Utente 491XXX
Buongiorno,
dalla risonanza magnetica mi è uscito il seguente risultato:
"A sede paratrigonale sinistra e nel contesto della corona radiata omolaterale si rilevano sporadici nuclei gliotici, di elevato segnale in T2/FLAIR dal significato aspecifico"
Il mio otorino mi ha fatto preoccupare ed allarmare elencandomi alcune patologie come la sclerosi multipla.
Potreste darmi informazioni a riguardo?
Resto in attesa di un consulto e ringrazio anticipatamente.
Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

i nuclei gliotici, sporadici nel Suo caso (cioè non numerosi), sono come delle piccole cicatrici che il cervello ha provveduto a creare per riparare insulti pregressi, tali insulti possono essere di origine vascolare, infiammatoria, traumatica.
Il neuroradiologo li ha definiti "aspecifici", cioè senza caratteristiche tali da poterli correlare a determinate malattie o condizioni.
È corretto fare visionare direttamente le immagini dell'esame ad un neurologo anche per una valutazione clinica.
Non si crei eccessive preoccupazioni però.
Perché ha effettuato la RM?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 491XXX

Ho effettuato la RM sotto consiglio del mio otorino per continui mal di orecchie che poi sono risultati correlati ai denti del giudizio inferiori che dovrò togliere a breve.
Quindi la presenza di queste cicatrici non è sintomo di malattie come la sclerosi multipla?
La ringrazio per la risposta tempestiva e le porgo i miei distinti saluti.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

assolutamente no, tali nuclei gliotici non sono esclusivi della SM, possono essere espressione di diverse condizioni, a volte non vengono considerate nemmeno patologiche.
Il neurologo Le dirà tutto.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro