Utente 385XXX
Salve,
Vorrei esporvi questa questione : possibile che non si trovi materiale di studio soddisfacente sulla correlazione specifica tra nevralgia del trigemino, e nervi cranici in genere, e ciclo mestruale?
Sono una donna di 35 anni e da Gennaio soffro di nevralgie di nervi cranici, in particolare del trigemino del lato sinistro (branca oftalmica, terminazione dell'arcata dentaria superiore, arcata inferiore) nell'esatta corrispondenza del termine della fase premestruale e dei primi giorni delle mestruazioni. I dolori, che comprendono anche 'emicranie ' varie finiscono con il termine delle mestruazioni.
Il modus dei sintomi , riguardo al trigemino, ha fatto pensare i medici che ho consultato ad una nevralgia del trigemino di tipo idiopatica, sine causa ( organica), ed il mio è un dolore di tipo più simile ad un'emicrania, piuttosto di tipo pulsante e profonda. Niente a che vedere con punti trigger ecc . Nessuno ha saputo dirmi della correlazione con gli ormoni, ed io non trovo letteratura medica in merito.
Grazie, Roberta

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
"...il mio è un dolore di tipo più simile ad un'emicrania...";
beh direi che valutata la tipologia di dolore e l'andamento ciclico strettamente correlato al coclo mestruale è probabile che il suo dolore cranio facciale sia una emicrania "catameniale" con distribuzione caratteristica in territorio fronto-temporo-periorbitario.

Più che qualcuno le spieghi la correlazione con le variazioni ormonali credo sia importante vi sia qualcuno capace di darle una adeguata terapia del dolore ed un trattamento di profilassi.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente 385XXX

Gent. dr. Otello Poli,
nel ringraziarla dell'attenzione per il mio caso, Le dico che, vede, Lei ha colto subito un'ipotesi più che plausibile e intuitiva, e basata su esperienza, a me è stato detto : 'non ho idea', 'non ho mai visto o letto', e quindi ne consegue che la terapia eventuale sia stata legata alla mancanza di diagnosi. In breve, essendomi rivolta al medico curante , tra l'altro un medico molto bravo, ma che non è uno specialista in neurologia e che non ha in effetti mai visto questo caso, e ad un neurologo amico ( ora in pensione) , ho ottenuto visite e molte chiacchierate in merito ma nessuna diagnosi o ipotesi, poiché non gli è mai capitato altro che la classica sindrome del trigemino, e non un'attivazione del dolore dello stesso in concomitanza con le mestruazioni , e solo casi di emicranie cosiddette mestruali. Non ho preso alcun farmaco finora, il dolore credo non sia paragonabile nemmeno alle classiche scosse riferite da chi è affetto dalla sindrome del trigemino, ma di certo mi sta rendendo ogni mese la vita difficile, e di certo non ho intenzione di prendere antiepilettici ecc senza sapere cosa io abbia, potrei provare a farmi prescrivere i classici antidolorifici dal medico curante , non trova ? Non so, io sono sconcertata dal fatto che finora ho avuto di fronte la possibilità che non vi siano casi simili al mio, la Sua risposta già mi conforta. Qui dove vivo in Abruzzo non vi è un reparto ospedaliero di neurologia, non ci sono specialisti privati a parte il mio amico, che però non ha esperienza del fatto, e se anche avessi voluto approfondire con esami diagnostici per valutare lo stato dei nervi cranici ( cosa che non mI hanno ad oggi consigliato), potrei fare solo una risonanza ( passano comunque mesi ) e avere un referto tecnico, ma nessuno che la sappia valutare bene, quindi ho evitato. Altrimenti dovrei spostarmi di regione e in questo periodo non saprei dove e come. Leggevo che addirittura occorre un neuro radiologo solo per effettuarla, figuriamoci ...Il mio medico di base ha contatto per mail un neurologo estero per chiedergli un parere, e la risposta è stata che si tratta di emicrania mestruale e che il trigemino non c'entra niente. Il fatto è che la cosa visibile, il fatto appunto, che a me fa male quello, oltre ad altri nervi cranici penso, poiché si attiva nevralgia anche al palato, al nervo acustico ( ho anche acufeni leggeri), insomma ho varie nevralgie e indolenzimento vario , ma il dolore maggiore si trova nelle 3 terminazione del trigemino suddette ( a volte ho anche il classico 'mal di testa', certo) . Il dolore come abbiamo detto è paragonabile esattamente a quello di un'emicrania che ho potuto provare a volte come tutti, fisso e costante, a volte a fitte più forti, solo nelle sedi elencate. Tornando a noi, per concludere, quindi è probabile che in me si verifichi questa emicrania catameniale e che questa sia in realtà una distribuzione caratteristica ? Da sua esperienza quindi accade? E Accade che durante il calo di estrogeni ( mestruazioni) si possa verificare che anziché la tipica emicrania mestruale , poiché vi è attivazione del trigemino,io avverta dolore li ? Ultima domanda : poiché da ragazzina ebbi un trauma da incidente in quel lato del cranio , potrebbe essere un cosiddetto esito cicatriziale? Mi è stato detto di no, in effetti sono passati 15 anni ! E una condizione post erpetica? Che Salterebbe fuori quasi ad ogni mestruazione , sembra improbabile, vero? Poiché anni fa, sempre dal lato sinistro, ebbi infiammazioni varie, anche dolore intercostale, poi svanito , sempre da quel lato,e durante le mestruazioni. La ringrazio infinitamente , ora leggo i suoi link , Roberta

[#3] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Forse non mi sono spiegato al primo contatto.

Io non credo che lei abbia una nevralgia trigeminale nel territorio afferente alla prima branca (ovvero branca oftalmica: che nulla ha a che fare con le arcate dentarie ovvero II e III branca; queste ultime semmai potrebbero dolere per una iperemia loco-regionale correlata alle fasi del ciclo ormonale);

bensì penso che abbia una più comune emicrania catameniale vista la tipologia del dolore, il timing ciclo mestruale-correlato e la sua localizzazione caratteristica ovvero in territorio simile a quello della prima branca o branca oftalmica del trigemino ma con modalità del tutto differente.

Naturalmente questo è un consulto a distanza e come tale non può sostituirsi ad una visita medica effettuata di persona.

E' altrettanto ovvio a questo punto come Lei debba essere valutata clinicamente da un neurologo esperto in terapia del dolore cranio-facciale.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
Utente 385XXX

Ora è tutto più chiaro e comincio ad avere un po' di luce per il mio caso. Cercavo appunto di capire l'attivazione del trigemino, adesso con la spiegazione e sua osservazione riguardo alle sue branche e loro attivazione, oftalmica- emicrania catameniale, e II e III - iperemia , sempre per le fasi del ciclo mestruale , comincia ad avere per me un senso. Provvedo quindi!
Complimenti e a presto.
Roberta

[#5] dopo  
Utente 385XXX

Non capisco perché non sia rimasto , o sia sparito, (forse non lo vedo io? ho continue notifiche nella mail e mi sono riaffacciata , boh ) il mio secondo commento che avevo aggiunto subito dopo, che per correttezza riscrivo brevemente , affinché chi consulti il sito possa usufruire per casi simili, e per mio interesse personale per ricevere informazioni da qualcuno che può aver osservato casi simili, o interessato alla ricerca.
Nella prima parte chiedevo semplicemente sulla base di questa ipotesi come mai tre branche dello stesso nervo potessero attivarsi insieme per cause diverse, ma con lo stesso identico modus, o per meglio dire, come mai la branca I non si attivasse in realtà , trattandosi di emicrania catameniale, con dolore oftalmico senza però sede frontale e temporale ma solo orbitale, e la II e la III del trigemino si ( con dolore uguale al territorio oftalmico, e questo è uguale a quello in corrispondenza dei denti ) su base di possibile iperemia in loco delle arcate dentarie, che clinicamente non ho ( non ho infiammazione gengive , problemi ai denti ecc) e perché la flogosi dovrebbe ripresentarsi ogni mese col ciclo.
Detto ciò chiedevo, volevo riportare invece questo, come da mia domanda del post, ossia se qualcuno tra i neurologi ha osservato casi di dolore in sede trigeminale in corrispondenza delle mestruazioni, anziché la nota emicrania catameniale. Io non ho mai trovato niente in merito.
Niente, era tutto qui.
Grazie :)