Utente 399XXX
Buonasera
Vengo da un consulto nella sezione gastroenterologia perché i primi problemi sono nati in quell’area.
Due mesi e mezzo fa ho avuto un forte attacco di gastrite con tanto di extrasistolie, acidità alle stelle, dolori dietro lo sterno e difficoltà a deglutire. Ho iniziato la cura prescritta tramite lansoprazolo. Dopo 6 giorni ho avuto improvvisamente i primi strani problemi; mi sveglio durante la notte con tremori, fascicolazioni ai muscoli tra cui soprattutto alle gambe ma anche in altre parti del corpo quasi a rotazione, battito accelerato, sensazione di intorpidimento alle mani, insonnia. Questa sensazione di iperattività ai muscoli continua così anche i 2 giorni dopo ma ad intermittenza; comincio a pensare si tratti del farmaco perchè mi sembra aumentare dopo qualche ora dall'assunzione quindi lo interrompo ed in effetti quei sintomi scompaiono ma si ripresentano i problemi di stomaco non curati. Intanto eseguo una gastroscopia che mi diagnostica un ernia iatale e chiazze di eritema in antro. Parlo dei tremori strani col mio medico curante che mi cambia principio attivo e mi prescrive omeprazolo; in totale faccio la cura per circa un mese e mezzo durante la quale avverto ogni tanto questi tremori ma in misura piuttosto lieve, magari per 1-2 giorni poi scompaiono; a differenza della prima volta non ho quell’insonnia totale né formicolio agli arti.
Finito l’omeprazolo il dottore mi prescrive valpinax per 10gg perché accuso qualche crampo allo stomaco, pancia gonfia, nausea e sensazione di malessere; anche in questo periodo saltuariamente ho questa specie di tremolio soprattutto alle gambe ma va e viene.
Ad oggi non assumo medicinali da 2 settimane però da 4/5 giorni ho questi sintomi:
- Gambe molto molli, tremolio agli arti in alcuni momenti della giornata ma soprattutto a riposo, a volte sensazione di caldo ai muscoli delle gambe e di affaticamento, vista offuscata e difficoltà a mettere a fuoco sullo schermo del computer, sensazione di vertigine e di lieve formicolio agli arti, palpebre che saltuariamente vibrano
- Tutti questi sintomi sono stati preceduti nei giorni prima da disturbi all’intestino sotto l’ombelico a sinistra e dolori e rigidità alla schiena (i dolori alla schiena mi hanno accompagnato in pratica sin da novembre)
- Sonno regolare, tutti i sintomi mi sembrano aumentare dopo l’assunzione di caffè o thè
Al momento i disturbi allo stomaco e all’intestino sono sostanzialmente scomparsi del tutto ma sono stati sostiuiti da questi altri che mi fanno veramente preoccupare perché richiamano tutte malattie gravi da quanto ho letto.
Aggiungo anche che non ho mai avuto sensazioni di questo tipo (tremori, parestesia, fascicolazioni, vertigini, ecc) in vita mia prima di fine novembre quando ho iniziato ad avere i disturbi gastrointestinali e devo anche dire che le preoccupazioni e la tensione di queste ultime settimane è stata veramente alle stelle.
Vorrei avere una vostra opinione e consiglio al riguardo, se possbile.
grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

i sintomi menzionati sono aspecifici e poco indicativi di malattie particolari se presi globalmente.

Ne ha parlato col Suo medico curante? Ha fatto una visita medica?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 399XXX

Anche il mio medico curante non mi dato indicazioni di patologie specifiche ma mi ha prescritto una visita neurologica. Potrebbe essere tutto dovuto all'ansia dottore (formicolii ai muscoli, gambe e braccia molli, sensazione di calore ai piedi e ai polpacci, vista offuscata in certi momenti)? Non penso di essere mai stato così ansioso e stressato come gli ultimi mesi tra lavoro e paura di avere qualche patologia seria. Cerco sempre rassicurazioni al riguardo. Ammetto di essere stressato e con i nervi a fior di pelle.
Grazie ancora per la disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

certamente, anche l'ansia e lo stress potrebbero causare la sintomatologia riferita.
Veda cosa Le dirà il neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 399XXX

D'accordo poi le farò sapere l'esito della visita.
Grazie e Cordiali saluti

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ok, leggerò volentieri.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 399XXX

Buongiorno dottore
un chiarimento. Con la visita neurologica è possibile escludere patologie gravi come la sla o la sclerosi multipla?
grazie
saluti

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Una visita neurologica negativa può fare escludere una SLA, per quanto riguarda la SM, invece, potrebbe talora risultare negativa in alcune fasi asintomatiche (remissione) della stessa ma se la malattia è in fase sintomatica delle alterazioni, cercandole appositamente, si riscontrano quasi sempre.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 399XXX

Grazie dottore. Riguardo il mal di schiena mi ero dimenticato di dirle che domenica scorsa facendomi la barba ho avuto due forti dolori alla base della schiena (sopra il sedere per capirci) come due scariche, quasi da farmi urlare. Il giorno stesso eseguivo tutti i movimenti con il busto dritto senza piegarlo per paura di avere di nuovo quei dolori; un muscolo l'ho avuto dolorante per due giorni. Poi da martedì sono iniziati i sintomi di cui parliamo cioè prima i dolori alle gambe, poi i formicolii e la sensazione di gambe e braccia molli. E' possibile che ci sia un collegamento in tutto questo? e' possibile che tutta la tensione accumulata in queste settimane in cui non sono stato bene con lo stomaco ed ho avuto sempre rigidità ai muscoli della schiena e questa paura di avere qualche patologia seria possa essersi sfogata in questi sintomi? come avrà capito sono molto ansioso e vivo male questi disturbi fisici, cerco rassicurazioni per scaricare un pò di tensione. Per esempio prima ho eseguito i test di mingazzini sia per mani che per gambe e non mi sembra che ci siano cedimenti o abbassamenti di alcun tipo. Se la sente dottore di escludere almeno la sla per i sintomi descritti e il test effettuato, poi non la disturbo più?
saluti e grazie di cuore per il supporto che offrite

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

da questa postazione non si può escludere nulla proprio perché non è possibile visitare il paziente.
Tuttavia Le posso dire che il dolore ed i formicolii non rappresentano sintomi di SLA, addirittura sono criteri iniziali di esclusione.
Detto questo, Le dico pure che cercare rassicurazioni peggiora il disturbo d'ansia, lo cronicizza, rendendo anche più difficoltosa la terapia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 399XXX

Buonasera dottore scrivo a distanza di tempo per parlarle dell'evoluzione. Circa un anno fa quando le scrissi la prima volta effettuai la visita neurologica risultata negativa con prescrizione da parte del neurologo di samyr compresse per 40 giorni. I disturbi di cui le avevo parlato sono poi via via svaniti; nei mesi sono rimasti solo problemi all'apparato gastrointestinale a fasi alterne. Purtroppo circa un mese fa ho incominciato ad avere forti dolori muscolari alla base del collo, al trapezio e al braccio destro per un errata postura che ho tenuto per settimane dormendo sul divano in posizione molto scomoda. Facendo fatica a passare ho effettuato una rmn alla cervicale che ha evidenziato protusioni ed ernie discali. Il problema è che il radiologo effettuando la risonanza ha anche trovato come reperto collaterale "una voluminosa lesione espansiva cerebrale di consistenza simil fluida localizzata in fossa cranica posteriore che determina un modesto assottigliamento della teca cranica a livello del tavolato occipitale ed una parziale compressione nei confronti del parenchima cerebellare;voluminosa formazione cistica leptomeningea.? appare meno probabile l'ipotesi di una mega cisterna magna." Ho consultato il mio neurologo che ha detto che comunque si tratta di una lesione benigna e che dopo la risonanza all'encefalo valuteremo il da farsi. Lei cosa ne pensa? cosa sono queste cisti? tumori allo stato iniziale? mettono a rischio la vita?

[#11] dopo  
Utente 399XXX

Le aggiungo che da circa una settimana in alcuni momenti della giornata ho una sensazione di poca lucidità mentale e di stordimento, a volte di gambe molli e disturbi visivi. Pensa che possa essere tutto collegato alla cisti o alla cervicale? molti dei sintomi sono simili a quelli avuti lo scorso anno. Confesso di essere molto in ansia per questa lesione che non mi aspettavo di avere.

[#12] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

con gli elementi a disposizione non è possibile dare una risposta attendibile, occorre effettuare la RM encefalica. In atto il neuroradiologo parla di cisti, se così fosse siamo in presenza di una formazione benigna.
La sintomatologia può essere causata da questa formazione?
Dipende dai rapporti che contrae con le strutture adiacenti, in linea di massima sembrerebbe di no ma non è possibile dare certezze.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente 399XXX

Buonasera, le riporto i risultati della risonanza all'encefalo:" Esame RM eseguito senza somministrazione di contrasto e v. con sequenze SE, FLAIR e DWI.
Presenza di formazione a contenuto liquorale, iperintenso nelle sequenze T2 pesate e ipointenso nelle sequenze T1 pesate, in sede retrocerebellare retrovermiana, mediana, in assenza di comunicazione con il IV ventricolo, riferibile a cisti aracnoidea retrocerebellare.
Non evidenti anomalie cerebellari. Si associa scalloping dell'osso occipitale. Non evidenti alterazioni di segnale parenchimali in sede sovra e sottotentoriale. Nei limiti gli spazi luquorali periencefalici in sede sovratentoriale ed il sistema ventricolare". Domani devo fare la visita dal neurologo a cui comunque ho già inviato il referto che per ora si espresso semplicemente con l'affermazione "...sembrerebbe innocua".
Cosa ne pensa dottore? grazie

[#14] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

da quanto si legge nel referto non sembrerebbe nulla d'importante, infatti le cisti aracnoidee, come ipotizzato dal neuroradiologo, sono formazioni benigne ripiene di liquor.
Se non comprimono in maniera importante le strutture circostanti sono asintomatiche e possono restare tali per tutta la vita.

Ovviamente la visione diretta da parte del neurologo è fondamentale.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente 399XXX

Buonasera
le scrivo il referto della visita neurologica:" Ho visitato il sig........ che accusa la recente comparsa di dolore cervicobrachiale per cui ha effettuato un controllo RMN cervicale che ha evidenziato la presenza di protusioni discali senza compressione dell'asse mielico e con evidenza di una lesione cistica in fossa cranica posteriore meglio evidenziata con la RMN encefalo come cisti aracnoidale.
Esame obiettivo neurologico: deambulazione autonoma ben condotta. Non deficit di forza elementare segmentaria. Non alterazioni della sensibilità. ROT normoevocabili e simmetrici. Non Babinsky. Non deficit dei nervi cranici. Non alterazioni della coordinazione motoria. Notevole contrattura della muscolatura paravertebrale cervicale con limitazione della flesso-estensione del capo.
PA. 130/80
Al colloquio si evidenziano tratti ansiosi con tendenza alla conversione somatica.
Il quadro clinico esclude segni di patologia neurologica organica. Riterrei la lesione cistica priva di conseguenze cliniche e da controllare ad un anno per verificarne la dimensione.
Prosegua la terapia fisica e riabilitativa per la contrattura cervicale."
Ho parlato con il neurologo dei disturbi che ho da circa un mese, coincidenti con quelli avuti un anno fa cioè disturbi visivi in alcuni momenti del giorno, fastidio alle luci in certi momenti della giornata, sensazione di gambe molli(ora sembra rientrata), mani sudate certe mattine, in certi giorni sensazione di confusione mentale con testa ovattata e quasi di orecchie chiuse, rigidità muscolare ai muscoli occipitali e della nuca. Il neurologo ha detto che si tratta di disturbi neurovegetativi dovuti ad ansia. Quello che posso dire è che sicuramente fino a 40 giorni fa stavo benissimo poi è iniziato la forte cervicobrachialgia, la rigidità muscolare a schiena e collo, ho iniziato come l'anno scorso a pensare di avere malattie importanti, ansia alle stelle e tutta questa serie di disturbi. Ovviamente il pensiero è andato anche alla sclerosi multipla ed altre malattie simili, però questi disturbi li ho avuti per la prima volta solo l'anno scorso e poi dopo una cura con samyr sono scomparsi e quest'anno si sono ripresentati in concomitanza con la cervicobrachialgia. Cosa ne pensa dottore? grazie saluti

[#16] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

concordo assolutamente con quanto detto dal neurologo, infatti tutta la storia clinica depone per un disturbo ansioso con somatizzazioni multiple.
Segua le indicazioni del collega e stia tranquillo.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente 399XXX

Grazie dottore; è possibile che tutti questi disturbi arrivino dopo settimae di forte stress dovuto alla cervicobrachialgia e al problema della ciste? ho passato giorni veramente brutti in cui mi sentivo teso come una corda di violino ed adesso invece sono molto stanco, ho sonnolenza ed occhi stanchi, in parole povere mi sento veramente col sistema nervoso a pezzi.
Pensavo di prendere polase come integratore per darmi un pò di carica, che ne pensa?
grazie e buona serata

[#18] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

certamente, lo stress può causare la sintomatologia in questione.
Non si possono consigliare farmaci a distanza a soggetti che non si conoscono, in tal senso ne parli col medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente 399XXX

Buonasera dottore, la aggiorno sui sintomi sopramenzionati. Le vertigini e gli sbandamenti sembrano non esserci più; i disturbi visivi in parte permangono cioè mentre prima avvertivo vista offuscata e fotosensibilità di giorno con occhi stanchi e lacrimosi e sensazione come di pressione dietro i bulbi adesso invece resta solo con le basse luci una certa difficoltà a mettere a fuoco ed una vista poco nitida. Le mani sudate al mattino e le gambe molli non le ho più però in certi momenti rimane un pò la testa ovattata e confusa.
Ho fatto fisioterapia per la cervicobrachialgia che sembra molto diminuita, tuttavia in questo periodo ho i muscoli occipitali e della nuca molto rigidi in certi momenti. In particolare i muscoli che salgono dai due lati del collo fin sopra le orecchie e mi sembra fino all'arcata sopraccigliare. Aggiungo anche che in questa fase soffro di colon irritabile. A volte ho nausea e tensione dietro la nuca coincidente con cattiva digestione.
La domanda è se i disturbi alla vista e la testa un pò intontita possano essere ricondotti alla forte tensione che avverto sui muscoli del collo e della nuca; per capirci se faccio delle flesso estensioni sopratutto laterali sento i muscoli molto molto tirati. Non ho mal di testa. grazie

[#20] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la tensione muscolare o addirittura una contrattura può causare la sintomatologia che riferisce, ovviamente in generale, non posso sapere se sia il Suo caso.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro