Utente 300XXX
Alla vostra cortese attenzione,

io sono miope di quasi 9 diottrie, e ho subito un'operazione alla retina per aggiustare un foro retinico, l'intervento è andato bene e dovrebbe essere avvenuta la cicatrizzazione, io vorrei fare alcune domande sul laser refrattivo che vorrei fare

1) E' possibile un'operazione laser per la miopia in occhi già operati per un foro retinico

2) In internet ho letto che con la tecnica Lasik si possono operare anche 10 diottrie di miopia, ma ho sentito anche che alcuni oculisti in ogni caso non operano con il Laser miopie oltre le 8 diottrie, secondo voi fino a quante diottrie è conveniente operare?

3) E' molto temibile la possibilità che si formino nuove miodesopsie dopo un'operazione Lasik?

4) Nel caso dell'operazione con una lente fachica sono molto temibili i rischi di glaucoma e altri rischi importanti per l'occhio? Inoltre una lente fachica può rimanere lì per tutta la vita senza problemi?

Mi sono posta queste domande e spero che grazie a voi potrò avere le idee più chiare.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Alex Bosone

24% attività
4% attualità
0% socialità
TORINO (TO)
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2012
Buonasera,

Non ci sono problemi nell'eseguire un intervento LASIK dopo un barrage laser di un foro retinico.

La tecnica LASIK è sicuramente da preferire fino a correzioni prossime alle 10 diottrie rispetto alla lente fachica, a patto che lo spessore corneale e la regolarità della superficie indichino questo tipo di intervento. Io non eseguirei interventi oltre le 10 Diottrie nelle miopie e 4,50 nelle ipermetropie.

E' molto importante che chieda prima al suo chirurgo se tuttavia l'intervento le lascierà del tessuto corneale residuo per poter eseguire nel futuro (a breve termine o a lungo termine) dei ritocchi laser. Infatti gli interventi laser di miopie elevate sono sempre caratterizzati da una piccola percentuale di pazienti che nel post-operatorio presentano ancora dei piccoli difetti refrattivi residui, ed è possibile che a distanza di molti anni una piccola regressione possa esserci. La pachimetria e la topografia sono gli esami che possono darci queste informazioni.

Pertanto se la LASIK non è in grado di lasciarle questa possibilità, a mio avviso è più indicato eseguire un impianto di lente fachica per permetterle dei piccoli ritocchi, anche a distanza di molti anni, nel caso di regressione. Ovviamente per la lente fachica deve esserci 1) una camera anteriore di profondità adeguata, che viene valutata con la biometria e 2) una conta delle cellule endoteliali adeguata per poter eseguire un intervento di chirurgia intraoculare.

Le miodesopsie si possono formare e possono aumentare sia che si sottoponga che non si sottoponga al trattamento laser. La LASIK non influisce per nulla.

Di lenti fachiche ce ne sono di diversi tipi: da camera anteriore e da camera posteriore. Ognuna ha i suoi pro e contro.
A mio avviso le migliori sino quelle da camera posteriori tipo ICL, le complicanze sono molto basse. Il glaucoma è possibile ma raro, come pure lo sviluppo di una cataratta a distanza di molti anni. Le lenti da camera anteriore sono però più complicate da perdita di cellule endoteliali (danno alla cornea) e per questo ritengo siano migliori le ICL (le complicanze rare sopra indicate sono facilmente gestibili). Dipende poi dall'esperienza del chirurgo, dalle sue preferenze personali, etc la scelta.

Ricordo che come non tutti possono correggere il loro difetto con la tecnica LASIK o la PRK, non tutti possono essere sottoposti ad impianto di lente fachica. Occorre eseguire accurati esami per poter valutare quale è la scelta migliore, caso per caso.

Cordiali saluti









Dr. Alex Bosone
it.linkedin.com/in/alexbosone/

[#2] dopo  
Utente 300XXX

Buongiorno dottore, la ringrazio molto per la sua risposta completa e dettagliata, e spero di poter chiederle ancora eventuali altri chiarimenti se ne avessi bisogno
Cordiali saluti