Utente
Buongiorno, potreste spiegarmi che significa aree puntiformi di alterato segnale nelle sequenze in TR lungo? Queste aree si trovano in corrispondenza della sostanza bianca iuxcorticale frontale SX, centro semiovale SX, emisezione destra del ponte, in sede centro pontina, in sede periventricolare a livello della cella media del ventricolo laterale SX e in sede peritrigonale dx.
Ho eseguito la RM per sospetta malattia demilinizzante.
Grazie mille per la vostra disponibilità.
Buona giornata

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

si dovrebbero visionare direttamente le immagini dell’esame per dare un parere attendibile, tuttavia solo in base al referto è possibile dire che l'ipotesi demielinizzante è possibile come pure altre ipotesi, per es. vascolare.
Non sappiamo nulla però della sintomatologia e dell'esito della visita neurologica.
Ovviamente il problema deve essere approfondito mediante ulteriori esami diagnostici che il neurologo che La segue certamente Le indicherà.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per il vostre prezioso parere.
Ho eseguito la RM a causa di una mancanza di sensibilità a una guancia durata circa due mesi e rimasta cmq lievemente insensibile e con piccole scosse che vanno e vengono. Nel 2017 ho avuto un episodio molto forte di nevralgia del trigemino a sx durato una ventina di giorni con dolore continuo che si accentuava parlando o con colpi di tosse, fine 2017 ho iniziato ad avvertire dolore alla spalla con intorpidimento al braccio e la mano sx anche esso durato qualche mese, ora continuo ad avere delle fitte forti che sembrano provenire dall'interno dell'osso. Nel gennaio 2019 una neurite ottica ( dolore al movimento della pupilla senza alcuni calo significativo della vista)all'occhio sx, dopo ho iniziato ad avere mal di testa quotidiani, da molto forti a cefalee normali, a marzo questa parestesia al nervo sensitivo mandibola SX, e luglio altra neurite ottica occhio dx durata circa 15 giorni ma con vista sdoppiata per circa un mesetto. Venerdì sera ho iniziato a sentire dolore al movimento della pupilla DX e vedevo di nuovo doppio, sabato ancora dolore, domenica ha iniziato a regredire, seppur leggero sempre presente. Ultimamente mi capita spesso di sentire sparsi per tutto il corpo come se qualcuno accendesse per alcuni secondi l'accendino su una parte del corpo e questo calore dura qualche secondo per poi sparire! Questi sono i nei sintomi. Ho 35 anni, altre malattie: diabete e tiroidite di hascimoto.
Grazie per il vostro prezioso aiuto

[#3] dopo  
Utente
Vi trascrivono qua il referto della RM:
RM encefalo: esame eseguito prima e dopo la somministrazione di MDC paramagnetico e. v. con sequenze SE, TSE, GRE, FLAIR ed EPI-Dwl pesate in t1, t1fat sat e t2 secondo piani assiali, sagittali e coronali.
Non aree di restrizione della diffusività riferibili a lesioni ischemiche in fase acuta/subacuta. Presenza di alcune puntiformi aree di alterato segnale, iperintense nelle sequenze a lungo TR, in corrispondenza della sostanza bianca iuxcorticale frontale SX, centro semiovale SX, emisezione destra del ponte, in sede centro pontina, in sede periventricolare a livello della cella media del ventricolo laterale SX e in sede peritrigonale dx, aspecifiche; utile inquadramento clinico laboratoristico al fine di escludere una eventuale patologia demielinizzante. Non aree di patologico contrast- enhancement. Spazi liquorali cisterno corticali e camere ventricolari nella norma per età, strutture mediane in asse.
RM rachide cervicale: esame eseguito prima e dopo la somministrazione di MDC paramagnetico e. v. con sequenze GRE, TSE, e STIR pesate in T1 e T2 secondo piani assiali e sagitali.
Riduzione della fisiologica lordosi cervicale associata a iniziali segni di spondilosi intersomatica.
Nella norma i rapporti disco somatici.
Non aree di patologico contrasto enhancement.
Nella norma il segnale della corda midollare.
Secondo voi è probabile una sclerosi multipla?
La sclerosi multipla è associata come malattia al diabete?
Grazie infinite per l'aiuto che offrite!
Buona serata

[#4]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la possibilità di una SM è solo ipotetica, infatti dalla RM non è possibile fare diagnosi di questo tipo, diciamo che è una possibilità. Anche il fattore vascolare è da prendere in considerazione.
Ottima notizia la non impregnazione del mezzo di contrasto.
I vari esami diagnostici che farà chiariranno la natura del problema.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#5] dopo  
Utente
Ho già provveduto a prenotare una visita al centro sclerosi multipla, questa settimana dovrò effettuare vari esami, e la settimana prossima la rachicentesi.
In caso di problema vascolare, questo giustificherebbe i miei sintomi? Le puntiformi aree di alterato segnale giustificano i miei sintomi?
Non ne posso più sono più di due anni che lotto col mio medico per questi sintomi che lui sintetizzava in "non è niente" si limitava a darmi antidolorifico e basta.
Grazie mille per la disponibilità
Buona serata

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

eventuali problematiche vascolari, col suo quadro RM, sono solitamente asintomatiche.
Non si può dare un parere sul resto non visionando attentamente le immagini. Comunque buona parte della sintomatologia può essere indipendente dal reperto RM.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente
Grazie mille, attenderlo con ansia gli esiti degli esami che farò questa settimana.
Posso chiederle un ulteriore dubbio...da circa 8/9 non ricordo bene mi si sono presentate fascicolazioni sparse in tutto il corpo, e da qualche giorno un fastidio al piede SX, come se fosse bloccato, riesco a muoverlo normalmente, faccio le scale, ma non è come il DX, cammino e sento questa differenza, è fastidiosa, la caviglia sembra un po bloccata e muovendo la schiocca. Mi sono accorta che è capitato che qualche mattina mi sveglio e per tutto il giorno non mi si presenta, il giorno dopo di nuovo, e magari inizia nel pomeriggio. Inoltre nel piede sento come se fosse leggermente informicolato. Un'altra cosa che mi succede da due giorni è una specie di intorpidimento( come se fosse gonfio ) il mento, il labbro inferiore, e la lingua. Ho eseguito una visita neurologica nel centro sclerosi multipla una settimana fa, e a detta della neurologa l'unica cosa di anormale è stata una leggera differenza di sensibilità tra le due guance, e questa l'ho notata io che nel test del tallone che tocca il ginocchio inizialmente non sono riuscita a trovare il ginocchio, dopo toccato una volta è andato tutto bene. Un'altra visita neurologica eseguita a aprile 2019 riscontrava solo un riflesso acchilleo assente!
Mi devo preoccupare per queste fascicolazioni? Possono essere sintomo di qualche patologia neurologica grave? Potrebbe essere associata al diabete? Non ho detto al neurologo di questo problema, e neanche delle fascicolazioni, ma si sarebbe accorto se c'era qualche problema? Aggiungo che è un po di tempo che sento improvvise mancanze di sensibilità a entrambe le ginocchia e cmq spesso sento un dolore interno molto leggero ma fastidioso a tutta la gamba SX dove è presente il problema come se tirasse ( sembrerebbe il nervo sciatico). Grazie mille, mi sta dando un enorme aiuto!

[#8]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

fascicolazioni diffuse solitamente non preoccupano. Non c'è una correlazione diretta col diabete.
Per quanto riguarda il problema all'arto inferiore sinistro, l'ipotesi dell'origine lombosacrale è concreta, ovviamente va indagata mediante esami appropriati, per es. una RM al tratto lombosacrale della colonna vertebrale.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente
Grazie mille, riesce sempre a chiarirmi le idee.
Oggi il problema al piede sembra non esserci, o cmq non lo sento pronunciato come ieri.
Ne approfitto ancora della sua gentilezza per togliermi qualche dubbio e in parte curiosità.
Dalla RM risultano aree puntiformi di alterato segnale, ma una sclerosi multipla non dovrebbe avere aree più ampie? ( questa è una mia curiosità). Un'altra cosa, venerdì ho avuto dolore all'occhio destro col movimento della pupilla, se giravo verso l'esterno mi faceva male oltre all'occhio anche tutto attorno nella parte esterna, stessa cosa se guardavo in su, e in ogni direzione ma se su sentivo dolore subito sopra l'occhio, il tutto è durato 3/4 giorni con un leggero appannamento della vista. Questo potrebbe dipendere (sempre anche in base alla mia RM, visto che è la terza volta che mi viene da gennaio a ora) da un problema vascolare, o come probabilità si orienta più su una sclerosi multipla?
Domani dovrò fare esami più pev, e vorrei andare un po più preparata.
Grazie mille per la sua disponibilità.
Buona giornata.

[#10]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

solitamente le aree di demielinizzazione sono più ampie nella SM ma talora possono essere anche puntiformi.
Riguardo l'episodio doloroso all'occhio le cause possono essere diverse, da quelle vascolari a quelle di una semplice cefalea in regione oculare.
A livello ottico la RM non presenta alterazioni.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente
Quindi, non avendo alterazioni a livello ottico si può presumere che anche le altre due non siano state causate da una eventuale SM.

[#12]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

questo purtroppo non si può escludere completamente, potendo un’eventuale neurite ottica non lasciare dopo mesi esiti alla RM. Le ricordo pure che la neurite ottica non è sinonimo di SM, potendo insorgere in seguito a diverse cause, per es. virali tra le più frequenti.
Questo in generale, non voglio dire che si esclude la SM ma, qualora si sia trattato di neurite ottica, non è automatico che sia da SM che, ripeto, non si può escludere.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente
Buongiorno, ho eseguito i potenziali avocati e a detta del tecnico sembrano andati bene, ma dice che ci sono dei calcoli da fare, quindi non so. Ora mi manca la rachicentesi.
Potrei sapere dopo quanto in media si hanno i risultati della rachicentesi?
Da giovedì mattina mi ritrovo di nuovo col fastidio al piede e alla gamba, mi sta preoccupando tanto( anche perché leggendo su internet, che non riesco a trattenersi non escono molte belle cose. Stavo bene tutto mercoledì, giovedì mattina entro in doccia e come mi colpisce l'acqua sul piede inizia il fastidio. Lo sento più duro al movimento, sembra di avere la caviglia bloccata, che oltretutto come la muovo mi scocchia l'osso. Non ho tanto dolore, se non i dolori quando contraggono i muscoli tipici di quando si fa attività fisica senza essere abituati (forse causati anche dal fatto che faccio continuamente prove per vedere la forza, cammino coi talloni,con le punte dei piedi, insomma talvolta mi sento una pazza). In più le fascicolazioni. Anche ieri pomeriggio dopo un breve riposo pomeridiano sembrava essersi attenuato, poi mi sono messa alla guida dell'auto e mi è tornato. Sto avendo seriamente paura. Non so se sia il fatto del forte stress che sto provando in questo periodo, oppure ci sia qualcosa di organico, ma ormai ci penso molto a questa cosa.
Inoltre, già da un po, sento la continua necessita di dover muovere le gambe, se sono rilassata o in fase di addormentamento o cmq seduta, le devo accarezzare spesso, oppure sfregare gamba contro gamba, oppure necessitò di massaggi. Non so più cosa fare, l'unica cosa e che mi sento impazzire, mi sento molto giù, mi ritrovo con mille paure e cerco con internet di dare spiegazioni ai miei malesseri associandoli al diabete,e a qualsiasi altra cosa.
Grazie se vorrà aiutarmi a fare chiarezza anche su questo altro aspetto della mia sintomatologia, ormai non esco più, sto sempre a casa, la mia testa non mi permette di stare tra la gente, non sono serena, non ho voglia di vedere nessuno, di stare con nessuno, e anche questo lato mi sta preoccupando sul fatto di un'eventuale depressione, non ho più voglia di ridere. La prego mi dia una mano. Ormai guardo la vita da dentro casa, l'unica cosa che faccio è andare a prendere i miei figli a scuola, e cerco di evitare ogni contatto con le altre mamme, perché non ho voglia di stare in compagnia. Cerco tanto la solitudine, che lentamente mi ammazza. Scusi per lo sfogo, ma non ne posso più, davanti agli devo fare la forte, per non far star male la mia famiglia, solo nella mia solitudine posso crollare.
La ringrazio infinitamente, per la pazienza e l'umanità che dimostra.
Buona giornata

[#14]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

i tempi per valutare i risultati della rachicentesi sono molto variabili da un ambulatorio all’altro, non è raro però che vengano consegnati in tempi diversi avendo tempi di esame variabili secondo lo specifico elemento da analizzare.
Non si faccia prendere da paure eccessive senza motivo.
Lasci perdere anche la Rete che è fonte inesauribile di ansia.
Si tranquillizzi, se non riesce valuti l’eventualità di farsi aiutare da uno psicologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente
Grazie mille dottore, gentilissimo come sempre, sono in attesa, a momenti dovrei fare la puntura lombare, ho una gran paura.
Volevo anche aggiornarla riguardo alla gamba SX, sabato avevo la sensazione di gamba bloccata, e un bisogno costante di massaggiarmi il polpaccio e la parte anteriore della caviglia, domenica la situazione sembrava peggiorata, un forte dolore a tutta la gamba, sembrava un attacco di sciatica, un dolore profondo con una strana sensazione, come se mi vibrasse l'intero piede e gamba fino a meta coscia, durato tutto il giorno si è calmato quando sono andata a letto, anche se non mi ha fatto dormire gran che questo sintomo. Ormai sono da giovedì col fastidio fisso e questa sensazione di acido lattico in tutti i muscoli della gamba sx. Ho paura questo sintomo non sia causato da un qualcosa ben peggio della sclerosi multipla, e questo mi mette ulteriore angoscia.
Non so cosa aspettarmi, ho paura a pensare al mio futuro! Grazie infinite per la sua gentilezza, mi sta dando una mano in questo momento buio della mia vita.

[#16]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la sintomatologia che riferisce all'arto inferiore sinistro è compatibile con un problema di origine lombosacrale.
Non vada a pensare malattie più gravi della SM, se si riferisce alla sla, Le ricordo che l’esordio non avviene mai con dolore e sintomi sensitivi quali vibrazioni.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente
Scusi, non ho scritto subito perché la rachicentesi mi ha messo un po KO, non tanto con cefalee ma forti sonnolenza, oggi va un po meglio, tranne per questa gamba SX che è molto fastidiosa. Volevo chiederle se dovesse essere un problema lombosacrale, non dovrei avere perlomeno un po di dolore in quella zona? Sono nel panico più totale. Questo fastidio mi sveglia la notte, o con dolori tipo fitte al polpaccio/osso, non riesco a capire da dove provenga, oppure con una sorta di scossa che sento che fino al cervello. Poi non ci sarebbero dovuti essere i potenziali evocati anormali con una situazione così?
A quanto ho capito dal medico che ha eseguito la rachicentesi i miei potenziali evocati dovrebbero essere nella norma, con questo non si potrebbe già escludere una SM? Prima di eseguire la rachicentesi ha voluto verificare dalla mia cartella se era necessario farla,in caso non ci sia stato niente di anormale l'avrebbe evitata? In caso di negatività della rachicentesi si può escludere definitivamente una SM?
Sono molto preoccupata, la gamba SX mi ha dato tregua da lunedì sera e martedì per tutto il giorno, ieri notte ha riiniziato a darmi fastidio, stamattina un fastidio assurdo.
Se fosse stata sla sarebbe consecutivo? Anche le fascicolazioni quando ho il sintomo sono più presenti, altrimenti ci sono ma più distanziate e cmq non tanto fastidiose. Inoltre mi sento un fastidio alla spalla sempre sx, simile a quello della gamba, ma più leggero e un un ronzio all'orecchio SX, leggeri capogiri. Chiudendo gli occhi barcollò con l'equilibrio, che cmq mi rendo conto di non avere più come prima.
Sono preoccupata, gli esiti della rachicentesi l'avro tra un mese, sarà un mese lunghissimo.
La ringrazio davvero tanto, verrei da lei per stringerla in un forte abbraccio e ringraziarla per ogni parola che dedica a noi. Grazie di cuore. Buona giornata.

[#18]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

"se dovesse essere un problema lombosacrale, non dovrei avere perlomeno un po di dolore in quella zona?" non necessariamente, esistono delle sciatalgie senza lombalgia.

"In caso di negatività della rachicentesi si può escludere definitivamente una SM?" si può escludere se anche gli altri esami diagnostici sono negativi, infatti esistono forme di SM con negatività del liquor, anche con assenza di bande oligoclonali.

"Se fosse stata sla sarebbe consecutivo? Anche le fascicolazioni quando ho il sintomo sono più presenti", la sla non causa dolore, almeno all’esordio e nei primi stadi. Riguardo le fascicolazioni, una delle cause è rappresentata dalle discopatie per cui se c’è un'origine lombare non mi sorprende il loro aumento di frequenza quando c’è una riacutizzazione del dolore.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente
Buonasera, in questi giorni è sorto un nuovo problema, sento un forte bruciore, bruciore nel vero senso della parola a delle vertebre quelle ad altezza dell'ultima costola. La sensazione va dal forte bruciore e talvolta al senso di freddo, sembra che mi appoggino del ghiaccio sopra! Da cosa può dipendere questo fastidio? Se sto in piedi per un po invece me lo sento anche a livello dell'osso sacro. Può dipendere dalla rachicentesi?
La ringrazio per la disponibilità
Buona domenica!

[#20]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

bisognerebbe visitarLa per dare un parere attendibile.
La rachicentesi quando è stata effettuata?

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#21] dopo  
Utente
La rachicentesi è stata fatta lunedì, ma il bruciore è più su e più giù rispetto al punto in cui è stato inserito l'ago. Questo dolore alle vertebre in alto è presente sia a riposo che in piedi, tranne quando dormo, ed è molto fastidioso( non è proprio dolore, come se avessi una fonte di calore in quel punto, mentre l'altro a livello osso sacro solo dopo un po che sto in piedi. Può centrare col sospetto di SM?

[#22]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

un fastidio o dolorabilità è possibile ma in prossimità del punto del prelievo.
Ritengo poco probabile una correlazione col sospetto di sm.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#23] dopo  
Utente
Nel punto del prelievo non ho avuto grandi fastidi se non i primi due giorni. Devo dire anche che non ho avuto tutta questa grande possibilità nell'evitare sforzi avendo bambini.
In certi momenti sento proprio calore in tutta la schiena, al punto di sentire caldo e sudare. Non riesco a capire, non avevo mai sentito un fastidio del genere. Crede sia necessario rivolgermi subito a qualche medico, oppure aspettare e vedere se in questi giorni passa?

[#24] dopo  
Utente
Scusi se la disturbo ancora, ho notato in questi giorni che se rivolgo lo sguardo verso destra( guardando con la coda dell'occhio) non ho nessun problema, se invece guardo a sinistra, vedo doppio e la pupilla rimane in movimento. Questo solo ed esclusivamente se guardo verso sinistra. Cosa può essere?

[#25]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

è una forma di diplopia che andrebbe valutata dall'oculista.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#26] dopo  
Utente
Buona sera e buona domenica, scusi se la disturbo, ma la mia situazione la vedo peggiorare, ormai mi sono venuti anche gli attacchi di panico, non ho voglia di uscire, di vedere nessuno. In poche parole non ho più una vita, sto cadendo nello sconforto più totale.
Ho sempre questo fastidio al piede, come se avessi un impedimento nella caviglia anteriore che mi fa fare fatica a sollevare il piede e naturalmente a camminare( anche se nessuno nota questo fastidio quando cammino). Il fastidio parte dal ginocchio in giù, anche quello mi da un po fastidio. Questo problema è quasi fisso, può passare per mezz'oretta, è capitato anche per una intera giornata di non sentirlo, ma questi ultimi giorni è pressoché sempre presente. Ogni tanto ( sopratutto se sto molto in piedi) mi viene la sensazione di gamba gonfia, e calzino sul polpaccio per poi partire dolori alla gamba, profondi, li sento molto sotto la pelle, che passano senza prendere niente. Mi sta preoccupando anche perché essendo diabetica ho paura non si tratti di una neuropatia, oppure di qualcosa di peggio, oppure riguarda questo sospetto della SM, magari è un sintomo anche di questa, e io non sto facendo nient'altro che tenermi il fastidio magari bruciando tempo prezioso. Ho pensato anche di chiamare al centro sclerosi multipla in cui ho fatto la rachicentesi per chiedere a loro come comportarmi, ma alla fine non ho ancora una diagnosi e non so a che punto possano intervenire. Spesso insorgono anche dolori alla spalla, collo, braccio, e fastidio al polso sempre nella parte SX. Ho pensato anche a una fibromialgia, ma non ho mai sentito di questo problema alla gamba. Non so più che pensare, so solo che sto avendo una grande paura, e che la mia vita sta andando a rotoli, non ne posso più di stare male, di pianti isterici dettati dalla paura di avere chissà che, dei momenti di sconforto perché non mi sento in piena forma, di fare alcune notti dormiveglia per il fastidio al piede, e altri dormire tranquillamente, non ne posso più di tutto, sto male fisicamente e mentalmente. Le chiedo aiuto, mi indirizzi un po da cosa può dipendere questo nuovo problema ormai presente da circa 20 giorni, se è il caso di andare a farmi controllare da qualche medico. Voglio aggiungere che spesso faccio le prove e non ho problemi ne a camminare sui talloni ne sulle punte. E ogni tanto mi parte un dolore che prende tutta la gamba che parte dal gluteo passando in tutta la gamba lato esterno, dietro il ginocchio parte esterna per scendere nel polpaccio, e in più fascicolazioni.
La ringrazio infinitamente, per l'aiuto che mi sta dando.
Buona domenica!

[#27]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

"E ogni tanto mi parte un dolore che prende tutta la gamba che parte dal gluteo passando in tutta la gamba lato esterno, dietro il ginocchio parte esterna per scendere nel polpaccio, e in più fascicolazioni." solitamente l’origine è lombosacrale.
Per il resto, a distanza, sinceramente non possiamo ipotizzare nulla.
La visita neurologica ha riscontrato segni patologici?

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#28] dopo  
Utente
L'ultima visita neurologica l'ho fatta i primi giorni di ottobre da un neurologo al centro sclerosi multipla, e non mi è stato detto comunque gran ché solo che ho meno sensibilità a una guancia rispetto all'altra. Ho fatto i potenziali evocati, a quanto ho capito risultano nella norma.
Non so più cosa pensare, sto vivendo un'inferno. Se anche questo stato del piede fosse dipeso da un origine lombo sacrale, apparirebbe solo insieme al dolore, no? Secondo lei cosa dovrei fare? Attendere cosi i risultati della rachicentesi?
Grazie infinite, buona giornata!

[#29]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non ha mai fatto una RM lombosacrale?
Dr. Antonio Ferraloro

[#30] dopo  
Utente
No, nessun medico mi ha mai prescritto questa risonanza, oggi ho avuto i risultati della RM all'atm ( fatta per escludere una patologia di essa quando ho avuto la paresi facciale al nervo sensitivo) ma è risultata nella norma. Non ho dolori alla schiena, apparte una lieve scogliosi vista da una RX dorsale, anche se fino a poco tempo fa se mi sdraiavo in terra o cmq su qualcosa di duro mi schioccava molto forte, tanto da fare uno scatto molto evidente qualcosa vicino all'osso sacro. Posso aggiungere che circa 2 anni fa abbiamo comprato un materasso molto scomodo,molto morbido, e la mia abitudine è di dormire sempre sul lato sinistro (lato in cui ho tutti i miei problemi), poi i bambini, sempre tenuti in braccio sul lato SX. Diciamo che come parte l'ho sfruttata abbastanza. In ultima cosa, riguardo al piede, dalla camminata nessuno nota niente, se muovo la caviglia sento un forte clic, molto forte, talvolta anche nel ginocchio, e i sintomi si alternano da dolore (sopratutto se lo tocco, parte un dolore, che dura per un po) oppure un fastidio nel muoverlo, come se mi desse fastidio il cervello, ma ho bisogno di farlo, perché non riesco a tenerlo fermo, da fastidio e in ultimo un senso di muscoli fasciati, come se avessi calzettoni stretti.
Volevo aggiungere inoltre che i primi di settembre sono caduta, giocando in famiglia e ho sbattuto la parte di osso sotto il ginocchio, mi si è formata una pallina, proprio all'inizio della tibia, che non mi da grandi fastidi, a meno che non poggio il ginocchio in terra, li mi crea un forte dolore. Molto fastidiose sono le fascicolazioni, gambe e viso...quelle mi fanno pensare tanto, e di conseguenza sprofondare in una paura infernale.
La ringrazio per l'interesse...ma secondo lei questo ultimo sintomo del piede, può essere riconducibile a una SM vedendo anche la situazione nella RM? Oppure può far pensare a qualcosa di peggio? La prego mi aiuti, mi ritrovo in uno stato molto buio, dove ormai non mi sento neanche tanto lucida, e la ragione sembra non esistere.
Buona serata

[#31]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

un approfondimento a livello della colonna lombosacrale lo farei.
Il fastidio al piede può avere varie cause che non è possibile stabilire a distanza.
Ne parli anche col neurologo che La segue.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#32] dopo  
Utente
Provvedero a chiedere di poter eseguire anche questa RM, altrimenti la farò privatamente.
Prima ( ho un massaggiatore elettrico a casa) ero sul divano con quello attaccato massaggiando la gamba a livello del polpaccio, nel frattempo che mi massagiava non sentivo il fastidio al piede/caviglia, e sono riuscita tranquillamente anche ad addormentarmi. Una volta che mi sono risvegliata e rialzata il fastidio è tornato, insieme a un fastidio anche al polso e un acufene (più che acufene, sembra un fruscio, tipo sentire il sangue scorrere) all'orecchio (questi sintomi si trovano cmq tutti a SX).
Ora fatico a riprendere sonno, sembra che vibri l'osso e un leggero dolore,come quando sto seduta sulla gamba sotto il sedere e passa sta passando il fastidioso formicolio lasciando quella sensazione di semi addormentato , questo è quello che sento in questo momento. Non smettero mai di ringraziarla.
Buona notte.

[#33]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la sintomatologia all'arto inferiore che ha descritto nell’ultimo post sembrerebbe periferica e non centrale, almeno come impressione a distanza, vediamo cosa Le dirà poi il neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#34] dopo  
Utente
I massaggi energetici col massaggiatore mi danno un sollievo della sintomatologia provvisorio, sembra mi allegerisca la gamba, non so perché ma è così.
Se la sua intuizione fosse giusta ( periferica e non centrale) potrebbe trattarsi di neuropatia periferica dovuta ai miei 25 anni di diabete? E se fosse centrale? Quale sarebbe la possibile diagnosi?
Da questo pomeriggio è tornata anche una leggera insensibilità alla mandibola con una leggera sensazione di nervo o muscolo che tira verso l'orecchio! Non me ne mancano mai, e capisco che la mia disperazione ( frequenti crisi di pianto quando penso al peggio o al futuro) e la mia ansia non agevola per niente il mio stato, portandolo solo ad aggravarsi.
Ho notato che tra ieri e oggi sento meno fascicolazioni, ma cmq sempre presenti.
Tra una ventina di giorni dovrei andare per l'esito della rachicentesi, quella può dire solo positivo o negativo della sclerosi multipla, oppure può far saltare fuori anche altre patologie?
Non capisco come mai, fino a un mese fa stavo cmq discretamente, avevo si episodi di dolore, di parestesie, dolore al movimento degli occhi, cefalee con anche forti dolori, ma cmq riuscivo cm a condurre una vita pressoché normale, in questo ultimo mese/20 giorni, dacché è iniziato questo fastidio non ho più una vita, e cmq la mia soglia di tolleranza verso ogni cosa è diminuita tanto, sono molto suscettibile, e m'innervosisco per niente, sicuramente molto duvuto a questo forte stress e paura del momento che sto vivendo.
I suoi consigli per me sono molto importanti, grazie infinite.
Buona serata!

[#35]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

l'ipotesi della neuropatia diabetica si potrebbe prendere in considerazione ma la riterrei meno probabile considerato che l'arto interessato è solo uno.
Lei teme la SLA, non ci sono segni che la possano fare sospettare, si tranquillizzi. Lo stesso neurologo che l'ha visitata non l'ha presa in considerazione.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#36] dopo  
Utente
Allora cosa può giustificare tutti questi miei problemi, una ipotetica sclerosi multipla? Io sono nel pallone, non so dove appigliarmi...mi passa di tutto per la testa, e in più dover aspettare questo benedetto esito della rachicentesi senza far niente per migliorare il mio stato mi crea ancora più ansia. Ha ragione, questo sintomo mi sta buttando molto giù per il timore di quella malattia, che comunque leggendo in vari siti può essere un segno, non so a chi rivolgermi, ho pensato anche di chiamare al centro sclerosi multipla, ma ho paura che mi dicano che senza il referto della rachicentesi non possano fare niente, e cmq a quanto pare non sembrerebbe un sintomo di essa, oppure potrebbe essere un sintomo di una eventuale SM?
Come può stare tranquilla una persona con dei sintomi molto fastidiosi senza sapere a chi rivolgersi? Non so più che fare, e la mente viaggia, quindi penso sia normale pensare a ogni malattia possibile.
Ormai ho riiniziato a prendere lo xanax prescritomi dal medico circa 2 anni fa, almeno mi fa rilassare un po, anche se la testa rimane sempre li, a pensare da cosa sia dipeso tutto questo che mi sta succedendo.
Questa sera ho avuto un episodio di dolore, non forte, ma molto fastidioso a livello dell'osso sacro che si espandeva nella natica e scendeva nella parte esterna della coscia, e aggiungo che anche la gamba è colpita zona laterale esterna, zona anteriore e il polpaccio, alternato tutto da dolore, intorpidimento fastidioso ( tipo vibrazione, è inspiegabile la sensazione) e pesantezza .
Potrebbe un forte stress emotivo provocare tutto ciò? Mi sento impazzire.
La ringrazio come sempre, neanche immagina quanto sia importante per me comunicare con lei.
Buona notte!

[#37]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

"Potrebbe un forte stress emotivo provocare tutto ciò?" teoricamente sì ma prima di arrivare a questa conclusione è corretto escludere altre cause.

"Questa sera ho avuto un episodio di dolore, non forte, ma molto fastidioso a livello dell'osso sacro che si espandeva nella natica e scendeva nella parte esterna della coscia, e aggiungo che anche la gamba è colpita zona laterale esterna, zona anteriore e il polpaccio, alternato tutto da dolore, intorpidimento fastidioso ( tipo vibrazione, è inspiegabile la sensazione) e pesantezza." Avvalorerebbe anche l’ipotesi lombosacrale.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#38] dopo  
Utente
Questa ipotesi lombosacrale giustificherebbe che il dolore non è sempre presente ne a livello lombosacrale e ne a livello della coscia, che il fastidio alla caviglia è presente praticamente sempre, che ogni tanto si presenta una diminuzione della sensibilità per tutto l'arto nella parte laterale esterna, che spesso sembra che abbia una calza che mi fascia dal ginocchio in giù, talvolta prendendo anche il ginocchio, le fascicolazioni, e il senso, solo il senso perche poi guardando l'arto non lo è di gonfiore al polpaccio quando sto ferma in piedi per un po.
Tutto questo può essere associato a un problema lombosacrale?
Non mi ha ancora comunque confermato o smentito se in base alla mia risonanza (RM encefalo: esame eseguito prima e dopo la somministrazione di MDC paramagnetico e. v. con sequenze SE, TSE, GRE, FLAIR ed EPI-Dwl pesate in t1, t1fat sat e t2 secondo piani assiali, sagittali e coronali.
Non aree di restrizione della diffusività riferibili a lesioni ischemiche in fase acuta/subacuta. Presenza di alcune puntiformi aree di alterato segnale, iperintense nelle sequenze a lungo TR, in corrispondenza della sostanza bianca iuxcorticale frontale SX, centro semiovale SX, emisezione destra del ponte, in sede centro pontina, in sede periventricolare a livello della cella media del ventricolo laterale SX e in sede peritrigonale dx, aspecifiche; utile inquadramento clinico laboratoristico al fine di escludere una eventuale patologia demielinizzante. ) ci può essere un collegamento e che possa essere un sintomo di una sclerosi multipla.
Grazie infinite
Buona serata!

[#39]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la sintomatologia è compatibile con un problema lombosacrale ma, almeno una parte, anche con la SM, sempre come ipotesi a distanza.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#40] dopo  
Utente
Buonasera, dopo giorni torno a disturbare, il fastidio al piede sembra diminuito, ma i dolori ogni tanto si fanno sentire (e solitamente partono dopo che magari mi corico su quel lato premendo sull'anca) , non risconto deficit ( cammino sulle punte, sui talloni, la caviglia la muovo in ogni direzione, l'unico fastidio lo trovo con i passi lunghi.
Anche le fascicolazioni sento diminuite, ma per una cosa che viene, una cosa nuova arriva, mi sento e cmq guardandomi allo specchio è così metà viso e meta lingua più gonfia rispetto alla contro laterale ( già presente da tempo) e per questo ho eseguito una visita gnatologica dove si riscontrava una malocclusione causata anche da una masticazione esclusiva a SX per mesi, (ho un forte clic mandibolare sinistro), ora sia per lo stress, mi è tornato il fastidio che avevo tempo fa, deglutizione monolaterale, senso di gonfiore nella guancia sx , la lingua a SX più gonfia, ma in più si sono aggiunte le fascicolazioni alla lingua sempre a sx( prefetto che non sono mai riuscita a vederle, non le sento forti come quelle che ho nero resto del corpo, e le sento solo quando ho la bocca chiusa). Sentendole sembrano vibrazioni, non so come spiegarglielo, come se mi stesse camminando un vermicello sul lato SX della lingua, solo li.
Ora questo nuovo sintomo mi sta mandando in tilt, ho sempre saputo di essere un po tanto ipocondriaca, quindi non so se accociarle a questo mio stato ansioso, oppure a qualcosa di patologico. Non sono presenti di continuo, solitamente di mattina non le sento, poi il pomeriggio dopo i pasti, e quando mi rilassò, e ogni tanto anche a riunioni.Le mie sono presenti da circa 3 giorni. La prego secondo lei da cosa possono dipendere? Dicono che le fascicolazioni alla lingua sono le più pericolose, cioè le peggiori.
La ringrazio se anche questa volta riuscirà a darmi una mano.
Grazie infinite, buona serata.

[#41]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

probabilmente il sintomo è soggettivo, cioè è una Sua sensazione, non essendo visibili all’esterno.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#42] dopo  
Utente
Purtroppo non riesco a vederle perché il disturbo mi si presenta quando ho la bocca chiusa. Non ho problemi nel movimento della lingua, spingo le guance da tutti e due il lati, posso mandarla in su, in giù, lateralmente senza grandi sforzi, il gonfiore è presente e visibile nella guancia sia esternamente ( come sorrido si formano le pieghette in modo diverso, che internamente, tutto l'interno guancia e il palato molle laterale sinistro, più la lingua, che tirandola fuori segue il percorso diritto ( non si sposta lateralmente), ma nel dorso rimane lievemente gonfia rispetto all'altra parte e più stretta, diciamo che la parte destra rimane normale come ogni lingua cioè diventa sottile , a sinistra invece rimane dritta, cioè il bordo non è sottile. Questa asimetria della lingua è presente (che io l'abbia notata da almeno luglio, se non anche prima).
Questo nuovo sintomo mi ha buttato ancora di più nello sconforto, ormai la mattina mi sveglio ascoltando i miei sintomi e se non li sento mi concentro per sentirli, non è più vita questa e la paura mi sta bloccando in casa, senza nessuna voglia di fare. Secondo lei questo può essere un sintomo della malattia peggiore della SM? Un'altra domanda, le fascicolazioni possono essere presenti anche in una sclerosi multipla? Ho letto qua e la di persone che le hanno avute.
Sono disperata, ormai la mia preoccupazione, ansia e ipocondria hanno preso il sopravento su di me.
Volevo aggiungere che mi capita spesso che sulla guancia dove lamento il fastidio e sul mento senta per alcuni secondi una sorta di mancanza di sensibilità, può centrare col quadro sintomatologico descritto sopra? Grazie mille per l'aiuto che mi da, buona giornata.

[#43]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

le fascicolazioni sono molto spesso presenti in soggetti del tutto normali, questo vuol dire che possono essere presenti anche in soggetti con SM pure a prescindere dalla malattia.
Riguardo il problema della lingua, non mi fa pensare problematiche importanti, si faccia controllare dal medico curante per avere un parere obiettivo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#44] dopo  
Utente
Buonasera, mi scuso se non vi ho aggiornato,ma non riuscivo più a entrare nel mio account.
Dopo aver ritirato i referti mi è stata fatta una diagnosi di Cis, perché dalla risonanza si vedeva una lesione più grande dei tre millimetri, 3 leggermente più piccole e tante puntiformi. La più grande si trova nel ponte celebrale. Ora dovrò attendere una nuova risonanza, ma nel frattempo mi è stato somministrato 5 giorni di boli di cortisone, e devo dire che dopo qualche settimana ha iniziato a dare gli effetti desiderati. Non so se ricorda, ma al momento che aspettavo i vari esiti avevo un fastidio alla gamba/piede che mi impediva i movimenti fluidi e che non mi faceva dormire perché ogni movimento della caviglia sia da sveglia e se dormivo mi svegliava una scossa nella nuca, diciamo dietro la testa, nel cervello ed era un fastidio attrice oltre il dolore e il senso di calza e fasciatura della stessa gamba. Ecco questo dopo il cortisone è passato, il dolore è rimasto, ogni tanto lo sento anche a livello lombare, ma per la scossa e la sensazione di gamba fasciata è passato, come molti altri sintomi, posso dire che sono stata meglio. Ora attendo a breve una risonanza encefalo, cervello e midollo.
Secondo lei, che tutto questo sia passato coi boli di cortisone riporta a un segno di una nuova lesione che si vedrà nella risonanza, oppure possono essere imputabili anche ad altro e non solo a una sm confermata?
La ringrazio infinitamente e ne approfitto per augurarle un felicissimo 2020.
Tanti saluti e buona serata!

[#45]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

mi pare che quanto scrive possa essere compatibile con la diagnosi di CIS, senza necessariamente la presenza di una nuova lesione.

Grazie e buon anno anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#46] dopo  
Utente
Grazie per la risposta, ma la prima risonanza è stata fatta a causa di un proplema di insensibilità alla mandibola sx , e questo della gamba è apparso dopo la prima risonanza, per quello, le chiedevo se questo sintomo passato col cortisone potrebbe trattarsi di una nuova lesione, magari al midollo, che sarà presente alla nuova risonanza. Oppure che questa scossa che arrivava fino alla testa con ogni movimento del piede può essere attribuito a altro.
Guardando i fogli la diagnosi è malattia demielinizzante del SNC aspecifica e Cis.

[#47]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Teoricamente potrebbe essere una nuova lesione, potrebbe anche non esserlo però.
Dr. Antonio Ferraloro

[#48] dopo  
Utente
Attenderemo la risonanza, ma visto la sintomatologia dovrebbe trovarsi nel midollo, oppure problemi alle gambe potrebbero essere provocati da lesioni al cervello?? Questa scossa può essere una simantologia di un ernia lombosacrale? Perché dopo il cortisone, il dolore alla gamba ogni tanto si fa sentire, anche se in modo minore, mentre la scossa è passata e mai più sentita, e comunque dovrò prossimamente eseguire anche una RM lombosacrale perché ogni tanto è presente un dolore proprio sopra l'osso sacro, e coinvolge tutta la fascia posteriore e anteriore. Un ultima domanda, questo genere di scosse a cosa possono essere attribuite??

[#49]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

problematiche agli arti inferiori, se di natura demielinizzante, possono anche essere causate da lesioni cerebrali oltre che midollari.
Anche la genesi lombosacrale non è da escludere, considerando la lombalgia riferita.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#50] dopo  
Utente
Gentile dottor Ferraloro, circa due mesi e mezzo fa iniziai ad avere delle fascicolazioni alla lingua, lato sx solo ed esclusivamente in quel punto. La lingua appare leggermente gonfia dalla parte sx e la deglutizione, già da questa estate, e forse anche prima avviene solo dalla parte dx (per lo meno sembra che sia cibi solidi sia liquidi preferiscano passare dalla parte dx). Considerando che ho un forte clic mandibolare alla parte sx e gonfiore nella guancia sia interna che esterna e un fastidio all'orecchio sx, queste fascicolazioni alla lingua (che mi pare o io non ci ho fatto tanto caso ma c'è il periodo di dicembre che sembrava o non ricordo se le avessi) possono essere attribuite a qualche danno neurologico oppure possono dipendere anche dalla lussazione/disfunzione temporo mandibolare che ho? Mi stanno preoccupando tanto. Ora sembra che siano continue.
La prego mi aiuti, sto sprofondando di nuovo nell'incubo più grande.
Tanti saluti e buona serata

[#51]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

escluderei che le presunte fascicolazioni linguali possano avere un’origine mandibolare.
Si faccia controllare dal medico curante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#52] dopo  
Utente
Ho fatto vedere il mese scorso la lingua al mio medico, e secondo lui era una normale lingua, non ha notato niente di anomalo, ponendo le dita nella mandibola e aprendo la bocca ha sentito il forte clic e mi ha consigliato una visita gnatologia, per la probabile presenza di una lussazione. Leggendo in internet non ho trovato niente di rassicurante sulla questione fascicolazioni alla lingua, ho fatto risonanza encefalo, cervello, cervicale e atm se ci fosse stato qualcosa di anomalo si sarebbe visto? Inoltre ho eseguito anche delle ecografie collo dove apparte qualche linfonodo reattivo non risultava altro.
Ora il problema del gonfiore alla guancia e interno guancia è presente da aprile insieme alla deglutizione a dx ( ho controllato i fogli del medico) e sicuramente è presente già da tempo prima. La prego mi aiuti a capire, da cosa possono dipendere tutti questi miei sintomi? Sarà necessaria una nuova visita dal neurologo? L'ultima che ho fatto è stata 2 mesi fa e il problema era già presente, ma al controllo della lingua ( anche se non avevo fatto presente il problema) non ha notato nulla.
Mi devo preoccupare?
Saluti

[#53]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

se nessun medico ha notato nulla potrebbe stare tranquilla, al massimo potrebbe effettuare una visita neurologica riferendo al collega la preoccupazione che l'assilla.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#54] dopo  
Utente
In rete si legge solo cose non belle su queste fascicolazioni alla lingua, e questo ha aumentato il mio stato d'ansia. La riesco a muovere normalmente, su, giù, destra sinistra, tirarla fuori( nel tirarla fuori sento dolore infondo al lato sx finché non si sente il forte clic alla mandibola poi passa). Non sembra abbia limitazione nei movimenti, ma mi creda questo battito al lato della lingua è molto fastidioso.
questo gonfiore, che quando l'ho fatto notare al medico mi ha detto che non vede altro che una normalissima lingua, mi dà fastidio, io lo sento, come sento il gonfiore alla guancia come rido e anche alla guancia interna e nella parte dietro i molari. Mi spaventa molto la parte neurologica di questi miei disturbi, prima avevo fascicolazioni sparse in tutto il corpo, dopo un periodo che prendevo pastiglie di magnesio sono scomparse per poi tornare saltuariamente, queste alla lingua che io ricordi a novembre erano già presenti, poi o non ci ho fatto più caso o sono passate per un po' ho avuto un periodo di tranquillità, ora di nuovo nello sconforto da una settimana circa. Non riesco a toglierle dalla testa, è un pensiero fisso. Possono questi sintomi riportare a malattie degenerative molto gravi?
La prego di consigliarmi qualche modo per risolvere questo problema.
Se presenti da novembre, e il gonfiore e la deglutizione alla parte dx da molto più tempo, se si trattasse di malattie degenerative avrei qualche segnale in più? Ho 35 anni e molto spaventata!

[#55]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

Le ripeto, se nessun medico ha notato qualcosa di anomalo a livello della lingua il problema potrebbe anche essere di origine ansiosa, un sintomo creato dal cervello.
Le rinnovo l’invito ad effettuare la visita neurologica ma più che altro per Sua tranquillità.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#56] dopo  
Utente
Anche io ho pensato all'origine ansiosa, ma le sento insistenti e questa associazione con la deglutizione che va al lato opposto non mi fa tranquillizzare. Ieri sono riuscita a vederle fissandomi sulla lingua davanti allo specchio.
Le avevo anche 2 mesi fa, poi nel periodo natalizio e fino a una settimana fa non ricordo (o non ci facevo più caso ) non sono sicura se erano presenti o no. Una settimana fa ho passato due giorni con difficoltà respiratorie e peso al petto, ho preso gocce di calmanti, si attenuava ma poi tornava, passato quel problema ho riiniziato a sentire queste fascicolazioni alla lingua in modo insistente ( non le sento solo mentre dormo) e iniziato a fissarmi sul problema di non deglutire sulla parte delle fascicolazioni, e controllando vari siti non mi hanno sicuramente tranquillizzato. Questo problema del gonfiore alla guancia interna e i problemi a questa parte della bocca
e del viso sono sorti da quando ho avuto l'insensibilità alla mandibola, ragione per cui ho eseguito la RM encefalo, cervello e cervicale. Ora le chiedo se da presupponiamo giugno/ luglio ( che se non ricordo male penso anche da prima) presento questa deglutizione monolaterale, a novembre si è presentato questo problema delle fascicolazioni per poi forse sparire e tornare ora così insistentemente potrebbe trattarsi di una malattia neurologica? In questi 5 mesi avrei dovuto avere altri sintomi o avrei avuto un peggioramento più veloce? La lingua a novembre, alla vista del medico appariva normale, ora io la vedo come novembre, ma sicuramente non ho un occhio medico, appena possibile la farò rivalutare ( se possibile le manderei una foto per avere anche una sua valutazione).
Mentre deglutisco ho provato a toccarmi sotto il mento in corrispondenza della gola, e il movimento della deglutizione la sento uguale in entrambi i lati. Può questa condizione essere attribuita alla presunta sclerosi multipla? Oppure alla tiroidite?
Ormai mi sto fissando su questo problema, finché non avevo queste fascicolazioni non mi preoccupava tanto questo problema della deglutizione ora mi stanno assillando i brutti pensieri.
Le fascicolazioni sono concentrate nella parte anteriore sinistra laterale della lingua, solo al lato, dove la lingua tocca i denti e nella parte posteriore talvolta sento come un formicolio. Con la lingua riesco a fare tutti i movimenti, portarla fuori, in su in giù, arrotolarla, toccare le guance di tutti e due i lati, toccare il palato molle con la punta e anche sotto. La prego mi aiuti lei, in attesa di prenotare una nuova visita neurologica.
Saluti e buona giornata!

[#57]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

in effetti in presenza di una malattia neurologica importante la sintomatologia non sarebbe stazionaria ma di solito gradualmente ingravescente, soprattutto per le malattie neurodegenerative.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#58] dopo  
Utente
E secondo lei da 10 mesi fa o oggi (prima il gonfiore, che è ancora presente, la deglutizione monolaterale, ora le fascicolazioni) non è peggiorata la situazione?
La mia lingua guardandola è ancora come l'estate scorsa, periodo in cui ho iniziato a ispezionarla.
Secondo lei devo preoccuparmi, oppure giusto fare un controllo, ma insomma con tranquillità?
Come mai nella parte anteriore della lingua sono presenti queste fascicolazioni e nella parte posteriore sempre a sx è presente una sorta di formicolio?
Purtroppo i tempi di attesa delle visite sono molto lunghi, quindi dovrò convivere col dubbio di avere qualcosa di grave per molto tempo.
In questi sintomi può centrare la sclerosi multipla e la lesione più grande in sede del ponte encefalico?
La ringrazio ancora buona serata!

[#59] dopo  
Utente
Buonasera, ho notato che non mi ha risposto, questo mi fa pensare che non ci sia qualcosa di buono.
Vorrei farle qualche domanda
Le fascicolazioni le avverto e le vedo chiare se mi soffermo allo specchio, ho notato che se sono più nervosa aumentano, mentre se mi distraggo diminuiscono ( ieri sono stata fuori tutto il pomeriggio, distratta da mille cose, sentivo si, la metà lingua sx gonfia, ma niente fascicolazioni). Può essere che la mia tensione nervosa me le crei? Ne sento qualcuna ogni tanto anche nel resto del corpo, non da darmi fastidio, perché cmq non continue.
Questa mattina mi sono svegliata, che addirittura non sentivo neanche la lingua gonfia, finché ero a letto avevo una bocca normalissima ( fascicolazioni e lingua gonfia è la prima cosa che valuto appena apro gli occhi) una volta alzata dal letto ritornato ogni sintomo, tranne le fascicolazioni, che solitamente partono nel pomeriggio, la mattina non le sento quasi mai.
Come mai, ho sempre letto, e anche lei in post precedenti mi ha detto che in una visita neurologica un neurologo si accorge se c'è qualcosa di brutto, e io riguardo la disfagia monolaterale presente già da (presuponiamo giugno) cmq quel periodo se non prima, la lingua con questa sensazione di gonfiore cmq da piu o meno da aprile maggio e le fascicolazioni sempre alla lingua avute a fine ottobre, poi passate, non si sarebbe vista già qualche anomalia all'ultima visita fatta a novembre? Ricordo di aver avuto fascicolazioni alla lingua anche qualche giorno i primi di dicembre, ma poi cmq per come le temo forse mi sarei accorta se le avessi avute in questo mese.
Stavo bene finché ho avuto due giorni di forte ansia accompagnata da un forte affanno con pesantezza al petto, immotivata, perché non avevo motivi. Finito questi due giorni sono tornate anche le fascicolazioni alla lingua, ormai presenti da una settimana, e da una settimana non vivo più, sono il mio primo pensiero durante il giorno qualunque cosa faccia, parlare, rilassata, cucinando, e mangiando.
La ringrazio se vorrà rispondermi ancora, ho bisogno di risposte in questo momento.
Saluti
Buona serata!

[#60]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

tutto è sintetizzato nella risposta #55, non è possibile rispondere ad ogni domanda, si accentua l’ansia, anche se Le sembrerà strano ma non lo è considerato che questo consulto è stato aperto a ottobre e sono seguiti 60 post.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro