazione sbagliata e dal mio sovrappeso (soffro di moderata steatosi e colelitiasi), perché per ciò che riguarda il pancreas in ospedale non è uscito fuori nulla né all'ecografia, né alla tac addome ne alla rx addome, inoltre l'amilasi è a 30.

La ringrazio anticipatamente.



[#18] dopo  
Utente
Caro Dottore,
potrebbe tranquillizzarmi sul mio precedente post?
Per non disturbarla più avevo postato il mio emocromo in ematologia, ma non so perché il consulto è stato "rimosso dallo staff"...


Grazie.

[#19]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Volentieri cercherò di decodificare al posto del suo medico di medicina generale gli esami ematici allegati.

L'emocromo evidenzia solamente un lieve aumento del sotto-gruppo "eosinofili" nell'ambito dei globuli bianchi ed un altrettanto lieve aumento volumetrico delle piastrine.
Questa "anomalia" potrebbe rappresentare una condizione transitoria oppure anche una sua caratteristica personale.
Pertanto può essere utile andare a rivedersi gli esami precedenti per valutare quale siano "di solito" i valori e ripetere un emocromo di controllo fra un mese.

Per il resto le consiglio un più efficace ed esaustiva collaborazione con il suo medico di medicina generale.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#20] dopo  
Utente
Caro Dottore,
la ringrazio per la sua gentilezza e per avermi tranquillizzato.
Lei ha perfettamente ragione, sono andato a rivedere le analisi fatte annualmente dal 2010, il lieve aumento degli eosinofili l'ho sempre avuto, sono sempre intorno a 6.0, mentre relativamente alle piastrine il PDW è sempre stato tra 17.0 e 18.8!
Tra l'altro è da alcuni giorni che ormai mi sento bene, cioè come mi sono sempre sentito prima di stare male più di tre settimane orsono... pertanto andrò (quando si potrà) a fare la risonanza magnetica con un animo certamente più sereno rispetto a quello di un paio di settimane fa!

Grazie ancora e buona giornata!