Utente 234XXX
Salve,
da due anni a questa parte soffro di congiuntivite ad entrambi gli occhi: lacrimano, prudono, con tanto di muco e secrezione piuttosto densa che mi accompagna sia di giorno che di notte.
All'esordio dei sintomi ho affrontato parecchie visite presso un oculista della mia città, che mi ha fatto fare dei tamponi congiuntivali per verificare la presenza o meno di infezione batterica o virale.
I risultati sono stati negativi e il medico ha quindi concluso che si trattasse di congiuntivite allergica (ho eseguito poi dei test allergici e risulto allergica alla polvere e ad un altro paio di allergeni tra i quali alcune piante).
Ogni giorno mi trovo con palpebre gonfie, arrossate e screpolate, occhi lacrimosi e filamenti mucosi nell'occhio. Inoltre lo strato più superficiale dell'occhio (la cornea??) risulta molle e quando lo tocco per togliere le cispe spesso fa come delle pieghe...

L'unico unguento oftalmico che mi fa stare meglio è il BETABIOPTAL, ma avendo sia antibiotico che cortisone non credo sia il massimo come trattamento giornaliero (per quel che ne so il cloramfenicolo è anche tossico per le cellule).

Premetto che soffro di dermatite atopica e che assumo ogni giorno antistaminico e Lukasm, che però per la mia congiuntivite sono come acqua fresca.

La domanda è: mi devo sottoporre a qualche altra visita specialistica?Devo effettuare qualche altro test (quale?)?Se utilizzassi un collirio antistaminico la situazione migliorerebbe?
Personalmente mi trovo meglio con gli unguenti che con i colliri, esiste qualcosa che possa alleviare questi fastidi?
E' normale che la cornea (?) abbia questa strana consistenza?


[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, è chiaro che occorre una visita oculistica approfondita, se si tratta di congiuntivite allergica comunque esistono dei protocolli terapeutici della durata di qualche mese, l'uso del cortisone mordi e fuggi o peggio autogestito non è consigliabile e non risolve il problema. Ne parli con il suo oculista e riuscirà probabilmente a trovare una soluzione.

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2] dopo  
Utente 234XXX

Immaginavo, il problema è che l' oculista che ha eseguito le diverse visite e mi ha indicato i vari test mi ha sbolognato senza darmi alcuna terapia...
Io sono di Roma, sa per caso a quale struttura potrei rivolgermi, preferibilmente convenzionata con il SSN?