Utente 125XXX
Gentili medici,
Poco più di un anno fa, a causa di una carie, la mia dentista mi ha devitalizzato il penultimo molare inferiore sinistro. La procedura è stata alquanto dolorosa, nonostante abbia effettuato l'anestesia ripetendo diverse volte l'iniezione. La dottoressa ha giustificato il dolore dicendo che può capitare che i molari inferiori non rispondano positivamente all'anestesia. Il molare in questione, nonostante la devitalizzazione, da un paio di mesi a questa parte, ha cominciato a farmi male, soprattutto a seguito della masticazione di cibo. In un paio di occasioni, la gengiva corrispondente ha sanguinato e si è verificata pure la fuoriuscita di pus. Io, terrorizzata dalla precedente esperienza, per paura che l'intervento del dentista fosse nuovamente doloroso, ho temporeggiato, dato che riuscivo a controllare il fastidio evitando di masticare eccessivamente dal lato sinistro. Tutto ciò fino a ieri quando, masticando un grissino, ho sentito un "crac" con conseguente dolore al molare in questione. Guardando allo specchio ho notato una frattura lungo l'otturazione, oltre che lungo la parete anteriore del mio dente. Esercitando una pressione col dito noto anche un piccolo movimento del dente e la masticazione risulta dolorosa. A questo punto, non penso di poter più rimandare la visita dal dentista e dovrò in qualche modo cercare di vincere la paura. Quello che mi inquieta, è l'eventualità di dover procedere all'estrazione del dente. Mi chiedo, se la devitalizzazione è stata dolorosa, lo sarà pure l'estrazione? È possibile che non vi sia un'anestesia in grado di funzionare per i molari inferiori? Dovrò sottopormi a questa tortura oppure sarebbe il caso di rivolgermi ad un altro dentista?
Nella speranza di ricevere delle risposte che mi possano tranquillizzare, vi ringrazio in anticipo per la vostra cortese attenzione.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Propedeuticamente se vi è un ascesso è consigliabile una copertura antibiotica.Per l'anestesia una intraligamentare ben fatta non dovrebbe preoccuparla più di tanto.Esistono anche altri tipi,come l'anestesia tronculare e l'intraossea,la cui necessità è ovviamente decisione della Collega.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 125XXX

Gentile dottore,
La ringrazio per la celere risposta. Ovviamente mi chiedo come mai, date le diverse alternative a disposizione, la mia dentista non le abbia provate in fase di devitalizzazione. Io ho sentito dolore durante tutto il trattamento, e lei si limitava a ripetere diverse iniezioni dello stesso anestetico (non so dirle, però, di quale tipo si trattava). A questo punto, mi sorgono forti dubbi sulla sua preparazione e sono tentata di rivolgermi a un altro medico. La ringrazio ancora,
Cordiali saluti.