Utente 407XXX
Buonasera,
circa verso maggio per puro caso mi sono accorta di avere una protuberanza nella zona interna alla guancia tra mandibola e gengiva a destra.
La protuberanza è dura e non dolente, visivamente non si percepisce nulla, la sento solo passando la lingua o passando un dito (anche toccando esternamente si sente che c’e qualcosa di più sporgente rispetto la parte sinistra). Partendo dal centro all’interno della bocca e andando verso i molari è come se sentissi un gradino (più o meno verso la zona del premolare destro) e che poi si abbassa all’altezza dell’ultimo molare.
Dovevo andare dal dentista a fine maggio ma poi per motivi di lavoro mi è saltato l’appuntamento e l’ho fissato per metà luglio.
Nel frattempo la mia preoccupazione è aumentata dato che mi sono accorta che il penultimo molare (tenendo però presente che non ho i denti del giudizio) mi sembra scheggiato. Inoltre su questo molare ho una carie che stavo tenendo monitorata col dentista perché all’inizio era troppo piccola per intervenire.
Utilizzo il bite di notte per non digrignare, circa un anno fa avevo fatto una radiografia di routine (possibile non si sia accorto di nulla?).
È preoccupante? L’ansia c’è o non sarei qui a scriverlo, il problema è che devo comunque attendere altre due settimane per consultare il dentista. Su internet ho letto che potrebbe essere una malformazione maligna. Sinceramente non so nemmeno da quanto c’é non essendomi mai accorta visto che ad occhio non si vede nulla.
In aggiunta posso dire che ho sempre avuto la tendenza di masticare con la parte destra e mi sto cercando di impegnare da quando ho notato questa cosa di masticare dal lato sinistro.
Attendo un vostro parere a riguardo, sapendo bene che comunque dovrò attendere il controllo del mio dentista.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Difficile darle una risposta esaustiva senza poterla visitare,potrebbe trattarsi di una esostosi probabilmente dovuta ad un rimaneggiamento osseo legato ad una masticazione unilaterale ed al bruxismo.
Per dirimere il dubbio è sufficiente un esame ispettivo,perché se l'ipotesi fosse quella,potrebbero essere coinvolte altre sedi intraorali.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 407XXX

Grazie mille per la celere risposta.
Questa esostosi dovrebbe modificare anche la posizione dei denti? Perché io ho da sempre i denti dritti (non ho nemmeno mai portato l’apparecchio).
E in caso, sarebbe da rimuovere? Mi consiglia di attendere il dentista o di fare Un salto dal medico di base per accelerare i tempi?

Comunque la ringrazio ancora per la risposta, le farò sapere cosa emergerà dalla visita.
Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Un esostosi non altera la posizione dei denti e non crea problemi di sorta se di minime dimensioni.Lasci stare il medico di base e faccia visita al suo Dentista.
Buona Giornata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 407XXX

Buongiorno,
Sono stata dal dentista una prima volta e mi ha dato un’occhiata in maniera superficiale e tastato la zona, dicendomi che non era niente di rilevante. Il tutto in due minuti massimo.
Due settimane dopo ho approfittato di un’altra visita per chiedere all’altro dentista dello studio. Mi ha controllato e questa volta lui mi ha spiegato che potrebbe trattarsi di un esostosi, ma è strana la posizione (si trova dalla parte tra gengive e guancia, e non internamente), quindi mi ha detto di fare un opt per sicurezza.
L’opt però ce l’ho a novembre, nel frattempo non riesco a capire come prendere i due esiti ricevuti.
Posso le esostosi presentarsi nella mia zona della mandibola? O devo ipotizzare che la volontà dell’opt sia per una presunta diagnosi diversa e più negativa?

Grazie