Utente 530XXX
Salve, stamattina dopo una lunga camminata sotto il sole, e una discussione con mio padre che mi ha portato molto stress, mi è venuto uno strano mal di testa nella parte centrale della fronte, all'altezza delle sopracciglia, proprio lo spazio in mezzo alle due ma poco più sopra. Il dolore si fa più intenso alla pressione, e lo sento che invece aumenta lievemente al movimento delle palpebre. Al tatto riesco a sentire dolore toccando il punto centrale descritto prima, fino a poco più di lato sopra le sopracciglia. E' Come se avessi un muscolo contratto, o qualcosa che tira proprio in quel punto. Il problema è questo: io ero tranquillo, ed ho pensato ad un dolore muscolare o un problema con i nervi o roba simile, dato che ho avuto molti mal di testa dovuti alla cervicale, però essendo discendente da una famiglia di ipocondriaci, ho sviluppato lievemente questo aspetto anche io,, e la mia ragazza ha avuto la bella idea di dirmi che c'è chi è morto improvvisamente di emorragia al cervello. Nonostante gli dicessi che mi pareva impossibile, continuava a farmi esempi di gente morta senza accorgersene e con un mal di testa simile al mio. Dopo che mi ha fatto innervosire, ha provato a tranquillizzarmi ma ormai era troppo tardi. Penso sia più probabile che io muoia d'ansia ora, e non riesco a togliermi l'idea che "potrebbe succedere anche a me". Altrimenti non sarei arrivato al punto di scrivere su questo forum...

Grazie mille

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazzo,

può tranquillizzarsi, non vedo nulla di preoccupante.
Dalle caratteristiche che descrive e dalle modalità d'insorgenza la sintomatologia riferita sembrerebbe di tipo tensivo, nel suo caso, da tensione nervosa e muscolare. Infatti una cefalea di questo tipo con senso di pressione è tipicamente tensiva.
Stia tranquillo, se il dolore dovesse persistere si rivolga al medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro