Utente 499XXX
Buongiorno a tutti, sono un ragazzo di 26 anni e da una settimana circa accuso questi sintomi:
- per prima cosa, mentre cammino ho la sensazione di dover compiere uno sforzo lievemente maggiore con la gamba sinistra per non strisciare il piede a terra
- secondo, sento di avere un po' meno controllo su anulare e mignolo della mia mano sinistra

La sensibilità è intatta e inalterata su entrambi gli arti sinistri, e per quel che mi riguarda non sento deficit di forza a mani e piedi. Non so proprio cosa possa essere.

Alcune premesse sono necessarie. Un mese e mezzo fa ho subito un intervento chirurgico alla spalla sinistra dopo una brutta caduta che ha rotto i legamenti dell'acromio e della clavicola; ho temporaneamente una placca di metallo uncinata avvitata alla clavicola. Questo incidente ha fatto si che cambiassi la mia postura durante il sonno per un mese, da dormire a pancia in giù a dormire a pancia in su. Recentemente, avendo molto meno dolore, ho ripreso la mia vecchia postura, ma mi sono svegliato con una fitta molto dolorosa al gomito sinistro, e mi sono accorto di averci dormito sopra per non so quante ore a gomito piegato. Inoltre, mentre cammino porto lo zaino solo sulla spalla destra, che potrebbe aver determinato la sensazione che ho alla gamba sinistra. Per finire, sempre nel sonno mi sono svegliato per una fitta alla giuntura tra inguine e gamba sinistra, perché dormivo con la gamba aperta a 90 gradi, a pancia in giù.

Forse la premessa più importante è che sono fortemente ipocondriaco, cosa che sto cercando di sistemare. Presto davvero troppa attenzione ai segni del mio corpo, e probabilmente è proprio questo che mi ha fatto scrivere questa discussione. Vorrei però essere tranquillo circa quello che sento, e per questo mi rivolgo a chiunque risponderà. Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio giovane,
la sintomatologia riferita a carico dell'anulare e mignolo esprime un interessamento del nervo ulnare, che appunto decorre sotto il gomito (nella cosiddetta doccia olecrano-epitrocleare) e che potrebbe aver risentito di una eccessiva e protratta compressione. L'esame dirimente è costituito dall'elettromiografia all'arto superiore interessato.
L'andatura strisciante non ha alcun nesso con la patologia traumatica della spalla né risente della postura imposta dal carico di uno zaino. E' necessario che ne venga accertata l'esistenza clinica dal Neurologo per diagnosticare un eventuale deficit a carico del nervo peroneale.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 499XXX

Gentile Dott. Colangelo, grazie per avermi risposto. In realtà non striscio il piede; le spiego: mentre cammino faccio attenzione a sollevare il piede sinistro, ma anche quando cerco di diminuire questo lieve sforzo che devo fare, il piede comunque non striscia. In più, la mia andatura vista allo specchio è normale. Mi sono dimenticato di dire una cosa: un mese e mezzo fa, oltre alla spalla ho avuto un altro di questi eventi: mentre facevo sport, dopo un salto sono atterrato con il piede sinistro prendendo una storta che però non è rimasta circoscritta alla caviglia, ma ha interessato anche il ginocchio. Come conseguenza di ciò, per circa un mese anche solo camminare per un po' si traduceva in un dolore al ginocchio una volta a riposo. Purtroppo non ho fatto visite. Potrebbe c'entrare qualcosa?

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La sua spiegazione sposta interamente la competenza dal settore della Neurologia a quello dell'Ortopedia.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 499XXX

Ok, la ringrazio. Spero nulla di grave, anche perché quello che provo è comunque minimo e molto lieve, ma continuo a prestarci attenzione, temendo grosse patologie del sistema nervoso (sclerosi e affini)