Schisi retinica

Buongiorno,
scrivo in quanto vorrei avere delucidazioni a proposito di un problema abbastanza serio diagnosticato al mio occhio sinistro (il più miope dei due, -5,75 miopia e -1,00 astigmatismo)
Sono una ragazza di 30 anni miope da quasi tutta la vita (miopia iniziata all'età di 8 anni) Qualche mese fa inizio ad avere fastidi come chiazze luminose a macchia d'olio che durano qualche secondo, anche a occhio chiuso.
Mi reco dall'oculista che mi dice che è " tutto ok".
Continuo ad avere questo fastidio, vivendo male questa situazione poichè, essendo sotto shock dopo varie tristi vicende accadute intorno a me negli ultimi periodi, riguardanti tumori celebrali, inizio a preoccuparmi seriamente in quanto mi accorgo che il campo visivo dell'occhio sinistro è ridotto rispetto al destro nella parte superiore. Cioè, mi spiego meglio: se fisso un punto sulla parete, con l'occhio destro riesco a percepire che c'è il soffitto, con il sinistro no ( non è che lo percepisco in maniera offuscata o confusa: non lo percepisco per niente). Effettuando una ricerca su internet, riscontro che la riduzione del campo visivo è uno dei sintomi di tumore celebrale. Allarmata, due giorni fa mi reco al pronto soccorso dove, in maniera molto affrettata (forse sarà stato il fatto che era un sabato di un caldo luglio) l'oculista mi effettua un fondo oculare e mi diagnostica una " schisi retinica settori inferiori che si estende fino all'arcata vascolare inferiore"
Conclusioni e indicazioni: visite periodiche.
Gli chiedo se è necessario effettuare una tac per accertare che questa "riduzione di campo visivo" sia dovuto a questo o a qualcosa di più grave. Lui mi risponde che il anche il nervo ottico è ok e mi dice di non preoccuparmi perchè il motivo del mio problema di vista è causato dalla schisi e se avesse riscontrato qualcosa di diverso mi avrebbe sicuramente fatto fare altri accertamenti specifici. Gli ho chiesto se recupererò quella porzione che non percepisco nel campo visivo e lui mi ha risposto di no.
Informandomi poi, telefonicamente, con il medico oculista che mi visitò tempo prima, all'inizio del mio fastidio e raccontandogli la diagnosi (per intenderci, quello che mesi prima aveva detto che era tutto apposto) mi dice che la schisi non causa la perdita di una parte di campo visivo, ma solo la "riduzione di qualità", cioè dovrei percepire comunque quella porzione che non percepisco perifericamente, ma male. Ora non so cosa fare, sono molto confusa e oltre ad essere terrorizzata dalla schisi, sono in panico perchè temo sempre che ci sia qualche grave patologia celebrale a monte. scrivo qua in quanto sono in attesa di una visita oculistica approfondita entro la settimana prossima e volevo farmi un'idea su cosa mi stia succedendo. Sto vivendo nel terrore.
Secondo voi devo effettuare anche esami neurologici, tac, risonanze magnetiche?
Grazie, attendo una vostra risposta.
[#1]
Dr. Ferdinando Munno Oculista 2,6k 154
sicuramente la sua situazione merita un'analisi completa del fondo oculare con esame del campo visivo periodici, ma appunto avendoli effettuati di recente potrebbe essere inutile, se non insorgono ulteriori problematiche.
magari bevendo molta acqua e prendendo integratori per il vitreo, su consiglio del suo oculista, potrebbe risolvere in parte la sintomatologia. non andrei ad effettuare esami supplementari tipo tac o risonanza se non c'è indicazione, sicuramente il suo stato emotivo gioca un brutto scherzo sull'esaltazione dei sintomi.

Dr. Ferdinando Munno - Medico Chirurgo
Specialista in Oftalmologia
www.studiocarbonemunno.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve dr. Munno.
Grazie mille per la sua risposta ma nel frattempo ci sono state complicazioni. Ho insistito e mi sono precipitata da un altro oculista: non era una schisi (come mi avevano detto al pronto soccorso) ma un vero e proprio distacco di retina. Mi hanno ricoverato d'urgenza per un intervento di cerchiaggio all'occhio. Sono stata dimessa venerdì scorso e ora sono in degenza.
provo un dolore molto fastidioso e l'intervento non è stato una passeggiata. Sabato 6 Agosto farò il primo controllo post operatorio. Nel frattempo è normale che dopo 5 giorni ho ancora l'occhio che sembra una palla di sangue? mi fa quasi impressione quando tolgo la benda per mettere i colliri.
Grazie e a presto.
[#3]
Dr. Ferdinando Munno Oculista 2,6k 154
Salve mi dispiace per le complicazioni che ha avuto. Direi tutto nella norma; il cerchiaggio come dice lei non è per niente una passeggiata. Nel giro di qualche giorno dovrebbe sgonfiarsi tutto. Stia serena

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio