Utente
Gentili dottori buonasera,giovedì mi è stato devitalizzato un molare nell'arcata superiore (canali chiusi con guttaperca) e giovedì tornerò x chiuderlo.
Giovedì 29 partirò x un viaggio in Messico di 2 settimane e mi domandavo se potevo avere problemi durante il volo (12 ore). Volevo quindi capire in che caso l'aereo poteva dare problemi ai denti, non vorrei mai passare un brutto (lungo) viaggio!
Un'altra cosa, è normale che io abbia ancora indolenzita la zona dove mi è stata praticata l'anestesia? Oggi ho avuto dolore che mi prendeva lo zigomo, durato una mezz'ora e poi passato da solo.
Ringrazio in anticipo per l'attenzione!
Un saluto, V.

[#1]  
Dr. Giovanni Logli

20% attività
0% attualità
4% socialità
SAN GIULIANO TERME (PI)
ALTOPASCIO (LU)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2009
Salve, ma ha provato a fare la stessa domanda al suo dentista?

Comunque deve stare tranquilla, se il dente è stato devitalizzato come lei dice l'aereo non può provocarle fastidi.
Per quanto riguarda l'anestesia a volte capita di avvertire un pò di indolenzimento, ma come ha già notato tende a ridursi fino a scomparire da solo.

Comunque consiglio, in caso di dubbi, di chiedere sempre al proprio dentista perchè è lui che ha effettuato il lavoro, quindi sa come ha operato e può pertanto fornirle una risposta più adeguata.

Saluti
Dr. Giovanni Logli
Pisa
giovanni.logli@gmail.it www.studiologli.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott. Logli, la ringrazio molto per la celere risposta.
È vero, potevo chiedere anche al mio dentista, ma questi dubbi mi sono venuti ieri e non volevo aspettare fino a giovedì, poi un consulto in più non fa male, anzi..
Approfitto della Sua disponibilità per chiedere in che casi l'aereo può creare problemi ai denti...ho sentito parlare di granulomi, che si "scovano" solo con rx (e dolore se in fase acuta)..se dovessi averne (ho altri denti devitalizzati), potrebbero per così dire svegliarsi con il volo?
Scusi per le mie paranoie, ma il viaggio è il mio viaggio di nozze...aspettato da quasi un anno!
Grazie in anticipo.

[#3]  
Attivo dal 2012 al 2013
Salve, puo' stare tranquilla, non dovrebbero esserci assolutamente problemi a riguardo, sia perche' il suo dentista ha completato la terapia canalare e quindi e' da escludere ogni problema relativo a infezione e granulomi. Inoltre non vi e' alcun problema che possa essere legato all'aereo.

Saluti

[#4] dopo  
Utente
Dott. Pacialeo la ringrazio molto!
Le porgo un quesito, è da ieri che sento "tirare" la guancia e ogni tanto avverto delle scosse, questo fastidio potrebbe essere dato dalla guarigione post estrazione dente del giudizio (estratto 2 settimane fa)?...non riuscendo a localizzare bene il fastidio, non vorrei fosse dato dal vicino molare devitalizzato 8 anni fa (da qui il mio timore del granuloma!).
Giovedì andrò dal mio dentista per chiudere il dente devitalizzato e chiederò senz'altro anche a lui...chiedo a voi intanto x "tranquillizarmi"....
Grazie mille per la disponibilità.
Cordialità.

[#5]  
Attivo dal 2012 al 2013
Sfortunatamente i dati forniti sono insufficienti per poterle dare una risposta non conoscendo la sua storia clinica edessendo necessari un'osservazione diretta del cavo orale nonchè una radiografia.
Rimane giustamente il consulto col suo dentista!

Saluti
Dott Giovanni Pacialeo

[#6]  
Dr. Carlo Alessandro Aversa

24% attività
8% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012
perdonate se mi intrometto ma credo di poter aggiungere qualcosa di interessante anche se potrebbe non essere piacevole per l'utente:
In realtà esistono sintomatologie dolorose legate alle variazioni di pressione atmosferica (barodontalgie) come quelle che si verificano in aereo anche se, in genere, i voli sono ben pressurizzati ad una quota di circa 1200-1600 m.
Se, per caso, il suo velivolo fosse mal pressurizzato o il suo dente avesse ancora un livello anche basso di infiammazione in atto o durante la salita e la discesa del velivolo, la dilatazione/compressione dei gas prodotti dall'infiammazione locale potrebbe dare temporaneo dolore.
Queste competenze mi derivano da approfonditi studi fatti per spedizioni alpinistiche oltre i 7000 m. cui ho preso parte.
In sostanza le consiglio di partire tranquilla ma:
1. più tempo mette fra la fine del trattamento odontoiatrico ed il volo e meglio è.
2. si porti dietro qualche antibiotico e antidolorifico da prendere subito se avverte dolore
3. cerchi di stroncare, attraverso i consigli del suo dentista ed eventuali farmaci, ogni residua infiammazione locale prima di partire.

buon viaggio
Dr. C. Alessandro Aversa
Medico Chirurgo Odontostomatologo in Firenze
www.dentistaversa.it

[#7] dopo  
Utente
Vi ringrazio davvero molto per le risposte, per altro utilissime!
La partenza è giovedì 29, e il prossimo appuntamento dal mio dentista è giovedi 22. Spero davvero che i miei siano solo paranoie (x altro sono anche ipocondriaca e ansiosa) così da poter i godere al meglio il mio viaggio di nozze.
Saluti!