Utente
Salve,
da qualche giorno avverto dolore al sesto inferiore sinistro, nella zona a contatto col quinto..
io sono convinto che sia una carie..il fatto è che martedi 9 febbraio ho fatto una pulizia a entrambe le arcate dentarie e non mi è stato riscontrato nulla di anomalo se non una carie all'ottavo inferiore sinistro, quasi interamente coperto dalla gengiva, per la quale il dentista ha suggerito di estrarlo nel minore tempo possibile affinché la carie non si estenda ai molari vicini..
ora mi chiedo: possibile che non si siano accorti della carie al sesto durante la pulizia? possibile altrimenti che la carie dell'ottavo abbia colpito il sesto? o che una carie si sia cosi rapidamente espansa in due settimane?
Ho paura che il dentista sia costretto a estrarre il dente o a ricostruirlo parzialmente magari con brutto effetto estetico (mi riferisco a mia madre che ha un morale nella parte mediana completamente grigio per un'otturazione!!!)..
grazie e arrivederci

[#1]  
Dr. Giovanni Auletta

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile utente i disturbi che Lei riferisce possono essere provocati sia da un fenomeno di ipersensibilità dentaria,esito possibile dopo una seduta di igiene dentale e sia da un riflesso doloroso provocato sempre dal molare del giudizio cariato sulla stessa emiarcata.
La risposta ha il solo scopo informativo.
http://studiodentisticoauletta.it
Dr.Giovanni Auletta

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio dottore per la risposta..
un'otturazione ai molari viene sempre eseguita con l'amalgama d'argento? ho sentito dire che può essere nociva a lungo andare..è vero?

[#3] dopo  
Utente
Salve dottore, volevo informarla che il dentista ha effettuato una medicazione e una momentanea chiusura alla carie dell' VIII inferiore sx e i dolori sono passati, in vista dell'estrazione della settimana prossima o al massimo quella successiva..
volevo chiederle un parere su una decisione del dentista riguardante altri denti, i VI inferiori..
sottoponendomi a raggi in questa zona, il dentista ha rilevato delle carie superficiali sulla corona.. spero di spiegarmi bene: carie che hanno eroso lo smalto, ma non la dentina..o una cosa simile, non ricordo esattamente la situazione! e mi ha prescritto il collutorio Elmex oltre ad una accurata igiene dentale con spazzolino, dentifricio e filo interdentale che sto seguendo pedissequamente..
ora mi chiedo..queste "cariette", come le chiama lui, possono recedere e non provocarmi più situazioni di ipersensibilità allo sfregamento e agli zuccheri, o è meglio curarle con l'otturazione?
grazie infinite e cordiali saluti..

[#4]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Le carie, piccole o grandi che siano, vanno sempre curate.
Cordialmente
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#5] dopo  
Utente
salve dottori,
vi scrivo perché stasera il mio dentista mi ha messo di fronte ad una eventualità che mi terrorizza..
premetto di avere l'VIII inferiore sx cariato, quasi totalmente incluso e in posizione orizzontale..insomma una tragedia..ma, come se non bastasse, le radici si sono avviluppate al nervo..ora, il dente dev'essere tolto perché mi dicono sia impossibile curare la carie, ma il mio dentista si è riservato dal toglierlo perché ha paura di recidere il nervo, cosa che mi procurerebbe la perenne perdita di sensibilità a quella porzione di mandibola e mi ha indirizzato all'ospedale dal chirurgo maxillo-facciale primario di Padova, prof. dott. Ferronato..
quello che vi chiedo è: non esistono assolutamente altre vie? è praticamente certo che il nervo venga offeso, se non reciso?
da come me l'hanno messa, il disturbo della sensibilità è certo al 90 x cento se non di più e altre vie non ne esistono..io sono davvero demoralizzato..perché ho soltanto 21 anni e vivere il resto della mia vita senza metà bocca è 1 prospettiva davvero sconfortante..
vi ringrazio..

[#6]  
Dr. Marco Capozza

40% attività
4% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Se il suo dentista le ha consigliato di far effettuare l'estrazione da un collega più esperto in chirurgia, si potrebbe fidare. Prima dell'estrazione si fa una visita e in quell'occasione potrà esporre al chirurgo i suoi timori e decidere se procedere o meno con l'estrazione.
Il fatto che il dente sia anche cariato e che quindi sia stato esposto a lungo nel cavo orale fa pensare che forse non è tanto in profondità.
A volte viene richiesta una radiografia TAC (dentascan) per vedere i rapporto tra radici dentali e nervo.
Le carie si curano ormai con Compositi bianchi per tante ragioni e non solo per estetica, l'amalgama è antiquata.
Cordiali saluti
Dott. Marco Capozza
http://www.dentista-lecce.com

[#7] dopo  
Utente
grazie dottore per la risposta,
in ogni caso ho già sostenuto la tac dentalscan ed è proprio in seguito a questa che il dentista ha deciso di non procedere..per questo ho molta paura a riguardo!
del dente si vede una minima parte della corona..
ci possono essere altre vie?

[#8] dopo  
Utente
Salve dottore, oggi posso essere più preciso di ieri..
L'VIII inferiore sx ha le radici avviluppate al nervo alveolare inferiore: questo si è visto dopo lastre in ambulatorio dal mio dentista e tc dentalscan..
Il mio dentista è parso particolarmente pessimista: mi ha detto che le percentuali di salvezza del nervo sono quasi nulle, mentre il chirurgo si è dimostrato più positivo.. ha detto che ha già operato casi simili e non ha mai reciso tale nervo.. l'operazione consisterebbe in più odontotomie..
Devo fissare a settimane una visita presso il reparto maxillofacciale di Padova col prof. Ferronato..
Secondo voi, è possibile salvare il nervo o devo mettermi il cuore in pace di continuare il resto della vita privo di sensibilità all'emiarcata inferiore sx?
Grazie e arrivederci

[#9]  
Dr. Angelo Rossi

24% attività
0% attualità
12% socialità
NOVATE MILANESE (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
La tecnica è quella che le è stata proposta e cioè in parolo povere togliere il dente pezzetto per pezzetto al fine di districarlo dal nervo senza lederlo. E' logico che le complicanze esistono e non è possibile mai eliminarle al 100%.
Dr. Angelo Rossi

dott.angelo.rossi@gmail.com

[#10] dopo  
Utente
da quello che ho capito vedendo la dentalscan, le radici del dente si sono come uncinate attorno al nervo..
io ho una paura atroce..non è la prima operazione che subisco, ma sento che questa volta qualcosa andrà male..

[#11] dopo  
Utente
salve dottore, l'operazione è fissata x il 3 maggio..speriamo vada tutto bene..anche il chirurgo è particolarmente scettico, sebbene abbia già sostenuto questa operazione decine di volte senza intoppi..quanto è invalidante una eventuale rottura del nervo? a cosa vado incontro insomma?
grazie e arrivederci..

[#12]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Non si fasci la testa prima di rompersela. Non credo che presso un reparto di chirurgia maxillo-facciale si possano spaventare di un ottavo con radici che circandano il nervo alveolare. Si fidi del chirurgo.
Poi i postumi chirurgici sono normali, si tratta solo di controllarli in modo adeguato.
Cordialmente
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#13] dopo  
Utente
quello che non mi è chiaro è perché il chirurgo abbia scelto di operarmi presso una sua struttura privata e non in ospedale..può esserci una differenza di attrezzatura? può penalizzare la buona riuscita dell'intervento questo?

[#14]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Non conoscendo il collega e le sue capacità non sò risponderle.
Cordialmente
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#15] dopo  
Utente
a domani l'operazione..vi farò sapere gentili dottori..l'ansia inizia a prendermi..

[#16] dopo  
Utente
salve dottori, quanto tempo devo attendere per smaltire l'anestesia? ho iniziato l'operazione alle 15 e ancora adesso l'emiarcata inferiore sinistra è priva di sensibilità..dall'orecchio sinistro a metà bocca!

[#17] dopo  
Utente
salve dottori,
l'effetto dell'anestesia è passato ieri sera e ho recuperato totalmente sensibilità al labbro sinistro..
volevo chiedervi una cosa: nel caso in cui il NAI sia stato danneggiato, compresso o lacerato, l'effetto di anestesia o ipostesia parte dal punto in cui è stato danneggiato e continua fino a metà labbrò giusto?
perché avverto come un senso di peso, quasi di muscoli in tensione nella zona in cui sono stato operato (Ext 38!) e non sembra affatto regredire.. una sensazione di gonfiore doloroso.. spero di essere stato abbastanza chiaro..
sto facendo terapia di Zimox e Oki.. spero di recuperare abbastanza in fretta l'uso intero della bocca..
un'altra richiesta: mi è stato chiesto di non dormire poggiando la guancia sinistra sul cuscino, ma fatico enormemente ad addormentarmi in altre situazioni.. quando posso tornare alle vecchie abitudini?

grazie infinite!

[#18]  
Dr. Marcello Fantini

28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Il NAI non è stato sicuramente danneggiato visto che ha recuperato sensibilità; dolore e gonfiore sono normali per qualche giorno. Dopo una settimana o meno potrà dormire di nuovo sul lato sinistro.
Saluti.
Dr. Marcello Fantini
Chirurgia orale - Implantologia

www.studiofantini.jimdo.com