Utente 550XXX
Buongiorno , sono un ragazzo di 22 anni a cui è stata diagnosticata la sindrome di Hirayama già da qualche anno , è sotto controllo periodicamente , premetto che sono uno sportivo e lo sono da quando avevo 14 anni , infatti è stato grazie allo sport che mi sono accorto che qualcosa non andava .
Il punto è che allenandomi vedo dei miglioramenti nonostante mi sia stato sconsigliato , ovviamente ho cambiato modo di allenarmi rendendo l allenamento il più leggero possibile per via della malattia .
Ora per la prima volta , dopo 3 settimane in circa in cui ho evitato ogni tipo sforzo per via di altri problemi di salute , mi si sono presentati dei dolori nel braccio destro , dove la sindrome di Hirayama ha colpito.
Per questo mi sorgono dei dubbi, mi era già successo e anche spesso, ma in seguito a particolari sforzi anche legati alle azioni quotidiane, e fin lì tutto normale , davo la colpa a quello , ma questa volta ho crampi continui Durante tutto il giorno e conseguenti dolori dovuti da essi.
Il mio dubbio nasce quando nelle prime righe della descrizione della sindrome di Hirayama si legge "non provoca dolori" e si legge in più di un articolo che questa malattia dovrebbe provocare fastidi ,tremolio , atrofia muscolare e mancanza di forza insomma, tutto ma non dolore .
Chiedo un consiglio a voi esperti , può esservi qualche tipo di complicazione? Potrebbe essere sbagliata la diagnosi, anche se non credo essendo questa l unica incongruenza di tutti i sintomi del caso . Vi ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è vero che la sindrome di Hirayama o amiotrofia monomelica non causa dolore, però mi pare che Lei parli di crampi che sono un sintomo raro ma possibile della malattia ed il dolore mi sembra sia causato dai crampi stessi, che si tratti cioè di crampi dolorosi, in tal senso il dolore ci potrebbe stare, Lei scrive infatti " ho crampi continui Durante tutto il giorno e conseguenti dolori dovuti da essi."

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 550XXX

Mi scuso, mi sono espresso male .
Con 'crampi' volevo dire le contrazioni dei nervi involontarie o gli spasmi dei nervi tipici della malattia , il termine corretto non lo ricordo (fascicolazioni?) non esattamente i crampi .
Insomma i sintomi tipici della malattia che di solito sono solamente questi 'spasmi' , chiusure delle dita involontarie o balzi improvvisi della mano non dolorosi, solamente fastidiosi ,in questo periodo sono accompagnati da un po' di dolore, volevo dire questo in realtà.
Aggiungo che il dolore in realtà lo sento anche in qualsiasi azione quotidiana senza fare praticamente sforzo , esempio: aprire una porta con la chiave , appoggiare la mano su un muro o premere un tasto.
Non era mai successo stando completamente a riposo , sono stato forse un po' stressato in questi giorni ma arrivare ad avere dolore per lo stress, possibile?
Grazie per la risposta dottore!

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

tra le ipotesi possibili si può considerare anche un dolore che riconosca un’altra causa, per es. una brachialgia, un dolore di origine osteoarticolare o una neuropatia sensitiva.
Le consiglio di parlarne con lo specialista che La segue.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 550XXX

Grazie ancora della risposta dottore , proverò a riferire alla prossima visita .

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro