Utente 730XXX
Salve Dr., vista la mia sintomatologia del dolore al fianco destro che perdura da quasi due mesi , recentemente mi sono recato dal mio medico di base il quale mi ha prescritto per quanto riguarda questo fastidio al fianco destro una Rx lombare - sacrale del quale di seguito riporto il referto:

" Lieve riduzione della lordosi lombare.
Minimo scivolamento anterosomatico di L5 su S1, da verosimile instabilità interapofisaria.
Fini salienze osteofitosiche.
Iniziale artrosi interapofisaria.
Modica riduzione d'ampiezza dello spazio intersomatico L5 - S1.
Utile RM."
Voi pensiate che questi dolori in parte al fianco destro siano da attribuire a quanto refertato sulla RX oppure sono solo ed esclusivamente di origine e pertinenza diversa ?
Grazie mille e buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dipende che cosa intende per "fianco destro", per dare una risposta corretta è fondamentale l'esatta localizzazione del dolore.
E' stato visitato dal medico curante?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 730XXX

Salve Dr. si il mio medico mi ha visitato e per lui dipende anche in virtù del referto della rx tutto da un problema di muscolatura. Il dolore non è un vero e proprio dolore ma più che altro una pesantezza che non è mai sullo stesso punto è che tende molto a spostarsi al fianco destro basso della schiena.
Lei cosa ne pensa?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se parla di schiena è probabile che il dolore possa essere correlato con le alterazioni riscontrate alla radiografia.
Peraltro il medico curante l'ha visitata per cui ritengo che possa essere verosimile quanto Le abbia detto.
Il radiologo ha consigliato una RM della colonna lombosacrale per un approfondimento diagnostico.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro