Utente 451XXX
Buongiorno dottore mi chiamo Renato Ho 41 anni alto 180 e peso 105 kg di corporatura robusta e da circa due anni e mezzo ho dei grossi disturbi alla gamba destra che ora Le spiego.
Per farle capire la mia situazione le dico subito che io ho un soleo accessorio scoperto in concomitanza con tutti gli esami che ho fatto per cercare di curare la mia patologia . Tutto Iniziò con la rottura di un legamento della caviglia destra curato con un gambaletto per circa un mese senza prendere l'eparina e purtroppo questo mi ha portato che mi venisse una trombosi venosa profonda alla gemellare. La trombosi l'ho curata per un intero anno con anticoagulanti ma nel frattempo sono partite subito a seguito della trombosi delle fascicolazioni muscolari nella zona del soleo accessorio e contemporaneamente, dato dal fatto che io sono un tassista e batterista, si è creata una tendinopatia del tendine d'Achille che ancora oggi mi porto dietro ormai cronico con larghezza del tendine di 7,5 mm. La questione fascicolazioni, oltrettutto molto dolorose e frequenti (all'inizio una ogni 10 secondi ora 1 ogni qualche minuto...) le avverto dall'inizio della trombosi, ma avendo fatto ogni genere di controllo, ogni medico Scarica la responsabilità del mio problema al medico successivo. Ho fatto controlli da ortopedici i quali dicono che sia di origine vascolare da, vascolari i quali dicono che sia una questione ortopedica... ho fatto elettromiografia con esiti negativi, un sacco di riabilitazione dicendomi che mi migliorasse la mia situazione.... Ma tutti questi controlli Non hanno portato a nulla. Premesso che sono un fumatore di circa 15 sigarette al giorno e assumo marijuana in piccole quantità ma costantemente e mi accorgo che la questione delle fascicolazioni aumenta notevolmente sia di frequenza sia di dolore con l'assunzione della marijuana che invece pensavo fosse un rilassante. Sono tornato proprio ieri dal vascolare il quale mi sta facendo assumere arixtra 2,5 per fluidificare il sangue e sto usando la calza elastica. La calza la metto tutto il giorno ma la sera, esempio durante le prove musicali, insieme all'assunzione della marijuana, questa situaziine mi compromette la mobilità fisica con forte aumento di dolore , cosa che prima di quando mi ruppi il legamento della caviglia da cui nacque tutto il problema non esisteva nessun tipo di fascicolazione . ora gentilmente so benissimo che non è un caso semplice però vorrei chiederle un parere. Saluti Renato

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Paziente,
se l'elettromiografia ha escluso che vi sia lesione da imputare a disturbi della conduzione nervosa o della placca neuro-muscolare, l'unica alternativa che le resta per tranquillizzarsi definitivamente sull'origine delle fascicolazioni sarebbe uno studio dell'intero asse cerebro-midollare con Risonanza MAgnetica. Avuta la negatività dell'esame, allora deve trovare la spiegazione in fattori di iper-eccitazione quali nicotina, caffeina, marjuana, etc
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 451XXX

Grazie per la sua risposta così celere.. appena avrò il referto le farò sapere.
Saluti renato