Paralisi di bell, delucidazioni

Buongiorno dottori,
vi scrivo perché il giorno 16 mattina al risveglio mi trovo con l'impossibilità di arricciare il naso, maggiore difficoltà a corrugare la fronte e la bocca, l'occhio si chiude bene invece.
Mi hanno diagnosticato paralisi di bell senza fenomeno di bell, tre dottori visitandomi compreso un neurologo non hanno ritenuto necessaria una tac (premetto che non ho dolori, sento gusti, la lingua la muovo bene), oggi, al terzo giorno dalla comparsa ho notato un lieve peggioramento nella zona della guancia in realtà e bocca, sento tirare, ma parlo bene e l'occhio lo chiude comunque.
Cortisone per due settimane e Benerva per due mesi, possibile causa freddo (non ho male all'orecchio, mal di testa nulla).
C'è da dire che nei 4-5 iorni antecedenti avevo cominciato a fumare dalla finestra di casa mettendo solo la testa fuori al freddo per 6-7 volte al giorno, ho ipotizzato un colpo di freddo, tutto il resto del corpo era al caldo solo il viso esposto.
Voi cosa ne pensate?
Non ho altri dolori nè nulla, solo questo fastidioso sentore del voto che "tira" alcune volte.

La terapia è corretta?

Posso ancora peggiorare dopo le 72h?
(mi è stato detto che è raro ma vorrei sapere un vostro parere, ho iniziato la terapia cortisonica oggi)
Ci possono essere recidive?

Riuscirò a guarire completamente?

Vi ringrazio in anticipo per le risposte dottori,
A.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Gentile Utente,

la terapia è senz’altro corretta.
Riguardo il freddo, oggi viene messo in discussione il Suo ruolo causale (una volta erano chiamate paralisi a frigore), l'ipotesi più accreditata è quella virale.
Un peggioramento dopo 72 ore è molto raro.
La guarigione completa avviene mediamente dopo 4-8 settimane in circa l'85% dei casi.
In una piccola minoranza possono restare degli esiti.
Una recidiva è possibile ma non a breve termine, quando accade possono trascorrere anche anni tra un episodio e l’altro.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Attivo dal 2020 al 2021
Ex utente
La ringrazio Dottor Ferraloro per l'immediata risposta e la disponibilità! una ultima domanda se mi permette, quali sono i virus maggiormente accreditati (ma anche inusuali in realtà) da cui si pensa possa dipendere questa paresi temporanea?
(Premetto che gli unici virus che ho contratto nella mia vita risalgono a circa 10 anni fa, ovvero Mononucleosi e Varicella (Circa 15 anni fa o più quest'ultima))
La ringrazio ancora in anticipo,
A.
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Gentile Utente,

il più frequente è l'herpes simplex. Consideri pure che circa il 50% di queste paralisi sono idiopatiche, cioè primitive e quindi a causa sconosciuta.

Cordialmente

Dr. Antonio Ferraloro

[#4]
dopo
Attivo dal 2020 al 2021
Ex utente
Gentilissimo Dottore, la ringrazio.
Se le fa piacere tra qualche settimana la aggiorno sui possibili miglioramenti, speriamo!
Le auguro una buona serata,
A.
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Se vuole può farmi sapere.

Buona serata a Lei

Dr. Antonio Ferraloro

[#6]
dopo
Attivo dal 2020 al 2021
Ex utente
Buonasera dottor Ferraloro,
Ho iniziato la cura cortisonica il 19 e l’ho terminata ieri, un miglioramento l’ho notato, chiudo l’occhio senza problemi, fischio bene, non ho problemi a mangiare e bere. Si nota ancora molto quando sorrido, o corrugo la fronte e non riesco ancora a sollevare la porzione di naso bloccata. Sono passate poco più di due settimane, Il mio medico di base viste le analisi mi ha sconsigliato il Talavir che il neurologo mi aveva consigliato in via precauzionale. L’orecchio sta bene non ho mai avuto problemi in realtà, quindi penso effettivamente sia correlato al freddo, considerando che il giorno prima che mi succedesse ho esposto il viso al caldo freddo anche a ora tarda. Secondo lei sono sulla via giusta, anche a livello di tempistica? Dovrei ancora assumere Benerva per almeno un mese
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Gentile Utente,

Il decorso mi sembra regolare, anche i tempi sono rispettati, infatti, come Le dicevo sopra, la guarigione avviene nell'85% dei dopo 4-8 settimane.

Dr. Antonio Ferraloro

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio