Utente 465XXX
Salve a tutti, chiedo questo consulto in questa sezione, neanche sicura sia quella più giusta, in preda alla disperazione. Ho un sacco di sintomi correlati tra cui mal di testa, spesso da un lato solo del volto, in genere quello destro e il dolore più invalidante di solito non è quello alla tempia ma soprattutto alle ossa (credo) sotto l'occhio, delle sopracciglia e in particolar modo nella zona accanto all'orecchio all'attaccatura della mandibola, ho di quando in quando la sensazione di avere le orecchie ovattate, lieve dolore al collo, che trovo rigido nei movimenti e tendente a scricchiolare più del solito (ma non so se sia un dato notevole), soprattutto all'attaccatura dei capelli e alla base del collo zona scapole, ma soprattutto vertigini, non so se siano esattamente vertigini in realtà, mi sento insicura nel camminare come se non percepissi gli spazi circostanti bene come prima e mi dà fastidio chinare le testa e guardarmi i piedi mentre cammino, a sedere sto meglio ma non del tutto. Mi è stato anche detto dal mio ragazzo che la notte digrigno i denti ed in effetti la mattina sento la zona facciale abbastanza contratta al risveglio. Mi sono recata dal mio medico che mi ha fatto fare delle prove con le braccia alzate, aperte, ecc.. mentre lui mi premeva in zona gomiti, poi mi ha controllato le orecchie e ha detto che il triangolo andava bene e che non ce le avevo tappate (anche se a dirla tutta la sensazione di ovattamento ce l'avevo ugualmente ma lui non ha voluto sentirci da quell'orecchio), poi ha fatto una prova con il dito davanti ai miei occhi e ha riscontrato un nistagmo non mi ricordo in quale direzione, ricordo solo che mi ha detto che non era niente perché il nistagmo era "pericoloso/da approfondire" solo se rotatorio o nell'altra direzione, e che significava soltanto che avevo le vertigini. Il medico mi ha diagnosticato un'infiammazione cervicale e mi ha dato una cura per 6 giorni fatta di due bustine di oky, tre compresse di lyrica da 25mg (che tra l'altro mi mettono una sonnolenza assurda), e una fialetta di vitamina B12, al dì, solo che arrivata all'ultimo giorno di cura non trovo nessun sollievo, anzi mi vedo costretta a ridurre le mie normali attività un po' per le vertigini un po' per la sonnolenza causata da lyrica. Specifico che sono in un periodo stressante e sono una persona ansiosa. Che cosa dovrei fare? Cosa posso avere? Tra l'altro è un cane che si morde la coda perché essendo molto ansiosa e non migliorando la mia situazione non faccio altro che agitarmi di più e sentirmi sempre più frustrata e anche un po' temere di avere qualcosa di più brutto che semplice cervicale infiammata.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non sottovaluterei il bruxismo e farei controllare ad uno gnatologo l'articolazione temporo-mandibolare, poi, se fosse esclusa l'origine odontoiatrica studierei la colonna cervicale mediante un esame di neuroimaging, una RM per es.
Ovviamente una visita neurologica è senz'altro consigliabile considerato che è il neurologo lo specialista di riferimento delle cefalee.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro