Utente 233XXX
Salve,

Otto giorni fa, durante una visita dermatologica, casualmente ho fatto vedere una lesione che ho all'interno della guancia dx da circa 2 mesi. Il medico mi ha detto che potrebbe trattarsi di "sospetta" leucoplachia e, in modo molto brusco, mi ha riferito che se non la asporto al 99% degenera. Ho riferito che ad ottobre mi sono morso per 2 volte consecutive nello stesso punto procurandomi molto dolore accanto al primo/secondo molare inferiore dx.

Molto preoccupato, il giorno stesso, mi sono recato da un medico odontoiatra che mi ha visitato (letto, luce, pinze e una specie di binocolo che aveva agli occhi). Secondo lui, la lesione è una cicatrizzazione del tessuto e si trova in corrispondenza di un molare dell'arcata inferiore, che sporge rispetto all'arcata superiore. Ha una forma ovaloide grande quanto la punta del molare (4mm circa) ed è ricoperta da uno strato bianco leggermente ispessito (cheratinizzato?). Mi ha prescritto un colluttorio 20% e uno spray per mucosa orale. Mi vuole rivedere tra 15 gg. Devo notare che, mentre prima della visita la lesione era bianca su tutta la zona ovale, dopo la visita la zona bianca era solo su metà di essa, mentre l'altra metà sembra stia diventando del colore naturale. Inoltre, poichè ispeziono fobicamente la mia bocca circa 20-30 volte al giorno, ho notato sulla guancia opposta, in corrispondenza del molare superiore, una strisciolina leggermente ovale di mucosa sbiancata e un pò ruvida al tatto con la lingua. La facciata esterna del molare corrispondente sembra un pò scheggiata e tagliente.
Aggiungo che adesso, a forza di toccarmi e palparmi in tutte le zone vicino alla bocca, sia interne che esterne, sento dolore al linfonodo subito sotto la mascella sx, in corrispondenza dei primi due molari, . Può essere che l'ho sollecitato troppo con le dita e che ho la mola del giudizio cariata? Durante la vista dentistica non avevo alcun problema e ha detto che anche i linfonodi (allora) erano a posto.
Poichè il dermatologo mi ha fatto spaventare, mentre l'odontoiatra mi ha eccessivamente rassicurato, sono confuso, ansioso e preoccupato. Potrei, per quanto possibile avere un vostro gentile consulto?

Grazie

P.S. ho notato che spesso serro forte le arcate dentarie e la mandibola, a volte metto anche la lingua tra i denti o risucchio le guance tra le arcate laterali.

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Il traumatismo cronico derivante ad esempio da un dente mal posizionato potrebbe causare alterazioni nell'epitelio della mucosa orale. L'ipercheratosi è proprio una risposta dell'epitelio ad un stimolo irritativo cronico. Il problema può insorgere quando all'ipercheratosi, di per sè innocua, si associa la displasia dell'epitelio che è un difetto nella maturazione cellulare. Si entra così nel capitolo delle lesioni precancerose, che, a dispetto del nome, fortunatamente, non è detto che sfocino inevitabilmente in una lesione neoplastica. La certezza sulla presenza o meno di displasia e sulla natura della lesione si può avere solo con la biopsia e con l'esame istologico. Va detto comunque che ci sono dei segni clinici che possono destare sospetto e che un medico odontoiatra attento deve saper riconoscere e valutare. Se il suo dentista ha dimistichezza con la patologia orale,e noi non possiamo saperlo, stia tranquillo e si affidi a lui, sarà lui a indicarle la necessità o meno di una biopsia per una conferma diagnostica. Se ha dei dubbi sul fatto che i pareri dei due medici son molto discordanti senta un terzo parere.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#2] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Se il medico le ha detto che al 99% (novantanove per cento) degenerano, o ha delle informnazioni innovative e rivoluzionarie, o le ha detto una castroneria.

La leucoplachia è una lesione pre-cancerosa, che, per fortuna, non necessariamente degenera.
Comunque, se si può asportare, è meglio.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Stia tranquillo, questa è l'unica cosa che deve fare. Se si tratta di ipercheratosi da trauma basta allontanare la causa, se leucoplachia ( o lichen?) va tenuta sotto controllo ed eventualmente anche eliminata (ottima l'escissione laser-assistita).
Saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Auletta

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente non è di nostra abitudine ripetere le osservazioni ,ma in questo caso sembra che rafforzare e condividere quello già detto dai colleghi le servirà ad essere più tranquilla.Se la percentuale espressa dal dermatologo fosse vera sarebbe un macello.
La risposta ha il solo scopo informativo.
http://studiodentisticoauletta.it
Dr.Giovanni Auletta

[#5] dopo  
Utente 233XXX

Ringrazio tanto i medici per le pronte risposte.

Il dott. Di Iorio faceva riferimento a dei segni clinici che possono destare sospetto; sono ravvisabili anche con la semplice visita che mi ha effettuato il dentista? quali potrebbero essere?

Durante la visita, il dentista ha detto che si tratta di una cosa molto superficiale e che potrebbe comunque asportarla molto facilmente.

Inoltre, il fatto che l'area "morsa" , che ha la forma di un ovale di 4mmX2mm, adesso per metà sembra tornata quasi normale dal punto di vista fisico (quasi uguale alla mucosa non ferita per colore e spessore, solo leggermante un pò più perlacea) può rincuorarmi? Forse che la parte più profonda della ferita presenta ancora maggiore cheratinizzazione?

Per la "limatura" dell'epitelio (che sembra sbiancato per 2 mmX1mm e che in sovrapposizione l'epitelio sembra come attraversato da una lineetta sottile come se fosse stato precedentemente tagliato) , dell'altra guancia se faccio limare il premolare, dovrebbe scomparire o, nel frattempo, chiedo l'asportazione anche per quella?

grazie ancora

[#6] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Stia tranquillo il suo dentista ben conosce quelli che sono i segni da tenere in maggior attenzione.
Se questa lesione nella guancia continua a crearle ansie e a non farla vivere serenamente valuti con il medico l'opportunità di rimuoverla.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#7] dopo  
Utente 233XXX

Salve,

vorrei aggiornarvi sulla mia situazione.

Sono tornato dal dentista per ricontrollare la guancia.
Il medico ha rilevato che adesso la zona cicatriziale si è ridotta al margine superiore di quella che era la ferita del morso. In pratica si notano i segni superiori e inferiori del morso e solo lungo il segno superiore rimane una striscetta "callosa" (secondo lui senza segni preoccupanti), mentre in quello che era il centro della ferita e il margine inferiore, la mucosa si è normalizzata (è rosa). Lui sostiene che, essendo quella zona adagiata sul primo premolare inferiore, che è sporgente verso la guancia, a seguito del morso e della continua frizione, il margine superiore è ancora calloso. Mi ha limato un pò il premolare e mi ha detto che l'unica soluzione potrebbe essere una specie di bite per distaccare la guancia dal premolare. E' possibile che non ci sia un'altra soluzione (tranne l'intervento chirurgico per sistemare l'arcata che mi terrorizza)?
Siccome mi sono morso ad ottobre, quanto ci vuole per tornare normale (rosa) anche la strisciolina del margine superiore? Secondo voi, devo richiedere il consulto di un altro medico? a forza di controllarmela di continuo, mi è venuta una ruga sul viso!

Grazie ancora

[#8] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
"Siccome mi sono morso ad ottobre, quanto ci vuole per tornare normale (rosa) anche la strisciolina del margine superiore?" Gentile utente, mi sembra di tutta evidenza che i segni di quel morso che si è dato ad ottobre, se tali erano, ormai sarebbero dovuti scomparire.
Se qualcosa resta può esser correlato ad esempio ad un traumatismo cronico dovuto a qualche altro fattore (ad esempio la malposizione dentaria alla quale fa riferimento,la presenza di un margine dentario tagliente ecc.ecc.), non certo da un trauma acuto occorso 4 mesi fa.
Rinnovo il consiglio fornitole nel mio precedente intervento: se questa lesione nella guancia continua a crearle ansie e a non farla vivere serenamente in quanto non è stata ancora accertata la sua natura, valuti con il medico che la segue o con un altro specialista l'opportunità di rimuoverla.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#9] dopo  
Utente 233XXX

Cari medici, vi aggiorno sulla mia situazione.

Circa 10 gg fa, anche se la lesione si era dimezzata, l'ho fatta rimuovere e adesso sto attendendo il responso dell'esame istologico.

Nel frattempo, tanto perchè mi ero un pò rasserenato, sul lato opposto (sx) in basso all'altezza del canino inferiore ma sulla guancia ho notato una linea verticale chiara. guardando più attentamente, si vede una sorta di linea che forma un ovaloide verso giù ma sempre sulla mucoasa (gengive). La zona sembra come se fosse un pò escoriata con dei margini un pò chiari che, a mucosa rilassata sembrano bianchi, ma se la stiro, sono la delimitazione tra una zona normale della mucosa e una un pò escoriata. La zona maggiormente chiara è solo una parte della circonferenza di quest'area. Cosa potrebbe essere? Ho usato massicciamente zeroflog spray.

grazie ancora

[#10] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Lo spray l'ha usato prima? È fumatore? In ogni caso ripeto quanto dettole tempo fa: stia tranquillo.
Cordili saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#11] dopo  
Utente 233XXX

Lo spray lo uso da fine dicembre, senza sosta (ne ho consumato uno alla settimana).
Fumo poco, circa 5-6 sigarette e la mucosa è generalmente tutta bella rosa. Anche nell'area interna di questo ovale (mucosa guancia) è rosa, in un punto è un pò escoriata. E' il perfilo di quest'area, che appare comunque normale, che sembra chiaro, è come un leggero solco della membrana, lo noto passandoci il dito sopra.

grazie

[#12] dopo  
Utente 233XXX

Lo spray lo prendo da prima.

[#13] dopo  
Utente 233XXX

Nel frattempo che medico mi risponda, aggiungo che ho usato anche bicarbonato di sodio. ad oggi, la linea appare come un solco disepitelizzato. Grazie ancora.

[#14] dopo  
Utente 233XXX

Cari dottori,

vi aggiorno sulla mia situazione.
Il referto dell'esame istologico relativo alla biopsia sulla guancia dx recita:

esame macroscopico: lembo di mm 6x4 con lesione piana bianca centrale di mm 6x2

esame microscopico e diagnosi: leucoplachia

L'ho portata al mio dentista il quale dice che non c'è problema e che si tratta di una lesione da morsicatura cronica.
Ho chiesto: ma se nel referto c'è scritto solo leucoplachia, niente si sa a proposito della natura ecc., lui mi ha detto che se non c'è scritto niente non c'è niente.

Poi ho fatto vedere, sempre al dentista, la nuova "linea/solco" bianca in basso sulla guancia sx e mi ha detto che non è niente di preoccupante, esclude anche una eventuale infezione mucotica, e mi raccomanda di pensare ad altro...

Gentilmente, cosa ne pensate?

grazie ancora