Utente 415XXX
Buongiorno,

dopo alcuni mesi sono nuovamente qui a chiedere un Vostro parere riguardo alla mia situazione;

riepilogando è da circa un anno e mezzo, fra ali e bassi, che soffro di dolore cervicale ( tipo sabbia al movimento), cefalea, visione offuscata, tachicardia, tremore;

Ho effettuato l'anno scorso RMN senza m. contrasto encefalo e cervicale ( entrambe negative), visita neurologica ( negativa), 2 visite oculistiche ( tutto ok), visita fisiatrica ( tutto nella norma), e pertanto avevo iniziato dopo consulto psichiatrico cura con daparox 1 pastiglia 20mg al giorno; dopo un anno di cura , dove i sintomi erano quasi risolti ( tranne la vista offuscata e 'problemi al collo'), è stata interrotta senza sintomi da' sospensione'.

Dopo alcuni mesi si sono ripresentati i seguenti sintomi : visione offuscata leggermente peggiorata, vertigini saltuarie ( anche da seduto) con cefalea e dolore cervicale.

Ho effettuato un check up con esami sangue, visita OTL, nuova visita oculistica, ecografia addominale, nuova visita fisiatrica ed è tutto nelle norma; dovrei rifare una nuova RMN encefalo per i sintomi che persistono ( la vecchia ha data agosto 2016)
Su consiglio del medico ho ripreso da una settimana nuovamente la cura con DAPAROX sperando che almeno i sintomi di vertigine e cefalea passino, ma per la vista offuscata che altri esami potrei effettuare?

Grazie per il riscontro.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
la complessa fenomenologia da Lei riferita pare abbia tratto significativo giovamento dalla terapia con paroxetina, che pertanto ritengo sia utile continuare sotto la guida del Suo Curante. Da tutta la sintomatologia, incluse le vertigini, probabilmente potrebbe essere estrapolata la sola visione offuscata che Lei lamenta che parrebbe alquanto artificioso collocare nell'ambito di un disturbo di natura psico-somatica. Pertanto, Le suggerirei di ricorrere alla valutazione di un Oculista.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it