Utente 500XXX
Buongiorno a tutti,

ieri mi sono sottoposta a un intervento chirurgico con anestesia generale e,
subito dopo essermi svegliata, in sala operatoria, quindi ancora
in dormiveglia, con l'anestesia in circolo, che mi impediva di essere completamente cosciente
di quello che facevo, ricordo, pur se non so cosa abbia detto di preciso, di aver risposto, alle domande
dell'infermiere, in inglese.
Premetto che non sono di origine Britannica ma, essendo una persona molto solitaria, intrattengo
conversazioni per lo più online, e la maggior parte del tempo (70-80%) lo passo a leggere, scrivere e ascoltare in Inglese.
Oltre a questo, quando mi ritrovo in compagnia di me stessa, mi capita di parlare da sola in Inglese.

Com'è possibile però, che il mio cervello, durante il post intervento, dove non era ancora del tutto "sveglio",
abbia potuto in automatico replicare in questo modo?

Dite che si tratta comunque di una reazione normale, dovuta appunto, all'uso fluente di questa seconda lingua,
oppure è qualcosa che andrebbe approfondito?

Grazie mille in anticipo per il vostro aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è possibile al risveglio dopo un'anestesia generale, ancora in sala operatoria, dire cose che hanno poco senso, non riferito al Suo caso, ma in generale.
Nel caso specifico non vedo nulla di allarmante considerato che Lei utilizza frequentemente questa seconda lingua.
Si può considerare una reazione normale.
Le auguro una rapida ripresa.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 500XXX

La ringrazio tanto per le sue parole Dr. Ferraloro, mi hanno tranquillizzata molto.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Mi fa piacere che si sia tranquillizzata.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro