Utente 461XXX
Salve,
ho fatto un piano di lavoro presso la dental pro.
Ho un problema con un dente già precedentemente devitalizzato da un altro dentista ma ad oggi ha bisogno di un ritrattamento canalare poiché un granuloma...
il 25 luglio sono stata sottoposta a una radiografia il responso ha confermato il granuloma e il drenaggio da parte dei canali con del pus.
Mi hanno detto che non potevo fare un trattamento canalare in queste condizioni e che dovevo aspettare che i canali finissero di drenare, quindi mi hanno lasciato solo ovatta nel dente da cambiare dopo i pasti....immaginate in vacanza per un 20 gg con ovatta togli e metti ! Un incubo!
oggi 24 agosto torno ancora e mi ha visitato una nuova dottoressa, finalmente tanto speransosq di chiudere con questo dente! E soprattuto perché ho paura di perderlo visto che un dente aperto per un mese è un covo di batteri.
La dottoressa batte con lo strumento sul dente e io ho sentito dolore ... e ha detto che il dente "se ti fa ancora male non si può' chiudere.... "
alla fine devo fare un ciclo di antibiotico! Mi ha di nuovo messo ovatta ! Ma e' normale una terapia in questo modo?

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,probabilmente ho inteso male, ma sembra che il dente sia stato lasciato aperto, cioè privo di otturazione con cemento provvisorio, con i canali a diretto contatto con l'ambiente orale protetti solo da ovatta.
Se così fosse l'ascesso in atto non perverrà a guarigione neanche con la terapia antibiotica ripetuta più volte, con il rischio di non poter recuperare il dente per la contaminazione dei canali da parte di batteri presenti nel cavo orale difficilmente eradicabili con la terapia endodontica.
Quando è presente pus nei canali, dopo i lavaggi con ipoclorito ed asciugatura, se non si ritiene opportuno chiudere definitivamente, dev'essere applicata all'interno una medicazione provvisoria(ad es.idrossido di calcio) per mantenerli asciutti ed impedire che si riempiano di nuovo di pus, poi si ottura la parte coronale sigillando il dente e si attende la guarigione clinica dell'ascesso.
Il tutto va eseguito sotto diga di gomma.
Le consiglio di affidarsi ad un Collega esperto
endodontista.

Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Gentile utente, purtroppo questi grossi centri hanno grossi costi di pubblicità, immagine , ecc. e devono tenere prezzi da sottocosto inoltre spesso non sono gestiti da odontoiatri, per cui utilizzano odontoiatri sottopagati con minima esperienza, che in buona fede fanno quello che possono, cambiando spesso la loro sede di lavoro. La non continuità con lo stesso operatore porta a disguidi e complicanze, difficili da gestire. In odontoiatra occorre che l'operatore abbia esperienza e che il paziente abbia massima fiducia in questa figura, la somma delle cose porta alle migliori cure. Ora nel suo caso è veramente difficile darle una corretta risposta se non quella data dal Dottor De Socio:Le consiglio di affidarsi ad un Collega esperto
endodontista.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/