Utente 360XXX
Buongiorno Dottori,
Sono circa 10 mesi che soffro di forti vertigini associate ad una specie di morsa al collo.
Dopo aver effettuato rm cervello e tronco encefalico risultata negativa e visita neurologica anch'essa negativa ho deciso di fare anche un rx alla cervicale. Di cui riporto l'esito: atteggiamento lieve deviazione verso destra del arachide con appiattimento della lardosi. Non significative alterazioni ossee morfostrutturali. Modesta riduzione degli spazi intersomatici c4-c5 e c5-c6.
Vi chiedo se è possibile che queste vertigini, senso di sbandamento ed oppressione al collo (quasi come in una morsa) derivino da quanto riportato sul referto.
Vi chiedo un consulto perché ormai sono mesi che faccio esami ( sangue, gastroscopia, elettrocardiogramma) senza rilevare nulla o almeno ho una ernia iatale e gastrite.
Secondo il mio medico di base e' tutto dovuto allo stress (ancora non ha visto la lastra) e sono in cura da uno psicologo appunto per lo stress con appoggio di terapia farmacologica con zoloft.
Vi chiedo soprattutto che percorso posso intraprendere per cercare di risolvere questo problema che, per me sta diventando molto invalidante in quanto mi trovo sempre più in difficoltà ad uscire visti i sintomi sempre persistenti.
In ultimo faccio un lavoro di ufficio il quale mi porta a restare davanti al computer per molte ore e non pratico sport.
Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, poiché il suo disturbo permane nonostante le indagini e le cure del caso, le suggerirei di non trascurare una possibile causa di vertigine spesso dimenticata: la disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) . Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria o neurologiuca non sono sostenuti da problemi otologici , o non se ne trova la soluzione , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione.
Una vertigine può essere sostenuta anche da problemi alla colonna cervicale, ma è necessario considerare che la problematica della colonna vertebrale non é sempre isolata e fine a se stessa, ma inserita nel generale contesto posturale dell'intera struttura corporea . Può essere considerata , in molti casi, un sistema di compenso di malposizioni che intervengono nei distretti inferiori ( bacino, ginocchia, caviglie, piedi) solitamente chiamate "Ascendenti", o superiori (malocclusione dentaria con malposizione mandibolare sopratutto) solitamente denominate "Discendenti".
Di certo nel suo caso l'ansia e lo stress possono giocare un ruolo importante. Consideri però che, quando presenti, trovano nella bocca un organo bersaglio particolarmente recettivo: nello stress si stringono le mascelle e si bruxa di più , per cui qualunque problema che può trovare nella bocca una sua causa, dallo stress viene enfatizzato.
Le consiglio pertanto di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo, che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare e di rapporti fra questa e l'orecchio e di postura: si tratta di una sottospecialità poco coltivata anche dagli stessi dentisti.
Può anche dare un’occhiata agli articoli linkati qui sotto:
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-vertigine-pertinenza-odontoiatrica.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-sonno-disfunzioni-cranio-mandibolo.html?refresh_ce
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 360XXX

Buongiorno Dottore,
La ringrazio molto per il suo consulto e seguirò il suo consiglio.
Ho un dubbio sulla durata dei sintomi ovvero è possibile che problemi all' ATM o alla cervicale (rettilineizzazione della lordosi) diano continui giramenti di testa come sbandamento e difficoltà di concentrazione sono ormai 10 mesi.
Potrei capire quando si cambia la posizione ma io li avverto anche da seduto davanti al computer e migliorano invece da posizione distesa ovvero divano o letto.
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Si tratta di un argomento con sintomatologia estremamente varia: spesso, ma non sempre, la gravità dei sintomi è proporzionale alla gravità della disfunzione dell'ATM.
E' molto importante che il dentista cui si rivolgerà sia specificamente esperto nella materia.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente 360XXX

Bungiorno Dottore,
La ringrazio per il consulto.
La aggiorno perché ho effettuato una visita fisiatrica ove mi è stata riscontrata l'irritazione del simpatico cervicale ed una limitazione dei movimenti nel suo complesso oltre che scoliosi e ipercifosi.
Mi hanno prescritto levobren 20gg e tecarterapia più massaggi.
Le chiedo se è possibile che il sistema simpatico compromesso possa creare giramenti di testa, intendimento e difficoltà di concentrazione?
Inoltre soffro anche di continue eruttazioni che si manifestano soprattutto durante i momenti ove ho maggiori giramenti di testa ed espellendo l'aria ho sollievo.
Mi è stata riscontrata una ernia iatale esofagite e lieve gastrite.
Ho anche sentito parlare di nervo vago per caso può centrare anche questo nella mia sintomatologia anche gastrica? Come si diagnostica e quali sono le cure? Grazie

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
E come ha fatto il Collega Fisiatra a diagnosticare l'irritazione del simpatico cervicale?
Se questo può sostenere le sue vertigini doveva chiederlo a chi ha formulato questa diagnosi.
Comunque il Fisiatra ha anche predisposto la terapia conseguente alla sua diagnosi: faccia quanto le ha prescritto ed eventualmente riferisca i risultati.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#6] dopo  
Utente 360XXX

Buongiorno,
Quello che ho riportato risulta dal referto rilasciatomi dal fisiatra.
Suppongo che attraverso la visita che ha effettuato abbia tratto le sue conclusioni.
Purtroppo non è mia materia e non posso dire come abbia fatto, sono costretto a fidarmi come ho sempre fatto.
Secondo il fisiatra potrebbe essere visto anche l'appiattimento della lordosi cervicale.
Cercavo solamente una ulteriore conferma alla diagnosi.
Saluti.