Utente 551XXX
Buongiorno, potreste spiegarmi che significa aree puntiformi di alterato segnale nelle sequenze in TR lungo? Queste aree si trovano in corrispondenza della sostanza bianca iuxcorticale frontale SX, centro semiovale SX, emisezione destra del ponte, in sede centro pontina, in sede periventricolare a livello della cella media del ventricolo laterale SX e in sede peritrigonale dx.
Ho eseguito la RM per sospetta malattia demilinizzante.
Grazie mille per la vostra disponibilità.
Buona giornata

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

si dovrebbero visionare direttamente le immagini dell’esame per dare un parere attendibile, tuttavia solo in base al referto è possibile dire che l'ipotesi demielinizzante è possibile come pure altre ipotesi, per es. vascolare.
Non sappiamo nulla però della sintomatologia e dell'esito della visita neurologica.
Ovviamente il problema deve essere approfondito mediante ulteriori esami diagnostici che il neurologo che La segue certamente Le indicherà.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 551XXX

Grazie mille per il vostre prezioso parere.
Ho eseguito la RM a causa di una mancanza di sensibilità a una guancia durata circa due mesi e rimasta cmq lievemente insensibile e con piccole scosse che vanno e vengono. Nel 2017 ho avuto un episodio molto forte di nevralgia del trigemino a sx durato una ventina di giorni con dolore continuo che si accentuava parlando o con colpi di tosse, fine 2017 ho iniziato ad avvertire dolore alla spalla con intorpidimento al braccio e la mano sx anche esso durato qualche mese, ora continuo ad avere delle fitte forti che sembrano provenire dall'interno dell'osso. Nel gennaio 2019 una neurite ottica ( dolore al movimento della pupilla senza alcuni calo significativo della vista)all'occhio sx, dopo ho iniziato ad avere mal di testa quotidiani, da molto forti a cefalee normali, a marzo questa parestesia al nervo sensitivo mandibola SX, e luglio altra neurite ottica occhio dx durata circa 15 giorni ma con vista sdoppiata per circa un mesetto. Venerdì sera ho iniziato a sentire dolore al movimento della pupilla DX e vedevo di nuovo doppio, sabato ancora dolore, domenica ha iniziato a regredire, seppur leggero sempre presente. Ultimamente mi capita spesso di sentire sparsi per tutto il corpo come se qualcuno accendesse per alcuni secondi l'accendino su una parte del corpo e questo calore dura qualche secondo per poi sparire! Questi sono i nei sintomi. Ho 35 anni, altre malattie: diabete e tiroidite di hascimoto.
Grazie per il vostro prezioso aiuto

[#3] dopo  
Utente 551XXX

Vi trascrivono qua il referto della RM:
RM encefalo: esame eseguito prima e dopo la somministrazione di MDC paramagnetico e. v. con sequenze SE, TSE, GRE, FLAIR ed EPI-Dwl pesate in t1, t1fat sat e t2 secondo piani assiali, sagittali e coronali.
Non aree di restrizione della diffusività riferibili a lesioni ischemiche in fase acuta/subacuta. Presenza di alcune puntiformi aree di alterato segnale, iperintense nelle sequenze a lungo TR, in corrispondenza della sostanza bianca iuxcorticale frontale SX, centro semiovale SX, emisezione destra del ponte, in sede centro pontina, in sede periventricolare a livello della cella media del ventricolo laterale SX e in sede peritrigonale dx, aspecifiche; utile inquadramento clinico laboratoristico al fine di escludere una eventuale patologia demielinizzante. Non aree di patologico contrast- enhancement. Spazi liquorali cisterno corticali e camere ventricolari nella norma per età, strutture mediane in asse.
RM rachide cervicale: esame eseguito prima e dopo la somministrazione di MDC paramagnetico e. v. con sequenze GRE, TSE, e STIR pesate in T1 e T2 secondo piani assiali e sagitali.
Riduzione della fisiologica lordosi cervicale associata a iniziali segni di spondilosi intersomatica.
Nella norma i rapporti disco somatici.
Non aree di patologico contrasto enhancement.
Nella norma il segnale della corda midollare.
Secondo voi è probabile una sclerosi multipla?
La sclerosi multipla è associata come malattia al diabete?
Grazie infinite per l'aiuto che offrite!
Buona serata

[#4]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la possibilità di una SM è solo ipotetica, infatti dalla RM non è possibile fare diagnosi di questo tipo, diciamo che è una possibilità. Anche il fattore vascolare è da prendere in considerazione.
Ottima notizia la non impregnazione del mezzo di contrasto.
I vari esami diagnostici che farà chiariranno la natura del problema.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#5] dopo  
Utente 551XXX

Ho già provveduto a prenotare una visita al centro sclerosi multipla, questa settimana dovrò effettuare vari esami, e la settimana prossima la rachicentesi.
In caso di problema vascolare, questo giustificherebbe i miei sintomi? Le puntiformi aree di alterato segnale giustificano i miei sintomi?
Non ne posso più sono più di due anni che lotto col mio medico per questi sintomi che lui sintetizzava in "non è niente" si limitava a darmi antidolorifico e basta.
Grazie mille per la disponibilità
Buona serata

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

eventuali problematiche vascolari, col suo quadro RM, sono solitamente asintomatiche.
Non si può dare un parere sul resto non visionando attentamente le immagini. Comunque buona parte della sintomatologia può essere indipendente dal reperto RM.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente 551XXX

Grazie mille, attenderlo con ansia gli esiti degli esami che farò questa settimana.
Posso chiederle un ulteriore dubbio...da circa 8/9 non ricordo bene mi si sono presentate fascicolazioni sparse in tutto il corpo, e da qualche giorno un fastidio al piede SX, come se fosse bloccato, riesco a muoverlo normalmente, faccio le scale, ma non è come il DX, cammino e sento questa differenza, è fastidiosa, la caviglia sembra un po bloccata e muovendo la schiocca. Mi sono accorta che è capitato che qualche mattina mi sveglio e per tutto il giorno non mi si presenta, il giorno dopo di nuovo, e magari inizia nel pomeriggio. Inoltre nel piede sento come se fosse leggermente informicolato. Un'altra cosa che mi succede da due giorni è una specie di intorpidimento( come se fosse gonfio ) il mento, il labbro inferiore, e la lingua. Ho eseguito una visita neurologica nel centro sclerosi multipla una settimana fa, e a detta della neurologa l'unica cosa di anormale è stata una leggera differenza di sensibilità tra le due guance, e questa l'ho notata io che nel test del tallone che tocca il ginocchio inizialmente non sono riuscita a trovare il ginocchio, dopo toccato una volta è andato tutto bene. Un'altra visita neurologica eseguita a aprile 2019 riscontrava solo un riflesso acchilleo assente!
Mi devo preoccupare per queste fascicolazioni? Possono essere sintomo di qualche patologia neurologica grave? Potrebbe essere associata al diabete? Non ho detto al neurologo di questo problema, e neanche delle fascicolazioni, ma si sarebbe accorto se c'era qualche problema? Aggiungo che è un po di tempo che sento improvvise mancanze di sensibilità a entrambe le ginocchia e cmq spesso sento un dolore interno molto leggero ma fastidioso a tutta la gamba SX dove è presente il problema come se tirasse ( sembrerebbe il nervo sciatico). Grazie mille, mi sta dando un enorme aiuto!

[#8]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

fascicolazioni diffuse solitamente non preoccupano. Non c'è una correlazione diretta col diabete.
Per quanto riguarda il problema all'arto inferiore sinistro, l'ipotesi dell'origine lombosacrale è concreta, ovviamente va indagata mediante esami appropriati, per es. una RM al tratto lombosacrale della colonna vertebrale.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente 551XXX

Grazie mille, riesce sempre a chiarirmi le idee.
Oggi il problema al piede sembra non esserci, o cmq non lo sento pronunciato come ieri.
Ne approfitto ancora della sua gentilezza per togliermi qualche dubbio e in parte curiosità.
Dalla RM risultano aree puntiformi di alterato segnale, ma una sclerosi multipla non dovrebbe avere aree più ampie? ( questa è una mia curiosità). Un'altra cosa, venerdì ho avuto dolore all'occhio destro col movimento della pupilla, se giravo verso l'esterno mi faceva male oltre all'occhio anche tutto attorno nella parte esterna, stessa cosa se guardavo in su, e in ogni direzione ma se su sentivo dolore subito sopra l'occhio, il tutto è durato 3/4 giorni con un leggero appannamento della vista. Questo potrebbe dipendere (sempre anche in base alla mia RM, visto che è la terza volta che mi viene da gennaio a ora) da un problema vascolare, o come probabilità si orienta più su una sclerosi multipla?
Domani dovrò fare esami più pev, e vorrei andare un po più preparata.
Grazie mille per la sua disponibilità.
Buona giornata.

[#10]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

solitamente le aree di demielinizzazione sono più ampie nella SM ma talora possono essere anche puntiformi.
Riguardo l'episodio doloroso all'occhio le cause possono essere diverse, da quelle vascolari a quelle di una semplice cefalea in regione oculare.
A livello ottico la RM non presenta alterazioni.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 551XXX

Quindi, non avendo alterazioni a livello ottico si può presumere che anche le altre due non siano state causate da una eventuale SM.

[#12]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

questo purtroppo non si può escludere completamente, potendo un’eventuale neurite ottica non lasciare dopo mesi esiti alla RM. Le ricordo pure che la neurite ottica non è sinonimo di SM, potendo insorgere in seguito a diverse cause, per es. virali tra le più frequenti.
Questo in generale, non voglio dire che si esclude la SM ma, qualora si sia trattato di neurite ottica, non è automatico che sia da SM che, ripeto, non si può escludere.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente 551XXX

Buongiorno, ho eseguito i potenziali avocati e a detta del tecnico sembrano andati bene, ma dice che ci sono dei calcoli da fare, quindi non so. Ora mi manca la rachicentesi.
Potrei sapere dopo quanto in media si hanno i risultati della rachicentesi?
Da giovedì mattina mi ritrovo di nuovo col fastidio al piede e alla gamba, mi sta preoccupando tanto( anche perché leggendo su internet, che non riesco a trattenersi non escono molte belle cose. Stavo bene tutto mercoledì, giovedì mattina entro in doccia e come mi colpisce l'acqua sul piede inizia il fastidio. Lo sento più duro al movimento, sembra di avere la caviglia bloccata, che oltretutto come la muovo mi scocchia l'osso. Non ho tanto dolore, se non i dolori quando contraggono i muscoli tipici di quando si fa attività fisica senza essere abituati (forse causati anche dal fatto che faccio continuamente prove per vedere la forza, cammino coi talloni,con le punte dei piedi, insomma talvolta mi sento una pazza). In più le fascicolazioni. Anche ieri pomeriggio dopo un breve riposo pomeridiano sembrava essersi attenuato, poi mi sono messa alla guida dell'auto e mi è tornato. Sto avendo seriamente paura. Non so se sia il fatto del forte stress che sto provando in questo periodo, oppure ci sia qualcosa di organico, ma ormai ci penso molto a questa cosa.
Inoltre, già da un po, sento la continua necessita di dover muovere le gambe, se sono rilassata o in fase di addormentamento o cmq seduta, le devo accarezzare spesso, oppure sfregare gamba contro gamba, oppure necessitò di massaggi. Non so più cosa fare, l'unica cosa e che mi sento impazzire, mi sento molto giù, mi ritrovo con mille paure e cerco con internet di dare spiegazioni ai miei malesseri associandoli al diabete,e a qualsiasi altra cosa.
Grazie se vorrà aiutarmi a fare chiarezza anche su questo altro aspetto della mia sintomatologia, ormai non esco più, sto sempre a casa, la mia testa non mi permette di stare tra la gente, non sono serena, non ho voglia di vedere nessuno, di stare con nessuno, e anche questo lato mi sta preoccupando sul fatto di un'eventuale depressione, non ho più voglia di ridere. La prego mi dia una mano. Ormai guardo la vita da dentro casa, l'unica cosa che faccio è andare a prendere i miei figli a scuola, e cerco di evitare ogni contatto con le altre mamme, perché non ho voglia di stare in compagnia. Cerco tanto la solitudine, che lentamente mi ammazza. Scusi per lo sfogo, ma non ne posso più, davanti agli devo fare la forte, per non far star male la mia famiglia, solo nella mia solitudine posso crollare.
La ringrazio infinitamente, per la pazienza e l'umanità che dimostra.
Buona giornata

[#14]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

i tempi per valutare i risultati della rachicentesi sono molto variabili da un ambulatorio all’altro, non è raro però che vengano consegnati in tempi diversi avendo tempi di esame variabili secondo lo specifico elemento da analizzare.
Non si faccia prendere da paure eccessive senza motivo.
Lasci perdere anche la Rete che è fonte inesauribile di ansia.
Si tranquillizzi, se non riesce valuti l’eventualità di farsi aiutare da uno psicologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente 551XXX

Grazie mille dottore, gentilissimo come sempre, sono in attesa, a momenti dovrei fare la puntura lombare, ho una gran paura.
Volevo anche aggiornarla riguardo alla gamba SX, sabato avevo la sensazione di gamba bloccata, e un bisogno costante di massaggiarmi il polpaccio e la parte anteriore della caviglia, domenica la situazione sembrava peggiorata, un forte dolore a tutta la gamba, sembrava un attacco di sciatica, un dolore profondo con una strana sensazione, come se mi vibrasse l'intero piede e gamba fino a meta coscia, durato tutto il giorno si è calmato quando sono andata a letto, anche se non mi ha fatto dormire gran che questo sintomo. Ormai sono da giovedì col fastidio fisso e questa sensazione di acido lattico in tutti i muscoli della gamba sx. Ho paura questo sintomo non sia causato da un qualcosa ben peggio della sclerosi multipla, e questo mi mette ulteriore angoscia.
Non so cosa aspettarmi, ho paura a pensare al mio futuro! Grazie infinite per la sua gentilezza, mi sta dando una mano in questo momento buio della mia vita.

[#16]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la sintomatologia che riferisce all'arto inferiore sinistro è compatibile con un problema di origine lombosacrale.
Non vada a pensare malattie più gravi della SM, se si riferisce alla sla, Le ricordo che l’esordio non avviene mai con dolore e sintomi sensitivi quali vibrazioni.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente 551XXX

Scusi, non ho scritto subito perché la rachicentesi mi ha messo un po KO, non tanto con cefalee ma forti sonnolenza, oggi va un po meglio, tranne per questa gamba SX che è molto fastidiosa. Volevo chiederle se dovesse essere un problema lombosacrale, non dovrei avere perlomeno un po di dolore in quella zona? Sono nel panico più totale. Questo fastidio mi sveglia la notte, o con dolori tipo fitte al polpaccio/osso, non riesco a capire da dove provenga, oppure con una sorta di scossa che sento che fino al cervello. Poi non ci sarebbero dovuti essere i potenziali evocati anormali con una situazione così?
A quanto ho capito dal medico che ha eseguito la rachicentesi i miei potenziali evocati dovrebbero essere nella norma, con questo non si potrebbe già escludere una SM? Prima di eseguire la rachicentesi ha voluto verificare dalla mia cartella se era necessario farla,in caso non ci sia stato niente di anormale l'avrebbe evitata? In caso di negatività della rachicentesi si può escludere definitivamente una SM?
Sono molto preoccupata, la gamba SX mi ha dato tregua da lunedì sera e martedì per tutto il giorno, ieri notte ha riiniziato a darmi fastidio, stamattina un fastidio assurdo.
Se fosse stata sla sarebbe consecutivo? Anche le fascicolazioni quando ho il sintomo sono più presenti, altrimenti ci sono ma più distanziate e cmq non tanto fastidiose. Inoltre mi sento un fastidio alla spalla sempre sx, simile a quello della gamba, ma più leggero e un un ronzio all'orecchio SX, leggeri capogiri. Chiudendo gli occhi barcollò con l'equilibrio, che cmq mi rendo conto di non avere più come prima.
Sono preoccupata, gli esiti della rachicentesi l'avro tra un mese, sarà un mese lunghissimo.
La ringrazio davvero tanto, verrei da lei per stringerla in un forte abbraccio e ringraziarla per ogni parola che dedica a noi. Grazie di cuore. Buona giornata.

[#18]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

"se dovesse essere un problema lombosacrale, non dovrei avere perlomeno un po di dolore in quella zona?" non necessariamente, esistono delle sciatalgie senza lombalgia.

"In caso di negatività della rachicentesi si può escludere definitivamente una SM?" si può escludere se anche gli altri esami diagnostici sono negativi, infatti esistono forme di SM con negatività del liquor, anche con assenza di bande oligoclonali.

"Se fosse stata sla sarebbe consecutivo? Anche le fascicolazioni quando ho il sintomo sono più presenti", la sla non causa dolore, almeno all’esordio e nei primi stadi. Riguardo le fascicolazioni, una delle cause è rappresentata dalle discopatie per cui se c’è un'origine lombare non mi sorprende il loro aumento di frequenza quando c’è una riacutizzazione del dolore.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente 551XXX

Buonasera, in questi giorni è sorto un nuovo problema, sento un forte bruciore, bruciore nel vero senso della parola a delle vertebre quelle ad altezza dell'ultima costola. La sensazione va dal forte bruciore e talvolta al senso di freddo, sembra che mi appoggino del ghiaccio sopra! Da cosa può dipendere questo fastidio? Se sto in piedi per un po invece me lo sento anche a livello dell'osso sacro. Può dipendere dalla rachicentesi?
La ringrazio per la disponibilità
Buona domenica!

[#20]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

bisognerebbe visitarLa per dare un parere attendibile.
La rachicentesi quando è stata effettuata?

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro