Utente 339XXX
Un paio di mesi fa l implantologo mi toglieva un impianto,vecchio di nove anni[non fatto da Lui ],in quanto sempre dolorante, se sotto pressione.[5 superiore dx],ed inoltre con scarso osso e presunta peridontite,
con molto e combattuto scavamento dell osso.
Dopo una ventina di gg mi montava un nuovo impianto all adiacente 6 superiore dx,ma questo dopo un mesetto cca e' caduto.Per ammissione stessa dell implantologo,la causa e'quasi certamente stata la eccessiva distruzione del tessuto osseo, al momento dell asporto, dell anzidetto 5 super dx.
Gradirei sapere se tale incidente e'imputabile al dentista,e in che misura, e se del caso io abbia diritto al rimborso delle spese relative.
Ancora... ,una eccessiva acidita gastrica,puo essere causa di peridontite?
Ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
".....Un paio di mesi fa l implantologo mi toglieva un impianto,vecchio di nove anni[non fatto da Lui ],in quanto sempre dolorante, se sotto pressione.[5 superiore dx],ed inoltre con scarso osso e presunta peridontite....."

Dal suo racconto è molto verosimile che abbia avuto una perimplantite che ha reso necessaria la rimozione dell'impianto.Le cause di una perimplantite tardiva sono molteplici ma la più importante é la causa infettiva(batterica)



"....Dopo una ventina di gg mi montava un nuovo impianto all adiacente 6 superiore dx,ma questo dopo un mesetto cca e' caduto...."




Di norma si attende un periodo anche di sei mesi perché si riformi del tessuto osseo ed il più delle volte è necessaria una rigenerazione ossea(GBR).

Pur non conoscendo nello specifico il caso clinico,venti giorni sono un periodo incongruo.Forse è il caso di consultare un esperto Implantologo.


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 339XXX

Ho ricostruito con molta piu cura gli avvenimenti ,[rispetto alla formulazione che avevo dato la prima volta,e di cui chiedo venia]
Tra il 2016 e 2017 nel 5 superiore destro ,[impianto inserito da un vero impiantista del 2010]
la capsula traballava,e cambiata 3 volte ,dal suo collega dentista[non impiantologo],generava, pero'sempre lo stesso inconveniente.Alla 4 volta capi' che la vite doveva essere piu lunga.Ma , ormai il danno era fatto [mi accorgevo che detto dentista era addirittura terrorizzato!...per via della responsabilita'sulla competenza?] ,tanto che ,ora,,il nuovo impiantologo si ritrovava i tre denti in questione tutti con dolore alla pressione].
Questo sia al 4 Dx al 5Dx ,e poi anche sul 6 Dx che appunto Lui pone come impianto il 20 febbraio 2018,e completa con la capsula il 30 luglio.
Si noti che il 4 dx ,ora e'guarito e non dolora mai.[5dx e 6 dx assenti]. Mi sembra quindi ,che ogni responsabilita'del nuovo impiantologo non esista o sia ben minore... ?
Anche l' arcata superiore sinistra ha pure impianti sul 4Dx ,5 Dx e,6Dx con poco osso,che proprio da poco hanno iniziato a traballare[solidalmente].Si puo sperare di salvarli?Una blanda e temporanea assunzione di Decadurabolin,non potrebbe essere conveniente,vista la sua funzione anabolizzante ?Saluti

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Qualcosa non è andata verosimilmente per il verso giusto,un impianto non può e non deve muoversi,né causare dolore al carico.Se si verifica quanto emerge dal racconto,una cosa è certa,l'impianto non è osteointegrato.Prima di procedere ad una riabilitazione implanto protesica va studiato accuratamente il caso,la presenza di volumi ossei adeguati,la presenza di una parodontite nei denti limitrofi(mai inserire impianti in tale evenienza),la coesistenza di malattie sistemiche,l'assunzione di farmaci,la presenza di abitudini voluttuarie quali il tabagismo,la presenza di parafunzioni.Come ben vede l'implantologia non è solo "fare un foro e inserire una vite",ma é la summa di tanti fattori che vanno sempre valutati preliminarmente.Spero che abbia risolto o che risolva i vari problemi elencati,anche quelli a cui ha appena accennato.A distanza, capisca, è impossibile darle risposte certe senza poterla visitare ed avere report clinici.Per ogni ragionevole dubbio esiste sempre la possibilità di consultare un Collega implantologo con la " I "maiuscola.
Cordiali Saluti ed Auguri
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Alcuni concetti non ancora definiti dall'amico dr. De Socio devono essere chiariti, indipendentemente dalla bravura del dentista implantologo o meno.

"incidente imputabile..."
Che parolone...
Può succedere.

Se cade, si rimette (cercando di capire perchè è successo. ovviamente).
Ovviamente senza altri addebiti al paziente.
E ogni tanto cadono appena messi.
L'unico a cui non cadono mai è il dentista che NON FA impianti.

Il tempo di attesa dopo il reinserimento.
A volte reinserisco contestualmente, altre volte attendo 3 settimane, altre ancora 6 mesi.
Varia da caso a caso.

Se reputa di cambiare dentista, normalmente il rapporto economico si risolve escludendo dal conto l'impianto fallito.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)