Utente 269XXX
Al risveglio di un giorno del mio 3 mese di gravidanza compare uno scotoma negativo centrale solo a sinistra, che occupa circa 1/3 del mio campo visivo orizzontale, in assenza di altri disturbi neurologici. Lo scotoma si riduce notevolmente nelle prime 12 ore, permanendo in posizione paracentrale, nel quadrante nasale superiore destro dell'occhio sinistro.
Durante la gravidanza vengo sottoposta a visita oculistica, neurologica, esami ematochimici, campo visivo, oct, pev. Unica alterazione è il campo visivo, che evidenzia lo scotoma.
Al termine della gravidanza (dopo 8 mesi) vengo sottoposta a visita oculistica, esami ematochimici, campo visivo, oct, pev, fluorangiografia, ecodoppler dei tronchi sovraortici, risonanza magnetica encefalo e nervo ottico con mezzo di cotrasto. Unica alterazione rimane il campo visivo, che evidenzia lo scotoma, ancora ulteriormente ridotto, e questa volta (!) i pev alterati (ampiezza ridotta e latenza aumentata nell'occhio sinistro, ampiezza ridotta nell'occhio destro. Conclusioni: sofferenza multifocale delle vie ottiche con netta prevalenza a livello prechiasmatico sinistro)

Riguardo a questo episodio rimango con più spiegazioni da parte di specialisti differenti:
a) Neurite ottica retrobulbare – la mi domanda: ma non si sarebbe dovuta vedere allo studio del nervo ottico con risonanza magnetica? Senza calo del visus (avevo ed ho -1,50 e -0,50)
b) Occlusione di qualche vaso/ vasospasmo – la mia domanda: non si sarebbe dovuto vedere in qualcuno degli esami? E' probabile nonostante coagulazione ed esami ematici nella norma e la mia età di 33 anni?
c) Corioretinopatia centrale sierosa – la mia domanda: è possibile che non si sia visto nulla alla fluorangiografia perché effettuata dopo 8 mesi dall'episodio?

A questo punto averi già archiviato il caso, se non fosse che nell'ultimo mese, al termine di tutti questi controlli, sono comparsi una serie di disturbi agli occhi che non so se ricollegare a questo episodio avvenuto ormai 10 mesi fa, o se sono indipendenti da esso. Immagino che alcuni dettagli siano scarsamente rilevanti, ma li riporto per completezza.

Dal momento in cui ho effettuato la fluorangiografia ho notato che le linee verticali (i bordi degli oggetti) tremano. Non c'è una variabilità durante il giorno, è un tremolio che rimane costante e perdura da circa un mese
Sento i miei occhi molto stanchi e affaticati, come se “tirassero” sotto la palpebra, con scarsa lacrimazione nella notte, con lacrimazione sierosa incolore quando mi sveglio al mattino
In condizioni di scarsa illuminazione o illuminazione artificiale noto (confermato anche da altre persone) un'anisocoria che sono sicura non essere stata presente prima. La pupilla sinistra è più dilatata. La stessa differenza di dilatazione l'ho notata anche in seguito all'instillazione del midriatico, prima della fluorangiografia.
Fotofobia e fastidio nel guardare le luci blu
Talvolta, in condizioni di penombra, percepisco nella parte inferiore del campo vi

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
mi manda gli esami
profluigimarino@gmail.com

o mi viene a trovare in Istituto?
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 269XXX

Gent.mo Dott. Marino,

La ringrazio molto dell'interessamento. Sono in attesa di ricevere il risultato dell'ultima rnm effettuata pochi giorni fa. Al ricevimento, saro' felice di inviarLe la documentazione completa.

Cordiali Saluti