Utente 458XXX
Ciao. Sono Giacomo 21 anni scrivo da Genova. Faccio l'università da due anni e sono molto contento della mia vita ma da due mesi non vivo più per una paura. 3 anni e mezzo fa è uscito l'unico mio dente del giudizio quello superiore destro ed è verso la guancia. All'inizio dava fastidio alla mucosa ma poi non ha più dato dolore la guancia e non l'ho fatto vedere. Dopo due anni ossia estate scorsa ho iniziato a fumare. Durante il periodo di fumo vidi nella mia guancia destra una parte di mucosa bianca e spessa dove tocca il dente. Non ci diedi peso in un anno. Da un mese ho smesso col fumo. Questa cosa non è più spessa ma si è aperta evidenziando lo stampo lasciato dal dente. Evidentemente fumando si è formata della cheratina a difesa di questo trauma del dente. Adesso ho paura che si possa trasformare in un tumore e ho già prenotato la seduta a settembre. La dentista già ha guardato io le ho detto che appoggia sulla guancia ma non mi ha detto nulla in proposito della lesione (se l'ha vista ma credo di sì). A volte è bianca o grigia come se si stesse chiudendo e rimarginando a volte si vede meno, perché di giorno sto attento ma dormendo il dente appoggia per forza perché non posso evitare, sta di fatto che se la spingo un pelino con la lingua si forma un buco che è quello che lascia il dente. Un buco che dentro è dello stesso colore della mucosa intorno forse rosa più scuro ma di poco. E poi mollando si chiude con sta porzione che sembra pelle morta che si apre in due e si vede come se ci fosse un taglio. Non so da quanto vada così. L'ho vista l'anno scorso sta cosa. E non ci diedi importanza. Ma potrebbe esserci da 3 anni e mezzo quando è uscito il dente. Non da dolore. Solo un po' di fastidio talvolta (ma appena percettibile se passo la lingua) oppure prurito (sempre se viene da lì). Ho tanta paura che non sparisca manco rimuovendo il dente che ne è sicuramente la ovvia causa. Che possa ormai essere una precancerosa questo stampo del dente? Dopo 3 anni e mezzo si chiuderà tornando bella rosa come una volta la mucosa? O dite che è troppo tempo e la lesione già potrebbe essere uno stadio pre cancro? O non esser grave ma non sparire comunque? Non vivo più. Mi controllo la bocca fisso ormai. Non sono mai stato così. Ma dopo aver letto su internet che le lesioni causate da un dente del giudizio dopo qualche anno diventano precancerose mi ha portato alla paranoia. Non posto foto della guancia interna come da regolamento del forum se gli esperti non lo chiedono. Attendo riscontri da parte di qualche esperto.
Cordiali saluti,
Giacomo

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Sia che si tratti di un traumatismo legato al dente del giudizio o nel sospetto di altre lesioni,va eseguita una visita specialistica da un Collega esperto in Patologia Orale,o presso la Clinica Odontoiatrica Universitaria della sua città,con eventuale esame bioptico.
Cordialita '
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 458XXX

La ringrazio Dr. De Socio. Ho incontrato l'assistente della mia odontoiatra che mi ha detto che non faranno ferie ad agosto a causa di problemi della Dott.ssa. Quindi mi faccio anticipare l'estrazione ad agosto. Nel corso della visita per l'estrazione le chiederò di controllarmi un attimo questo segnetto nella guancia, lei dovrebbe conoscere se una lesione merita approfondimento bioptico o meno. Qualora comunque sia da esame della mia odontoiatra sia da una eventuale biopsia risultasse una lesione non pericolosa, tenderà a regredire rimosso il dente che continua a scavarci, oppure anche senza conseguenze maligne mi rimarrà in bocca tutta la vita o tenderà a chiudersi il buco e regredire quel poco di ipercheratosica che c'è? Non voglio fare come mia zia che ha tenuto un dente storto come il mio per 20 anni (lo ha estratto solo il maggio scorso per una carie grave sennò credo lo avrebbe tenuto e non so come abbia fatto a stare 20 anni con un dente girato contro la guancia, ed è dal suo episodio che mi è venuto lo scrupolo di andare a farmi vedere per valutare l'estrazione) e ora ha un buco esagerato (per fortuna il suo dentista lo ha individuato come non pericoloso) ma dopo 20 anni le rimarrà per sempre questa lesione è il suo dentista le ha consigliato visite periodiche per valutare se questo solco abbia mutato da lesione benigna a maligna perché sostiene che dopo tutti quegli anni ci possa essere una mutazione. A quel punto non vivrei più davvero, perché sono sempre stato un po' ipocondriaco e pensare di essere a rischio neoplastico mi rende mi manda fuori di testa. Ecco perché ho smesso anche di fumare. Non solo per sta lesione ma perché ho una paura mortale di ammalarmi di qualcosa. Le chiedo scusa per il messaggio lunghissimo.
Cordialità.

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Stia tranquillo,vedra' che la Collega le darà le giuste chiavi di lettura.
Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 458XXX

La ringrazio ancora. Se vuole la aggiornerò più avanti. Quindi lei suggerisce di stare tranquilli e non farsi troppe paranoie?

[#5] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Confermo
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#6] dopo  
Utente 458XXX

Perfetto. Ancora una volta grazie. Cercherò di non angosciarmi troppo in questo ultimo periodo che precede l'estrazione (o come dite voi dentisti in termine specifico avulsione ;)) e chiederò alla mia dentista un ulteriore controllo sul buchetto nella guancia lasciato dal dente. La aggiornerò sulla questione del caso.
Cordiali saluti,
Giacomo