Utente 435XXX
Gentili medici, a causa di un problema di vista (dal 2013 circa vedo male all'occhio sinistro con vista offuscata e macchiata,) recentemente faccio visita oculistica con campo visivo dove, oltre al calo del visus (2/10) mi viene diagnosticata neurite ottica e mi viene consigliato di fare visita neurologica. Quest'ultima evidenza "ROT vivaci agli AASS con lieve prevalenza a dx e molto vivaci AAI sx>sn, con clono achilleo inesaurivile a dx ed esauribile a sn. Babinski a dx ed SCP muto a sn. Ipo-apallestesia AI dx e ipopallestesia AI sn. Marcia con trascinamento della gamba dx".
Mi viene quindi consigliato di fare RM con mezzo di contrasto (encefalo cervicale e dorsale) al fine di escludere patologia demielinizzante.
Dalla rm, al di là della "presenza di tessuto iperinteso in T2 della porzione medio-inferiore del seno mascellare di destra" risulta tuttavia tutto nella norma.

Oltre il problema di vista, a volte sento rigidità alla gamba dx e squilibrio durante la deambulazione.

L'oculista e il neurologo, informalmente, avevano parlato di sclerosi multipla... Alla luce della rm, si può escludere con certezza?

Il mio disturbo visivo quindi da cosa potrebbe dipendere?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la neurite ottica potrebbe anche essere di natura non demielinizzante, per es. infettiva (virale?).
Detto questo sarebbe consigliabile, considerate le alterazioni riscontrate alla visita neurologica, completare gli esami diagnostici con i potenziali evocati, visivi, motori e somatosensoriali.
Il neurologo non li ha consigliati? L'oculista nemmeno, almeno quelli visivi?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 435XXX

Grazie della risposta.
L'oculista, subito dopo la visita con CV e dopo aver sentito che a volte ho squilibrio durante la marcia e rigidità muscolare, ha subito ipotizzato sclerosi multipla e mi ha indirizzato di conseguenza dal neurologo e non mi ha prescritto null'altro. Quest'ultimo ha parlato vagamente di sclerosi e mi ha prescritto RM con MDC da farsi con urgenza. Ma, al di là di questo, non ha parlato e/o prescritto altri esami.
Per escludere al 100% la SM, i potenziali evocati sono necessari?
O già la si può escludere con la negatività della risonanza?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'esito negativo della RM encefalica e midollare è già un'ottima notizia ma ritengo che si debba ulteriormente indagare relativamente alle alterazioni dell'esame neurologico.
Ha fatto vedere le immagini della RM al neurologo? In caso affermativo, come avrebbe giustificato i segni anomali riscontrati alla visita?
La RM è stata effettuata con una "macchina" ad alto campo magnetico, per intenderci almeno 1,5 Tesla?

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 435XXX

Non so se la macchina era ad alto campo magnetico, ma nel cd allegato, nelle foto della risonanza, leggo in basso a dx FS:1.5. Potrebbe essere il valore del campo magnetico della macchina?

Ad ogni modo, domani ho la visita presso il neurologo. Se vuole, la tengo aggiornata.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

no, non si riferisce al campo magnetico, questo è riportato, in alcuni casi, nella parte iniziale del referto ma purtroppo questa indicazione non è frequente.

Ok, mi faccia sapere cosa Le dirà il neurologo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 435XXX

Salve Dottore,
ieri sono andato dal neurologo il quale, con un suo collega, ha ripetuto gli esami ai quali ero stato sottoposto l'altra volta. Riporto di seguito:

EON: incostante diplopia nello sguardo verso l'alto e verso sn e verso dx. Tremore intenzionale bilaterale. ROT vivaci agli AASS con lieve prevalenza a dx e molto vivaci AAI dx>sn, con clono achilleo inesauribile a dx ed esauribile a sn. Babinski a dx ed SCP muto a sn. Ipo-apallestesia AI dx e ipopallestesia AI sn. Marcia con trascinamento della gamba dx

Ha poi rivisto la risonanza e ha trovato alcune cose (se non mi sbaglio ha parlato di infiammazioni...) che forse sono sfuggite al neuroradiologo. Ha ritenuto opportuno quindi confrontarsi con i suoi colleghi prima di procedere con l'iter diagnostico. Mi ha comunque anticipato che forse dovrò rifare la risonanza (evidentemente quella che ho già fatto non era ad alto campo magnetico) da integrare eventualmente con altri esami (non ha specificato quali...). Ora attendo la sua chiamata.

Ad ogni modo, alla luce dei sintomi, della visita neurologica, della risonanza (che sembra non più nella norma...), secondo Lei, devo ritenermi "malato" di qualcosa? sclerosi o altro?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

qualcosa che non va sembra esserci, ovviamente non è possibile stabilire al momento cosa.
Condivido quanto detto dal neurologo, compreso ripetere la RM con esplicita richiesta ad "alto campo".

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 435XXX

Salve Dottore,
oggi dopo aver ricevuto la chiamata, mi sono recato nuovamente in ospedale dove il neurologo mi ha confermato la diagnosi di sclerosi multipla (a parer suo e dei suoi colleghi, i danni al midollo e in parte anche al cervelletto sono evidenti anche da questa rm nonostante a basso campo..., la negatività della rm si è trattata in pratica di un errore del neuroradiologo che l'ha studiata in prima battuta).
Sono già stato indirizzato presso un centro sm della mia città per ulteriori visite e per fissare un'eventuale terapia.

Grazie comunque per il suo supporto.
Cordiali saluti.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

faccia gli esami che le verranno prescritti e se fosse confermata la diagnosi di SM non si scoraggi, infatti la maggioranza delle forme cliniche è benigna, oggi si dispone di diversi farmaci e spesso si può vivere una vita normale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 435XXX

Salve Dottore, dopo alcuni mesi la aggiorno:
nel mio ultimo post, avevo scritto che il neurologo, dopo aver fatto visionare la rm ad alcuni suoi colleghi radiologi, mi aveva confermato la diagnosi di sm con lesioni principalmente al midollo ma anche a livello del cervelletto (i quali, a suo dire, giustificano i tremori alle mani) e mi aveva indirizzato al centro sm della mia città.

In questo centro, durante la prima visita, i dottori sono stati praticamente d'accordo con il referto negativo della rm dato che, controllando il cd, non hanno individuato lesioni di sorta...
Ad ogni modo, la visita neurologica ha evidenziato:
EON: incostante diplopia nello sguardo verso l'alto e obliquo laterale/alto > verso destra.
ROT vivaci AASS per dx>sinistra - ROT molto vivaci AAII per dx>sinistra con SCP in flessione dorsale bilaterale e cloni achillei inesauribili a destra ed esauribili a sinistra. Motilità indenne. Mingazzini AAII slivella a destra Mingazzini AASS lieve "mano cava a destra". Fine tremore in arrivo alla prova indice-Naso bilaterale e "incertezza" nella prova calcagno-ginocchio ipopallestesia distale AI destro. Romberge tenuto 60" con qualche compenso. Cammino autonomo base leggermente allargata e "talloneggiante"- Marcia a tandem con "paracadute"- Possibile cammino su punte e talloni.

Dopo questa visita, ho fatto: OCT (che evidenzia alterazioni compatibili con neurite), visita oculistica (generalmente positiva tranne asimmetria riflesso fotomotore che risulta più torpido in os e lieve exoforia pc e pl) e prelievo del sangue completo, tutto negativo tranne una positività agli antiborrelia (probabilmente, come mi è stato riferito, falsi positivi, dato che non sono mai stato punto da una zecca in vita mia), esami del sangue che ho ripetuto e dei quali sto ancora aspettando il referto...
Rimango in attesa dei potenziali e della ripetizione della rm.

Nel frattempo, permane la mia incapacità a trattenere l'urina e le feci (con stitichezza intermittente), i miei disturbi della vista e mancanza di coordinazione. In più si sono aggiunti, nel frattempo, altri sintomi come intermittenti dolori muscolari diffusi alle gambe, sterno, glutei (simili a quei dolori che si provano il giorno dopo un intenso workout), intorpidimento e formicolii al mignolo della mano sinistra in soli due occasioni in questo mese ( in questo caso c'entra la mia ernia l4-l5?)


Ora, volevo porle alcune domande:

innanzi tutto, questi cloni achillei, sono indice di qualche malattia? mi pare di aver capito che sono un sintomo tipico di danno al sistema piramidale, ma altro non so...

Mingazzini e ipopallestesia cosa sono?

OCT e campo visivo da soli, sono sufficienti a fare diagnosi di neurite ottica? o si rimane sempre nell'incertezza?

Oltre alla sm, quale altra malattia è compatibile con i miei sintomi e quadro neurologico?


E' da fine 2016 che sto aspettando una diagnosi certa (rm negativa - poi positiva - poi di nuovo negativa...) e possibilmente una soluzione ai miei problemi di incapacità a trattenere urina e feci, che compromettono pesantemente la mia vita sociale...

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il Suo caso è complesso e nello stesso tempo anomalo, considerate soprattutto le variazioni della RM.
Mi pare di capire che al momento sia stata esclusa una SM.
Ha fatto la rachicentesi (puntura lombare)? I potenziali evocati?
L'esame neurologico è chiaramente alterato ma da solo non può far fare diagnosi. Le ipotesi diagnostiche possono essere tante, il quadro non è chiaro.
Per rispondere alle Sue curiosità, lo slivellamento alla Mingazzini arti inferiori indica che l'arto inferiore destro ha meno forza del sinistro. Per ipollestesia s'intende una riduzione della sensibilità vibratoria.
Il consiglio che Le posso dare è rivolgersi ad un centro neurologico di eccellenza portando gli esami finora effettuati e partendo praticamente dall'inizio.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 435XXX

Grazie Dottore per la rapida risposta.

Non mi è hanno detto esplicitamente che escludono la sm ma hanno solo confermato la negatività della risonanza e manifestato allo stesso tempo la necessità di rifarne una migliore dato la scarsa qualità della stessa.

Riguardo la rachicentesi, è da valutare se e quando farmela, ma non è un esame che so di fare con certezza in questi giorni.
Per quanto riguarda i potenziali (credo completi), dovrei farli tra qualche settimana.

Attualmente ho svolto (e svolgerò...), come da me esplicitamente richiesto, tutti questi esami in dh e a questo, suppongo, sono da imputare i lunghi tempi di attesa.

Lei ha scritto che le ipotesi diagnostiche possono essere tante, ma le chiedo, necessariamente di una certa, diciamo, gravità? Nel senso, simili alla sm? o non necessariamente tali? Per dire, la causa di tali sintomi e quadro neurologico può essere anche una "sciocchezza"?

Io credo che molto si saprà dopo la ripetizione della risonanza perché, se c'è una cosa che i neurologi che mi hanno visitato sono d'accordo, è proprio la scarsa qualità della stessa e la necessità di ripeterla.

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente.

in effetti le ipotesi possono essere diverse, non necessariamente tutte importanti. Sconoscevo la bassa qualità delle immagini RM, pertanto un nuovo esame è senz'altro consigliabile, poi in base all'esito i colleghi decideranno come procedere. Al momento quindi, come esami diagnostici, siamo fermi alla RM.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro