Utente 205XXX
Un saluto ai medici odontoiatri dello staff, e grazie come sempre per il bel servizio che offrite.

Una quindicina di giorni fa, prima delle ferie estive, mi son recato dal mio dentista per la consueta pulizia dei denti.

Mi ha ripresentato un problema di cui gia ero a conoscenza, e che mi ha detto di non sottovalutare….ovvero, a due morali dell'arcata inferiore, e due dell'arcata superiore, tutti dalla parte di destra (non parliamo di denti del giudizio - peraltro presenti solo sopra, ma sotto no - ma di molari "normali") si vede che la gengiva è visibilmente un tantino "ritirata".


Lui attribuisce la causa al fatto che quando mi lavo i denti, sono un po' troppo "irruente". Ci tengo a precisare che ho una fissazione quasi maniacale per la pulizia dei denti, a quasi 37 anni non ho mai avuto nemmeno una carie...anche se mangio una brioschina o un pezzo di focaccia fuori dai pasti principali, se posso, me li vado a lavare.


Non vorrei però che questo scollettamento alla lunga possa portare a far staccare i denti sani!

Lui mi ha detto, che se dovesse peggiorare di tanto, si dovrebbe fare una operazione di ricostruzione gengivale, prendendo un pezzo di tessuto dal palato. Mi ha detto però che è una Operazione non scevra di complicanze, sia per il sito ricevente, in quantio la ricostruzione gengivale dei molari è di più difficile esecuzione, data la posizione e il fatto che essendo denti più "grossi" il tessuto da dover utilizzare è maggiore, sia per il fatto che sono 4 i denti nelle medesime condizioni, sia per il fatto che il sito donante, ovvero il palato, in questo tipo di operazioni, dà per molto tempo diversi fastidi, come se si creasse un'afta che ci mette tantissimo a rimarginarsi.


Io per ora non ho enormi fastidi, non ho mai visto sangue dalle gengive, giusto di tanto in tanto posso avvertire una particolare sensibilità al freddo, ma mi basta usare per qualche giorno il dentifricio "parodontax" o sensodyne, che torno a stare bene,


Da parte mia, sto cercando di impegnarmi a essere un po' più delicato nel lavarmi i denti. ORa è chiaro che la gengiva non ricresce da sola, ma vorrei capire se a livello di prevenzione possa fare qualcos'altro per rinforzare le gengive ed evitare un peggioramento della situazione.

Ringraziandovi anticipatamente se mi vorrete rispondere, colgo l'occasione per porgerVi i miei più cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, se le sue manovre d'igiene domiciliare non sono corrette occorre imparare quelle giuste e queste istruzioni le possono essere insegnate da un igienista dentale. La malattia parodontale di cui lei è affetto è in certi casi curabile e quasi sempre mantenibile. Per cui prima di pensare a interventi chirurgici, vediamo almeno di riuscire a eseguire un mantenimento applicando i corretti protocolli, tra cui la cartella parodontale dove vengono valutati tutti gli indici della sua malattia e lo status radiografico che sarà la futura pietra di paragone di mantenimento o di recupero.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 205XXX

La ringrazio, Dott. Diego, per la Sua veloce e precisa risposta.

Diciamo che le nozioni base per un corretto lavaggio dei denti le conosco, le imparai fin da bambino...Ad esempio il fatto che lo spazzolino non va movimentato orizzontalmente, ma verticalmente, da sotto in su nell'arcata inferiore e da sopra a sotto in quella superiore..Il fatto, come diceva il Suo collega mio dentista, è che son stato troppo "manesco" nel maneggiare lo spazzolino, quasi come se fosse una zappa.

Infatti per ora sto cominciando a lavorarci su per correggere questa insana abitudine. Volevo chiederLe se uno spazzolino a setole morbide possa essere migliore di quello "medio" che uso solitamente, e se tanti prodotti da banco in farmacia che vedo (dentifrici o colluttori vari) funzionali (sulla carta) a rinforzare le gengive, abbiano una effettiva utilità, o sono un po' come quei prodotti per la ricrescita dei capelli, cioè dove l'utilità resta solo teorica, ma nella pratica rasenta lo zero ahahah. Ringraziandola nuovamente, LE rinnovo i miei più cari saluti.

[#3] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Da adulti le cose cambiano e non si guarda più il lavandino quando si lavano i denti come ci insegna la scorretta pubblicità. I denti si puliscono a secco senza acqua e senza dentifricio guardandosi allo specchio, come lo troviamo scritto sui manuali di igiene dentale. Non posso sapere quale spazzolino è adatto a lei, perché non conosco la sua bocca la sua anamnesi, in certi miei pazienti non occorre nemmeno lo spazzolino. Cerchi un semplice igienista dentale e scoprirà che la pubblicità non ha nulla a che vedere con la scientificità.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/