Utente 291XXX
Salve a tutti,
Ho 29 anni e vi scrivo per un disturbo del quale non riesco a trovare una soluzione.
Da circa 2 mesi soffri di alcuni episodi di dolore facciale destro. Il dolore è mal localizzato e si sposta dal mascellare superiore alla mandibola inferiore.

Inizialmente ho pensato si trattasse di un dolore dentale così mi sono recato dal mio dentista il quale ha devitalizzato un dente con una vecchia otturazione con la "speranza" che fosse il responsabile del dolore. Così non è stato anche se in tutti gli episodi il dolore è sempre sparito in concomitanza con le cure odontoiatriche.

Dei 3 episodi avuti 2 sono stati concomitanti con sintomi da raffreddamento quali mal di gola e leggero raffreddore (non un raffreddore copioso).

Ho pensato così potesse trattarsi di sinusite. Mi sono recato da un Otorino il quale ha ritenuto opportuno farmi fare una TC del Massiccio Facciale.
Ho eseguito la TC e non c'è niente di rilevante a parte una discreta ipertrofia dei turbinati destri (la parte dove ho dolore) e una deviazione del setto.

Il dolore non è scomparso, anzi...continua. E' un dolore mai estremamente forte, un dolore quasi continuo e sempre di intensità medio bassa, non per questo meno invalidante.

Sono un soggetto estramemente ansioso in cura con Cipralex gocce 10gc al giorno e ho letto molte cose sulla nevralgia del trigemino, ho letto della pericolosità dei farmaci e soprattutto dell'intervento di decompressione con craniotomia che mi spaventerebbe tantissimo.

Faccio presente che, a causa della mia ipocondria conclamata, circa 6 mesi fa ho eseguito una RMN Encefalo perchè avevo sempre una sensazione di confusione mentale. La RMN (senza mdc) non ha evidenziato nulla ed era totalmente negativa.

Vorrei sapere se un dolore come il mio, non forte ma medio-basso e continuo (non scosse elettriche ne durata di brevi secondi) possa ricondursi a una nevralgia del trigemino oppure ad altro. E vorrei sapere se avendo già fatto una RMN encefalo (senza sequenze angio rmn) posso escludere qualcosa di più grave (sclerosi multipla) ad esempio.

Vi ringrazio
Un saluto

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

con RM encefalica negativa può escludere lesioni demielinizzanti al cervello, anche se non ha effettuato sequenze angio che non sono necessarie per la ricerca di questa tipologia di lesione.

Sul dolore che descrive, l'ipotesi della classica nevralgia del trigemino è in generale possibile ma senza una visita neurologica non si può stabilire la vera natura del problema.
Altra ipotesi potrebbe essere quella di una disfunzione dell'articolazione temporo-mandibolare, ipotesi che andrebbe discussa e verificata rivolgendosi ad uno gnatologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 291XXX

Gentilissimo Dott. Ferraloro,
la ringrazio per la sua cortese risposta.
Avrei alcune domande da farLe in relazione a quanto mi ha detto.

Stasera sono andato dal mio odontoiatra il quale esclude in un certo senso la nevralgia del trigemino in quanto dice che il dolore di tale patologia è completamente diverso dal mio. Dice infatti che la nevralgia del trigemino presenta dolore fortissimo che rende la vita impossibile, che dura non molti minuti e che normalmente va e viene. Mentre il mio è un dolore normalmente sopportabile da media a bassa intensità e sempre presente.
Mi ha fatto due rx endorali e ha visto due carie abbastanza voluminose in corrispondenza dei denti superiori sui quali avverto più dolore. Ha ipotizzato potrebbero essere le responsabili della sintomatologia. (è vero che io sono ipocondriaco e penso sempre al peggio ma ci credo poco che due carie possano causarmi tanto disagio).

Avrei però una domanda. Stasera ho avuto molto dolore e quindi ho preso una tachipirina da 1000. 15 minuti dopo il dolore è diminuito e adesso è quasi completamente scomparso. Stessa cosa mi succede quando assumo OKI con il quale il dolore scompare quasi immediatamente per poi ripresentarsi 6/7 ore dopo.
La nevralgia del trigemino ha questa caratteristica di scomparire con farmaci tipo tachipirina o oki? Si può in un certo senso escludere la nevralgia trigeminale su un dolore che scompare con antidolorifici di questo tipo? Il dolore neuropatico risponde ad antidolorifici e fans?

La ringrazio di nuovo.
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

infatti come caratteristiche descritte sarebbe atipica come nevralgia del trigemino ma ho scritto <<in generale è possibile>> perchè esistono forme di dolore continue, anche se rare.
La risposta ai fans invece è scarsa o assente del tutto.
Può seguire la seconda ipotesi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 291XXX

Gentile Dottore,
la ringrazio di nuovo per la sua risposta.
Cosa intende per "può seguire la seconda ipotesi"?

Ci sono alcune cose di questo dolore che non mi spiego.
Ad esempio il dolore la mattina è assente. Inizia verso il pomeriggio e dura fino alla sera. Durante la notte non ho mai dolore.

Il dolore risulta essere sempre concomitante con sintomi da raffreddamento tipo muco vedrastro striato di sangue che mi esce dal naso quando lo soffio, mal di gola con un po di placche.

Quando respiro sento le pareti del naso come "sensibili" o interessate da una infiammazione molto forte. Il muco che esce è sempre poco ma quello che esce è molto molto denso (come grumi di muco) e 9 volte su 10 è pieno di sangue.

Non vorrei che questi particolari possano essere collegati al dolore facciale.
Da non sottovalutare il fatto che le prime ore della mattina sono quelle in cui ho espettorato di catarro (infetto in quanto di colore brunastro) per il quale sto assumendo antibiotico. Dalle ore 10 in poi non produco più catarro. La narice destra del naso (quella della parte del dolore) ha turbinati eccessivamente ipertrofici ed è sempre chiusa rispetto all'altra.

La mia paura più grande è che ci possa essere un conflitto vascolare con il trigemino a livello cerebrale e vorrei scongiurare questa paura. Cosa potrei fare? Una RMN con sequenze angio?

Inoltre la nevralgia atipica (se fosse il mio caso) è di più facile trattamento o no rispetto a una nevralgia tipica?

Grazie

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

<<la seconda ipotesi>> di cui parlavo è una possibile disfunzione dell'ATM, da verificare mediante consulto gnatologico.
Dalle ultime Sue precisazioni, anche un problema ORL potrebbe essere preso in considerazione (sinusitico, dei turbinati, ecc.).
Un'eventuale nevralgia facciale atipica potrebbe rispondere ugualmente ai farmaci per il dolore neuropatico.
Senza una visita diretta però tutte queste ipotesi sono destinate a rimanere sterili.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 291XXX

Grazie di nuovo per la sua risposta.
Oggi il dolore sembra essere leggermente diminuito. Ce l'ho meno persistente e a "passate" blande e veloci e mal localizzato in piu punti della mandibola e mascellare destro. Non è un dolore forte ma blando...come da residuo infiammatorio (ma questo lo dico io da ignorante).

Il dolore si è spostato verso l'orecchio in corrispondenza proprio del condilo mandibolare e sull'osso dello zigomo destro senza interessare (oggi) le gengive e i denti superiori ma solo un po la mandibola inferiore.

Quando deglutisco sento scoppiettii nelle orecchie a volte maggiormente a dx dove ho dolore e l'otorino mi ha estratto dalle orecchie delle membrane batteriche molto voluminose in seguito ad un lavaggio auricolare.

L'altro ieri, su mia iniziativa, ho eseguito VES, TAS, PCR, EMOCROMO e TAMPONE OROFARINGEO tutti risultati negativi.

Il mio dolore risponde molto bene ad Ibuprofene e discretamente bene a paracetamolo. Il mio medico di base afferma che questi farmaci controllano il dolore da nevralgia del trigemino ma a me, da quanto letto qui e anche in altri articoli, non mi sembra sia proprio così.
Lo stesso medico di base mi ha prescritto TEGREDOL ma io ho timore a prenderlo e vorrei sentire prima un neurologo vista la "Pericolosità" del farmaco e visto che assumo anche Escitalopram per ansia generalizzata condizione che penso si evinca anche dalla preoccupazione in questi testi.

[#7] dopo  
Utente 291XXX

Buongiorno,
scrivo per aggiornare sulla mia condizione.
Per 4 giorni non ho avuto alcun dolore facciale anche senza somministrazione di farmaci (FANS o Tachipirina).
Stanotte alle ore 4 però mi sono svegliato con il dolore all'arcata superiore destra, ben localizzato, irradiato per 6 cm circa in senso orizzontale dall'ATM fino al PRIMO MOLARE SUPERIORE DX.
Mi è capitato già un'altra volta di svegliarmi con questo dolore.

Il dolore è il solito: continuo, leggermente variabile in intensità, senza parestesie o sensibilizzazioni della cute (no senso di bruciore, no reazioni particolari al tatto).
Toccandomi vari punti della faccia niente fa scatenare il dolore: il dolore è sempre spontaneo e senza motivo apparente.

Ora ho ripreso l'ennesima tachipirina perchè voglio evitare di passare tutta la giornata con questo fastidio (perchè si tratta comunque di un dolore che con un po di pazienza forse si potrebbe sopportare...ma rende nervosi).

Sulla luce di quanto appena esposto cosa mi consigliate?
Sbaglio o la nevralgia del trigemino non colpisce mai durante il sonno?

[#8] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

Le confermo l'opportunità di sentire uno gnatologo ed un otorino, dal Suo racconto mi sembrano le figure professionali di riferimento.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente 291XXX

La ringrazio di nuovo per le sue celeri ed esaustive risposte
Avrei l'ennesima domanda (mi scuso).
Da una RMN Encefalo senza MDC si riesce a capire se c'è un conflitto neurovascolare tra vasi e trigemino?
Il radiologo che ha eseguito la RMN (che è un amico) mi ha detto che nel volume acquisito lui non ha visto alcun conflitto tra vasi e trigemino.
Mi chiedo se realmente si vede bene un conflitto in una normale RMN Encefalo senza MDC e senza ANGIO RMN.
Lei che ne pensa?
Saluti

[#10] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
L'esame più completo è la RM encefalica con mezzo di contrasto e sequenze angiografiche (angio-RM).

Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 291XXX

Salve,
questa mattina ho fatto la visita neurochirurgica. Il neurochirurgo, molto competente, mi ha visitato e ha guardato le immagini TC. Ha escluso categoricamente la presenza di nevralgia del trigemino.
Mi ha confermato che non devo ripetere altri esami e che devo rivolgermi ad un bravo otorino perchè potrebbe trattarsi di un problema sinusitico.
Dalla TC però non si evidenzia nessuna sinusite mascellare ne frontale.
Ora contatterò un otorino per la visita.
Grazie

[#12] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'opzione ORL era tra le varie ipotesi avanzate durante questo consulto, faccia la visita specialistica.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro