Utente 505XXX
Buongiorno, da ieri sera ho un dolore che va e viene (dipende anche dalla masticazione o dalla posizione del collo, così mi è sembrato) nel lato destro della testa. Non fumo, non bevo e svolgo abbastanza attività fisica, nel senso che faccio lunghe passeggiate ogni giorno.
Sto assumendo da 7 mesi la pillola anticoncezionale Zoely per problemi ormonali e ho paura che possa avermi causato un’emorragia cerebrale o altre cose di questo genere e possa trattarsi di una cosa grave. Non ho altri fattori di rischio.
Cosa può essere? Devo allarmarmi? Grazie di cuore per il servizio che svolgete. A presto.
Saluti!

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non vedo una condizione allarmante.
Considerato che probabilmente il dolore è scatenato dalla masticazione potrebbe anche starci una disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare.
Altra possibile ipotesi una tensione o contrattura muscolare in regione cervicale se causato dai movimenti del collo.
Inizi a parlarne col Suo medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 505XXX

La ringrazio tantissimo per la tranquillizzante risposta. Ora quel dolore è passato, ma mi sento come se avessi la febbre, anche se non ce l’ho. È una sensazione di spossatezza e indolenzimento generale, non so se mi spiego, anche questa va e viene. Però devo sottolineare che sono molto ansiosa e lo sono stata tutto il giorno per via di questo mal di testa.
Posso stare tranquilla secondo lei? Grazie davvero.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

con tutti i limiti del consulto a distanza mi sentirei di tranquillizzarLa.
Come Le dicevo precedentemente, ne parli però col Suo medico curante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro