Utente 337XXX
Salve, il 21 di gennaio mi sono sottoposta all'intervento lasik con microcheratomo. Avevo una miopia di 6.5 sx e 7.25 dx (occhio pigro e strabico fin da piccolina che ho operato al'età di 13 anni). Ho fatto tutte le visite preliminari che sono andate benissimo e col chirurgo abbiamo optato per questa tecnica in quanto soffro di disepitelizzazione recidivante corneale. La cosa davvero magnifica è stata la completa assenza di dolore sia durante l'intervento che dopo. Per le prime settimane ho avuto la vista molto annebbiata e la luce ancora adesso mi da fastidio e per almeno 3 settimane ho avuto molta difficoltà a guardare il pc e il telefonino. Ho delle leggere fluttuazioni alla vista. A volte vedo meglio col destro altre volte col sinistro. Ho avuto grosse difficoltà a mettere a fuoco da vicino per un bel pò di giorni. La vista ad oggi non è completamente nitida. Sapevo che i tempi di recupero sarebbero stati brevi ma comunque sto cercando di non allarmarmi continuando a mettere i colliri prescritti.. Oftaquix 3 gocce per quattro volte al giorno e Z-Yal sempre 3 gocce per 4 volte al giorno. Vorrei avere un vostro parere in merito. Ringraziandovi anticipatamente per le vostre risposte vi porgo i miei più cordiali e distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gent.ma,
il suo decorso non é la norma.

Io utilizzo la FEMTOLASIK e con questa tecnica il giorno dopo il paziente vede bene e può tornare al lavoro.

Cosa dice il suo oculista?

Cordiali saluti
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#2] dopo  
Utente 337XXX

Salve la ringrazio per la risposta. Ho fatto oggi la prima visita abbiamo controllato lo spessore corneale e il risultato è stato buono a detta dell'oculista quasi 500. La pressione era buona e dai controlli non è risultato nulla di preoccupante.
Ho letto dieci decimi con l'occhio sinistro e 5 decimi con l'occhio pigro che a quanto pare è già il massimo che può vedere il mio occhio ma potrebbe anche migliorare nei prossimi mesi.. Ha prescritto Ribomicin 1 goccia la mattina e una la sera e sempre z-yal 1 goccia per 6 volte al giorno. L'oculista si è ritenuto molto soddisfatto..I miglioramenti ogni giorno che passa sono percettibili.. Mi auguro che la situazione continui così!!

[#3] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Stia sereno, allora.

Migliorerá di sicuro

Cordialmente
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#4] dopo  
Utente 337XXX

Salve è passato un altro mese e soprattutto dall'occhio destro è stata riscontrata una sofferenza epiteliale.. Il chirurgo mi ha prescritto
glucosio solido 35% 3 gocce al giorno
optive 6 gocce al giorno e
ribomicin 3 gocce al giorno.

Il sinistro non ha particolari problemi..invece con l'altro ho delle difficoltà ancora a vedere da vicino..vista sgranata e da entrambi la sera con le luci e sdoppiata.
Lo spessore della cornea è buono e anche la pressione dell'occhio.
Vorrei un parere a riguardo.
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Potrebbe esserci una infiltrazione di epitelio sotto il lembo
Le risulta?
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#6] dopo  
Utente 337XXX

Grazie per la celere risposta. Non credo anche perché il chirurgo controllandomi se ne sarebbe accorto penso. Piuttosto una domanda, ma questa sofferenza epiteliale non potrebbe essere dovuta ai conservanti nei colliri e a non permettere il recupero?

[#7] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Potrebbe, ma solitamente si utilizzano colliri monodose senza conservanti

Cordialmente
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com