Utente 421XXX
Gentili dottori buongiorno,
Vi scrivo a seguito da un fastidioso formicoloio ai piedi che perdura ormai da una settimana. Il formicolio è molto forte e fastidioso, tanto da rendere difficoltoso perfino il camminare, indossare la scarpe o strofinare indumenti o tessuti su di essi. C è da dire che generalmente sono un tipo molto attivo, che fa sport ecc ecc, ma nell ultimo mese e mezzo, per motivi di studio, trascorrevo più di 16 ore seduto, chino sui libri e sul pc a studiare. Nella mia ignoranza in materia, ho collegato il tutto a questo anche perché, si, è capitato di avere sensazioni simili magari dovuto alla posizione prolungata degli arti in una posizione scomoda, ma mai il fastidio è durato per più di 2/3 minuti, adesso è da una settimana invece! Cosa può essere? Come devo comportarmi?
Vi ringrazio anticipatamente della pazienza e dell attenzione.

Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il formicolio ai piedi lo avverte continuativamente, giorno e notte?
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 421XXX

Gentule Dottor Ferraloro buon pomeriggio,
dormendo magari non ci faccio caso ma è comunque presente non appena apro gli occhi.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Buon pomeriggio a Lei,

e allora, per un formicolio che persiste da una settimana e, mi pare di capire, per tutto il giorno, sono indicati una visita neurologica ed eventuali esami diagnostici che il collega potrebbe richiedere qualora lo ritenesse opportuno, per es. una RM encefalica e del midollo spinale in toto.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 421XXX

Si perdura tutto il giorno aime.. magari non con la stessa intensità ma c'è sempre. Sinceramente parlando, ho preso un po sottogamba la cosa, credendo che il tutto fosse collegato alla prolungata postura e passività persistenti per più di 30 giorni. anche perché mai ho avuto problemi simili. Magari riprendendo l attività fisica, cosa che ancora non ho iniziato, poteva passar tutto e invece potrebbe essere qualcosa di più serio considerato il tipo di analisi a cui mi consiglia di sottopormi. È il caso di preoccuparsi e agire nell immediato? Come le dicevo ho degli esami e sono un po sotto pressione..

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non si allarmi, la causa può anche essere banale ma di fronte a questa sintomatologia è indicata la visita neurologica.
Gli stessi esami che ho menzionato erano solo per fare un esempio, infatti ho scritto "il collega potrebbe richiedere qualora lo ritenesse opportuno....", ciò significa che potrebbe anche non richiedere nulla, dipende dall'esito della visita.
Se gli esami sono a breve termine faccia prima questi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 421XXX

Va bene! Allora vedrò di togliere il peso dell esame prima e poi mi farò una bella visita e qualche tisana rilassante. Grazie intanto per il suo tempo e per i suoi consigli. Le farò sapere a visita fatta.
Cordiali saluti.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.
Va bene, mi faccia sapere.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 421XXX

Gentile Dr. Ferraloro buonasera,
le scrivo questa mail per darle gli ultimi aggiornamenti della situazione.
Dato l'esame, sono andato dal mio medico curante, spiegandogli quella che era la mia situazione. Senza fare allarmismi, mi disse che, prima di procedere ad una eventuale visita specialistica, potrebbe esser un trauma da schiacciamento (o simile), dovuto alla prolungata postura scorretta ecc ecc. Nel concreto, mi disse di applicare una pomata (artrosilene) per 5/7 giorni, 2 volte al giorno, nella zona cervicale, lombare e retro cosce.
Bene, confesso di non avere proprio seguito alla lettera la cura ma, sarà per il minor carico di stress, sarà perchè ho ripreso un po le mie normali abitudini, il fastidio è passato.
Tuttavia, circa una settimana fa, ecco altri disturbi.
Nello specifico, ho ripreso la mia vita sedentaria (anche se non credo di averla mai lasciata, dato che non ho ancora finito con gli esami purtroppo). I disturbi sono simili ma molto più leggeri e magari anche accentuati da una mia continua ricerca del "sintomo X". Compaiono da seduto nello specifico e si estendono lungo le gambe sopratutto stinchi e piedi. In particolare, ho notato che in palestra, quando corro, non appena mi fermo dopo magari 5 minuti di corsa, mi parte un formicolio fastidioso su entrambe le gambe. Lo stesso formicolio che si prova quando si sbatte il gomito ad uno spigolo. Il formicolio dura qualche minuto e poi sparisce. Insieme a quest'ultimo, capita che provo un leggero dolore ogni tanto, come quello causato dall'acido lattico.. magari è proprio quello visto che non mi allenavo da un bel po, anche se compare un po lontano dagli allenamenti. Tuttavia la mia testa vola con l'immaginazione, dato che queste tipologie di disturbi, sono condivisi da tantissime patologie, anche gravi.
Inutile dirle che la paranoia fa parte del mio essere e più ci penso e più mi compaiono mille disturbi diversi come sensazione di calore ecc ecc, che magari ci sono perchè "fa caldo", ma io collego alle peggiori patologie esistenti.
Non ho perso sensibilità ai piedi, non ho problemi di equilibro, difficoltà a camminare o nei movimenti e simili, insomma, l' ipocondria non aiuta.
Se può essere rilevante, gennaio\febbraio, ho fatto le analisi del sangue ed era tutto in ordine, tranne per un valore della tiroide il quale mi consigliarono più in la, di ripetere le analisi di quest'ultima.
La ringrazio come sempre per la Sua attenzione e pazienza.

Cordiali Saluti!

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

considerato che in questo periodo la sintomatologia è molto discontinua e di breve durata, spesso causata da posture particolari, non mi allarmerei più di tanto.
Probabilmente problematiche anche banali alla colonna vertebrale, di tipo posturale e/o muscolare, amplificate dall'ansia, potrebbero essere alla base dei Suoi disturbi attuali.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 421XXX

Gentile Dr. Ferraloro buongiorno,
Grazie per la sua celere risposta intanto. Spero che sia proprio così, anche perchè, come Le dicevo, i disturbi sono molto più leggeri e si fanno sentire un po di più da seduto ed in maniera particolare dopo la corsa. Questa mattina ad esempio, la sensazione di formicolio, è solo al piede sinistro, insieme ad un leggero indolenzimento allo stinco. Non ci capisco più nulla. La cosa che mi preoccupa è la durata di questi fastidi. Si, sono più leggeri rispetto al mese scorso ma, ci sono quasi sempre e non riesco a star tranquillo. Contando il periodo iniziale in cui sono comparsi i disturbi, sono quasi due mesi che li avverto. Certo, una pomata ha alleggerito il tutto, il che mi ha un po tranquillizzato però, sono tornati i fastidi o magari non sono mai passati ma, semplicemente, non c'ho fatto troppo caso.
Cercherò di intervallare le ore di studio con un po di attività fisica o semplicemente alzandomi un po ma il problema rimane, specialmente nella mia testa. Cercherò di indagare.

Grazie come sempre Dr. Ferraloro.
Cordiali Saluti

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Va bene, al persistere della sintomatologia è ovviamente indicata la visita neurologica, come Le avevo detto precedentemente.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 421XXX

Gentile Dr. Antonio Ferraloro, buongiorno.

Le scrivo questo messaggio perchè, nel fine settimana, decisi di andare da un neurologo di mia conoscenza. Bene, dopo aver descritto i miei disturbi, mi prescrisse di eseguire una risonanza magnetica lombo-sacrale.
Purtroppo non sono in sede e non posso comunicarle nello specifico l'esito, ma il neurologo mi disse in soldoni che ho "le fascette muscolari" fortemente infiammate e che quest'ultime toccano anche i nervi.. aggiunse anche "reticolite ed ossa sclerotiche". Vorrei esser sicuramente più preciso ma, come le dicevo, sono impossibilitato a riferirle nello specifico i termini estremamente tecnici della risonanza.
In virtù di quanto detto, mi ha prescritto una cura di un mese a base di Normast 600 mg, una compressa al giorno, e una settimana di antinfiammatorio, nello specifico mi disse che o l'oki o l'aulin vanno bene.
Ho iniziato la cura ancora da un paio di giorni.. i fastidi sono leggeri e presenti, intensificandosi dopo la corsa per qualche minuto. E' come se gambe e piedi fossero elettrificati. Il medico mi sconsigliò di andare in palestra qualora il fastidio fosse particolarmente acuto.
Cosa ne pensa lei in merito?
Volevo anche sapere se, nel caso in cui avessi avuto qualche patologia importante a carico dei nervi, quest'ultima fosse stata diagnosticabile da questo tipo di risonanza da me effettuata.

Grazie come sempre per la Sua disponibilità.
Cordiali Saluti

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ovviamente con gli elementi a disposizione non è possibile esprimere un giudizio, anche in generale, pertanto può comunicarmi l'esito per esteso appena verrà in possesso del referto.
Se l'esame effettuato può dare informazioni su eventuale "patologia importante a carico dei nervi"? In parte sì ma bisogna completare l'iter diagnostico con altri esami, a cominciare dall'EMG.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro