Utente 124XXX
Salve

Ho 20 anni e sono affetto da miopia da circa 8-9 anni. A ottobre devo sottopormi a un intervento correttivo per correggere il mio problema ( - 4.5 a sinistra e - 3.75 a destra).
Il problema per quanto mi riguarda è che non so ancora che tipo intervento dovrò affrontare, prk o lasik (o altri che non conosco) perchè la normativa ministeriale non consente uno dei 2. Io non trovo questo decreto ministeriale, per cui mi rivolgo a qualcuno di voi che magari è medico militare o conosce le ultime "news" su questa dannata legge, in quanto non vorrei essere escluso definitivamente come volontario per una sciocchezza del genere.

Ringrazio anticipatamente

Distinti Saluti

[#1] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La Lasik è attualmente la tecnica da preferire in assoluto se le condizioni del suo occhio lo permettono.
Questa tecnica, però, può essere più facilmente riconosciuta ad un attento esame alla lampada a fessura rispetto alla PRK.

Per l'idoneità nelle forze armate, comunque, è ammessa la PRK per rientrare nella categoria 2AV-OC
Con la Lasik si rientra nelle categorie 3-4AV-OC

Cordiali saluti
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#2] dopo  
Utente 124XXX

quindi in teoria sono ammesse entrambe, ma è meglio la prk perchè è più difficilmente visibile e perchè si rientrerebbe in una categoria migliore. Ho capito bene?

[#3] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
[#4] dopo  
Utente 124XXX

Mi scusi avrei delle novità...ho fatto tutte le analisi per fare la prk, ma è risultato che avrei un cheratocono "molto blando" all'occhio dx in zona non visiva. Per questo motivo mi è stato sconsigliato l'intervento sia a dx che a sx perchè secondo il mio medico, nonostante all'occhio sx non risulti niente, il cheratocono non si presenta mai in forma singola ma bilaterale. Mi è stato suggerito ,quindi, di sottopormi a un intervento con "anelli intrastromali" o qualcosa del genere...è chiaro che lo farei qualora la normativa lo permettesse. E' possibile fare quest' intervento secondo il bando?

[#5] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Per un cheratocono molto blando converrebbe effettuare prima un Cross Linking Corneale, meno invasivo, per stabilizzarlo e, successivamente un anello intrastromale per ridurre la miopia.

Cordialmente
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#6] dopo  
Utente 124XXX

la ringrazio dottore!