Utente 173XXX
Buongiorno, e grazie come sempre ai medici dello staff x il bel servizio che offrite. scrivo a nome di mia sorella, 31 anni, che il 19ottobre si è sottoposta a una osteotomia con lembo per l estrazione del 48, il dente del giudizio inferiore destro, che non era uscito ma era cariato dentro la gengiva, in anestesia totale (soffre di crisi di panico) presso.una struttura ospedaliera romana.

Dato che a tutt oggi le residuava un dolore leggero ma costante a tutta la zona, ieri l ho fatta visitare dal nostro dentista di famiglia, che le ha detto che è residuata una piccola infezione, ed è necessario tornare sotto I ferri per una sorta di lavaggio della zona operata, consigliabdoci un'altra struttura sempre qui a Roma dato che lei deve sempre essere sedata totalmente x via del suo disturbo psichiatrico. Intanto non le ha prescritto nulla: io sono un po preoccupato e vorrei porvi alcune domande:

1)non è meglio prima di pensare a un nuovo intervento, una somministrazione di antibiotici x via orale o siringa nella zona operata? (Da chiarire che non ha febbre, solo questo piccolo dolore)

2) il dentista le ha prescritto di rifare l ortopanoramica e un altro esame strumentale, una TAC DENTASCAN dell arcata inferiore aggiungendo a voce 'sicuramente te l'avranno gia prescritto in sede operatoria'...tornati a casa e viste le carte pregresse, ci siamo accorti invece che le avevano fatto fare.una KONE BEAM e quindi mi chiedo, x valutare questa infezione è meglio la tac dentascan o la kone beam? Che differenza c'è tra I due esami?

3)il dentista ha detto 'è importante nn lasciar passare troppo tempo e intervenire subito ma non preoccupatevi perche non è nulla di estremamente grave'... intanto io ho un brutto ricordo di nostro papà che dopo un'infezione presa dopo l intervento di protesi al ginocchio (con febbre alta, pero) rischiò seriamente l'amputazione, per fortuna scongiurata. So che in questo caso parliamo di tutt'altro e credo l'infezione sia anche di lieve entita nn avendo febbre, ma cosa rischia realmente? Forse l'estrazione e ricostruzione dell'intero osso mandibolare? Ringraziando chi mi voglia rispondere, vi porgo I miei piu cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Salve,
sintetizzo le risposte:

1) a distanza di un mese e mezzo se fosse residuata una infezione vi sarebbe stato da tempo gonfiore con dolore della parte ,pertanto non si comprende cosa sia successo al momento dell'intervento,ne' si comprende cosa affermi il dentista di famiglia.....
" che le ha detto che è residuata una piccola infezione, ed è necessario tornare sotto I ferri per una sorta di lavaggio della zona operata....."
(Alveolite? Frammento radicolare infetto?)
Per la necessità di una terapia antibiotica e' necessario che le diano informazioni diagnostiche esatte,altrimenti brancoliamo nel buio.......
2)penso sia sufficiente ripetere solo la panoramica se hanno lasciato qualche residuo radicolare: perche' non chiede giuste spiegazioni su tutto?
3) la frettolosita' del dover intervenire nuovamente,mi lascia con molti dubbi sull'esito del primo intervento.
Consigli? Si faccia dare chiarimenti e se non sono esaustivi e congrui col suo racconto,senta altre campane competenti.
Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 173XXX

La ringrazio dottore per le sue risposte. Si tratta di alveolite.