Utente
Salve, sono una ragazza che soffre di ipocondria e ansia, ho avuto spesso attacchi di panico.
È da ormai tre mesi che non vado più dalla psicologa perché mi sentivo molto meglio e sentivo di non averne bisogno, ma nell'ultimo periodo mi è tornato il terrore di avere il tumore al cervello.
Ogni giorno mi sembra di dimenticare tutto e cerco di ricordarmi cosa ho fatto per filo e per segno il giorno prima e se non mi ricordo qualcosa vado in panico, convinta che il dimenticarsi le cose sia un sintomo del tumore.
Poi soffro di mal di testa soprattutto nella fronte e a volte anche alle tempie e pure questo mi manda in panico.
Però l'altro giorno è successa una cosa che mi ha fatto spaventare molto: la sera dovevo stirare una maglietta per l'indomani e andando dentro la stanza per stirare pensavo a tutt'altro e quando vado per accendere il ferro da stiro lo trovo già acceso, ho chiesto a tutti i membri della mia famiglia se lo avessero acceso loro e tutti mi hanno detto di no.
Sono andata completamente in panico perché non si può dimenticare una cosa appena fatta se non si ha una malattia ho pensato, anche se l'ho fatto sovrappensiero.
La sera stessa poi sono andata a letto e mi sono svegliata due volte nell'arco della notte e tutte e due le volte mi ci è voluto al massimo 1 minuto per capire dove fossi, ero assolutamente disorientata.
Adesso è da due notti che non dormo per paura di svegliarmi e non sapere dove sono, questo mi terrorizza.
Tutto questo può essere causato dalla mia ipocondria e ansia?
Perché a volte mi sembra quasi assurdo che l'ansia possa causare queste cose.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

si tranquillizzi, sì, è tutto causato dall'ansia.
E' normale che quando si compie un'azione automaticamente, senza pensarci, poi si possa dimenticare di averla compiuta, può capitare a tutti.
Assolutamente consigliabile riprendere la terapia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro