Utente 191XXX
Buongiorno,

ho 25 anni e nel mese di agosto 2010 sono stato operato presso l'HP di Monza per un distacco di retina all'occhio sinistro, risolto mediante cerchiaggio e piombaggio sclerale. Contestualmente ho effettuato due sedute di barrage con argon laser all'occhio destro, anch'esso piuttosto "malconcio". Premetto che per anni non mi ero sottoposto a visite oculistiche, limitandomi molto stupidamente a recarmi dall'ottico a rifare gli occhiali quando accusavo disturbi.
Ad ogni modo, dopo l'intervento chirurgico all'occhio sinistro, residuava del liquido dovuto ad un emorragia sottoretinica che però pian piano si è riassorbito.

Sto seguendo dei regolari controlli dall'oculista che ha effettuato l'operazione, nei confronti del quale ho molta fiducia e che è estremamente disponibile. Dai controlli è emerso che la retina si è completamente riattacata e che è presente del fluido sottoretinico che determina la positività al test di Amsler. Per la risoluzione di questo problema ho assunto Diamox e Ocufen per un periodo; ho dovuto però interrompere l'instillazione di Ocufen in quanto la palpebra superiore si era gonfiata.

Da un paio di giorni avverto un distrubo lieve alla vista; premetto che ho sostituito la lente sinistra dell'occhiale e che probabilmente dovrò sostituire anche la destra in quanto ho un difetto di miopia pari a -6,5 e la lente che ho attulmente è -5,75. In generale però mi sembrava di vederci meglio settimana scorsa.

Contestualmente a questo disturbo, avverto anche un fastidio nella parte alta del naso quando inspiro profondamente; questo "sintomo" è del tutto nuovo. L'occhio però non ha subito traumi o comunque non vi sono cause legate ad un mio comportamento che possano essere all'origine del disturbo.

Talvolta mi sembra inoltre di sentire un corpicino estraneo nell'occhio, soprattutto la sera dopo aver stressato gli occhi tutto il giorno davanti al computer. Per contrastare questo "sintomo" uso delle lacrime artificiali.

Il prossimo controllo è fissato per il mese di aprile...mi chiedo: è il caso di allarmarsi? Vorrei distrubare il mio oculista, ma sarebbe la terza mail nel giro di 20 giorni...
Purtroppo da quando sono stato operato mi "allarmo" abbastanza facilmente e ciò in quanto la convivenza con questi "occhi malconci" mi crea molta ansia.

Ringrazio e saluto,

Marco

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, credo che i suoi disturbi siano plausibili con il decorso post operatorio, se non emergono fatti nuovi ritengo che possa attendere il controllo programmato.

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2] dopo  
Utente 191XXX

Gentile Dottore,

la ringrazio del suo consulto; effettivamente si trattava di sintomi passeggeri. La vista è tornata quella "di sempre" e anche il fastidio al naso è scomparso.

Da quando sono stato operato noto un altro fenomeno; talvolta, soprattutto se sopra di me ci sono fonti luminose (es. sole o anche una semplice lampadina), guardando di traverso vedo una specie di sfarfallio. Non si tratta di lampi (anche perchè a dire il vero, prima del distacco della retina io i lampi non li avevo mai visti), diciamo che è lo stesso effetto che si ha quando si guarda la pompa di benzina durante il rifornimento, capisce cosa intendo? La cosa particolare è che a volte questo fenomeno si verifica anche al buio.

Può essere qualcosa legato alla presenza del cerchiaggio o crede sia il caso di approfondire? Sicuramente riferirò del fenomeno al mio oculista in occasione del prossimo controllo (previsto ad aprile), ma volevo capire se sia prudente attendere sino ad allora.

La ringrazio e la saluto.

[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Buonasera, è chiaro che l'anatomia del bulbo è cambiata in relazione al cerchiaggio e piombaggio, questi fenomeni possono essere legati anche ad una sorta di assestamento del bulbo se le cose non cambiano vistosamente attenda con tranquillità il prossimo controllo programmato.

cordialità
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo