Utente 355XXX
Scrivo per mia madre 80 anni con encefalopatia vascolare cronica. Ha fatto un EEG e gentilmente chiedo una Vs interpretazione:
Presenza di qualche artefatto.
Ritmo di fondo a 8-10 c.sec, di medio-ampio voltaggio, regolare, stabile, reagente agli stimoli sensoriali, frammisto a sequenze rapide.
In condizioni di base e durante le prove di attivazione si registra la presenza di sequenze di onde lente di medio-ampio voltaggio, puntute in sede temporale bilat., talora con diffusione a tutto l'ambito encefalico.
Conclusioni:
Anomalie lente-puntute aspecifiche in sede temporale bilat. con diffusione a tutto l'ambito encefalico.

Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

potrebbe gentilmente dire perché è stato effettuato l'EEG?
Le faccio questa domanda perché questo è un esame che va interpretato in base alla sintomatologia del paziente.
La vasculopatia cerebrale è stata diagnosticata mediante TC o RM? Effettuata quando?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 355XXX

Vasculopatia diagnosticata nel 2013 tramite RM. Ora ha fatto nuova RM di controllo con questo esito:
Si apprezza la presenza di nuove multiple aree di alterata intensità di segnale iperintense in DP e T2 che si localizzano nel contesto della sostanza bianca sottocorticale e periventricolare biemisferica con maggiore evidenza in sede frontale sinistra parieto occipitale destra e parietale sn a cui si associa verosimile rigonfiamento della corteccia per la cui valutazione appare indispensabile integrazione su magnete ad alto campo anche dopo somministrazione di mdc paramagnetico

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'esito del tracciato EEG è compatibile con la sofferenza vascolare riscontrata, cioè con la vasculopatia cronica.
In assenza di episodi critici, di tipo convulsivo (epilettico), questa interpretazione è la più verosimile, anche perché il collega che ha refertato l'esame usa il termine "aspecifiche" per descrivere le attività lente-puntute.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro