Utente 416XXX
Gentili dottori,
chiedo un consulto a cause dei sintomi che mi accompagnano da ieri sera.
Mi sono svegliata nel pomeriggio dopo un breve pisolino con il braccio sinistro indolenzito e pesante, la sensazione si accentua quando lo sollevo e talvolta sento formicolio alle dita delle mani. Non ci ho fatto troppo caso perché mi ero addormentata con la testa su quel braccio ed è una sensazione che provo frequentemente quando accade ma che svanisce dopo poco. Passano le ore, il fastidio persiste e si presenta un altro sintomo: Cerchio alla testa, pressione sulle tempio e il lato sinistro del viso addormentato, in particolar modo l'orecchio (che sembra "tappato" ma non ho problemi uditivi) zigomo, guancia, e occhio da cui vedo leggermente annebbiato e che al tatto sembra più gonfio rispetto all'altro. La sera vado a dormire con la speranza passi tutto nel corso della notte ma purtroppo al risveglio, questa mattina, non è cambiato nulla. Forse il braccio leggermente meno pesante e indolenzito.
Premetto che soffro di ansia ed è stata una settimana particolarmente stressante, la ricerca dei sintomi su internet non ha aiutato la mia paura. Si parla di ictus, SM, infarto ecc. ma anche di problemi dentali? Ho infatti il premolare alto sinistro a cui anni fa è stata eseguita un'otturazione a detta del mio ultimo dentista "fatta male" perché la caria non è stata tolta ma solo coperta e a volte mi provoca qualche leggera fitta. Potrebbe essere la causa?
Vi chiedo, per quanto possibile attraverso uno schermo, un chiarimento per evitare di andare in panico quando non necessario.
Grazie in anticipo!

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Cara ragazza,
avvertire intorpidimento di un braccio per una posizione scorretta durante il riposo notturno è del tutto normale e non deve crearle particolare ansia. Per quanto attiene al fastidio definito come parestesia al viso, può essere magari indicato sottoporsi ad una visita da parte del Medico curante che potrebbe ritenere opportuno un parere specialistico.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it