Utente 454XXX
Salve Dottore,
sono un ragazzo di 20 anni e da molti anni, sin da quando ero piccolo, soffro di diplopia alla quale non ho dato molto importanza poiché, essendo astigmatico (mi mancano 4 gradi ogni occhio), pensavo fosse normale. Lo scorso anno mi sono recato da un ortottico per una visita e non ha riscontrato nessuna anomalia.
Il mio problema è di vedere due immagini che sono trasparenti agli estremi, mentre sono nitide nel punto di sovrapposizione. Questo problema non mi dà molto fastidio poiché, se mi concentro in un immagine, questa la vedo nitida al contrario di quello che c'è intorno il quale vedo doppio. Però mentre leggo, mi si intrecciano le righe e già dopo poco tempo di lettura, avverto pesantezza agli occhi e dolore alle tempie. Secondo lei da cosa potrebbe nascere questa anomalia? Grazie in anticipo per la disponibilità

[#1] dopo  
Dr. Ruggiero Paderni

40% attività
16% attualità
16% socialità
CESANO BOSCONE (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gent.mo,

4 diottrie di astigmatismo non sono poche. E' comprensibile che possa avere una visione non perfetta.

E' sempre opportuno verificare periodicamente l'astigmatismo con una topografia corneale.
Inoltre, in presenza di astigmatismi elevati, anche la forma delle lenti e della montatura devono essere adeguati onde limitare al minimo l'effetto deformante.

Pertanto , oltre alla visita ortottica, si sottoponga anche alla visita oculistica.

con ogni cordialità
Dr. Ruggiero Paderni
Specialista in Oftalmologia
www.ruggieropaderni.it

[#2] dopo  
Utente 454XXX

Grazie per la risposta. Ho fatto la visita oculistica poco fa e non ho avuto variazioni delle dottrie. Lei pensa che provando con le lenti a contatto possa migliorare il problema? Inoltre in cosa consiste la topografia corneale? Grazie

[#3] dopo  
Dr. Ruggiero Paderni

40% attività
16% attualità
16% socialità
CESANO BOSCONE (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gent.mo,

la topografia corneale è un esame che fornisce informazioni relative alla conformazione della sua Cornea (grado di curvatura, spessore, eventuali assottigliamenti), quindi consente di determinare con maggiore accuratezza il Suo astigmatismo.

L'utilizzo delle lenti a contatto può aiutare ma, nel caso di astigmatismi medio-elevati, deve essere valutato dal Suo oculista.

Si sottoponga comunque alla visita ortottica.

cordialità
Dr. Ruggiero Paderni
Specialista in Oftalmologia
www.ruggieropaderni.it

[#4] dopo  
Utente 454XXX

Salve, ho fatto una visita oculistica dal mio ottico di fiducia e di ha detto che le lenti sono adeguate alla mia vista ( mi mancano 3,75 gradi di astigmatismo e 1,5 di ipermetropia). Inoltre mi ha anche detto di avere una inclinazione della cornea di 160 gradi in un occhio rispetto ai 180 dell'altro. È un difetto grave o rientra tra i problemi relativi all' astigmatismo?
Inoltre tempo fa feci una prova con delle lenti a contatto ma le ho dovute togliere dopo circa un'ora perché vedevo bene, nonostante esse siano di gradazione uguale ai miei occhiali.

[#5] dopo  
Dr. Ruggiero Paderni

40% attività
16% attualità
16% socialità
CESANO BOSCONE (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gent.mo,

non c'è nulla di grave. Si rassereni.
L'inclinazione di cui Le ha parlato l'ottico fa solo riferimento all'asse di maggior curvatura dell'astigmatismo (come in tutti gli astigmatismi, la cornea non è una cupola perfetta ma è leggermente deformata).
Nel caso di astigmatismi medio-elevati come il suo, le lenti a contatto non sempre sono tollerate o non si "adeguano" perfettamente alla forma corneale.

con ogni cordialità
Dr. Ruggiero Paderni
Specialista in Oftalmologia
www.ruggieropaderni.it