Utente 462XXX
Buongiorno,
mi chiamo Alberto e mi sono iscritto per poter ricevere un consulto circa il problema che espongo qui sotto.

Un paio di mesi fa accuso improvvisamente formicolio e dolore alla gamba sinistra, lievi contrazioni involontarie allo stesso arto e una fastidiosa sensazione di vertigini che mi fanno sentire insicuro durante la deambulazione.
Il medico curante attribuisce il tutto all'ansia (che effettivamente era presente per via del lavoro), ma per sicurezza mi suggerisce di chiedere consulto al neurologo.
Visita neurologica nella norma, mi viene consigliata per puro scrupolo una RM encefalo e tronco che non rileva alcun problema.
Nel giro di qualche settimana i sintomi scompaiono.
Al rientro dalle ferie, accuso nuovamente i problemi alla gamba sopracitati e gli stessi compaiono al braccio sinistro.
Si aggiunge una sensazione di intorpidimento della mascella e tornano le vertigini.
Il medico curante questa volta prescrive Lexotan 1,5mg al bisogno che non sortisce alcun effetto.

Avendo effettuato le visite di cui sopra due mesi fa, posso ritenermi tranquillo a livello neurologico o sarebbe opportuno effettuare altri esami?
Potrebbe effettivamente essere l'ansia a causare formicolii, contrazioni e vertigini?


Ringrazio anticipatamente per l'attenzione,

Alberto.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

certamente l'ansia potrebbe essere all'origine dei disturbi descritti ma prima di arrivare a questa conclusione è opportuno escludere altre problematiche, per es. a livello della colonna vertebrale ed in particolare del tratto cervicale e lombosacrale, pertanto uno studio di neuroimaging a questi livelli sarebbe opportuno effettuarlo, per es. una RM per citare l'esame più completo per studiare problemi vertebrali in generale.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro